Manfredonia
Regia di Alberto Bennati, con Claudia Potenza e Gigi Giuffrida

Perchè gireremo “I nostri passi diversi” a Manfredonia (FT- VD)

"Un perfetto signor nessuno, senza né arte né parte (e senza una gamba) riuscì a vivere per un mese a spese dei cittadini"


Di:

Manfredonia. Presentato stamane, presso l’infopoint del Gal DaunOfantino, il film “I nostri passi diversi” di Alberto Bennati, che si girerà nella nostra città nei mesi di Giugno e Novembre prossimi. Il film prende spunto dalla truffa che nel 1999 ha visto protagonista Manfredonia ed i suoi cittadini, amministrazione compresa. Un perfetto signor nessuno, senza né arte né parte (e senza una gamba) riuscì a vivere per un mese a spese dei cittadini, spacciandosi per Fabio Bonifacci, un impresario cinematografico intenzionato a girare un film a Manfredonia. Non si è trattato di una vera e propria truffa, ma di un “raggiro” ci tiene a precisare il regista Bennati. Il falso Bonifacci infatti, non ha rubato altro se non il vitto e l’alloggio in albergo, in cambio ha regalato alla cittadinanza un sogno, che poi si è infranto. E l’idea del regista è proprio quella di restituire a Manfredonia il film che le era stato promesso. Questa storia infatti, si presta ad essere girata ovunque, hanno affermato l’attore Gigi Giuffrida, parte integrante del cast e organizzatore delle riprese e Ciro Persiano, produttore della pellicola per BLUECinematv, tuttavia abbiamo voluto fortemente girare a Manfredonia, città piena di contraddizioni, ma ancora capace di sognare. I soggetti principali del film saranno infatti due: la forte personalità del truffatore protagonista e la città.

Se avessimo voluto soltanto dei paesaggi da cartolina avremmo potuto girare in Salento, ha continuato il regista, ma abbiamo scelto Manfredonia perché di lei vogliamo mostrare il bello e il meno bello, i postumi della mancata industrializzazione accanto ai luoghi del turismo, senza aver paura di inquadrare il palazzo di cinque piani che sorge accanto alla chiesa medievale, perché è questo che rende la città vera e particolare. Il ruolo del sedicente impresario sarà affidato a Ivan Franek, attore ceco di grande intensità ed espressività, noto in tutta Europa e visto in film d’autore quali “La grande bellezza”di Sorrentino e “Noi credevamo” di Mario Martone. Accanto a lui l’attrice sipontina Claudia Potenza (già vista in Basilicata coast to coast) nei panni di una speaker radiofonica manfredoniana che, dopo aver perso il lavoro a causa della chiusura della radio, viene a conoscenza della storia del raggiro del ’99 e decide di approfondirla. Nel cast anche Gigi Giuffrida, Antonio Prisco ed Edoardo Romano. In I nostri passi diversi si incrociano due piani temporali, quello del 1999 che racconta il raggiro e quello del 2016 con protagonista Claudia Potenza. La parte ambientata nel 1999 sarà girata a giugno, la seconda a Novembre prossimo per evidenziare il cambio di stagione. “Nulla cambia più radicalmente dall’estate all’inverno, delle città di mare” ha affermato Ciro Persiano.

Ne consegue una sceneggiatura che, specie per la sua seconda parte, è ancora in divenire e viene costruita per gradi. La storia sarà molto semplice e immediata: “Visto che i film giudicati di interesse culturale dal MIBACT, di solito li vedono in pochi, noi ci teniamo a fare un film di nessun interesse culturale”, ha scherzato il regista! Tuttavia vogliamo essere profondi nel modo di raccontare le cose, vogliamo rendere vive le immagini più semplici attraverso le storie e gli sguardi delle persone”. I contratti per la distribuzione nelle sale di “I nostri passi diversi” sono ancora in via di definizione, ma il film uscirà probabilmente nel 2017 in Italia e nei Balcani, dove diventerà una miniserie TV in due puntate.

FOTOGALLERY ANTONIO TROIANO

Perchè gireremo “I nostri passi diversi” a Manfredonia (FT- VD) ultima modifica: 2016-05-09T21:15:25+00:00 da Annapina Rinaldi



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This