Cronaca

Candela, fermati 4 rumeni per furto energia elettrica

Di:

Controlli carabinieri (ST- archivio)

I Carabinieri della Stazione di Candela hanno tratto in arresto in flagranza di reato i cittadini di origine rumena Andronache Gheorghita, classe 1968, Andronache Mariana, classe 1968, Andronache Claudiu Ionut, classe 1992 e Dumitru Nicoleta, classe 1970, domiciliati nel comune di Candela in località “Piscioli” per il reato di concorso in furto aggravato di energia elettrica. Nel corso di un servizio finalizzato alla prevenzione ed alla repressione dei reati nelle aree rurali, mentre transitavano lungo una delle strade della contrada “Piscioli” a circa 10 km dal centro abitato di Candela i Carabinieri notavano un casolare a due piani di vecchia costruzione. L’attenzione dei militari veniva richiamata da un cavo elettrico che usciva da una delle finestre del secondo piano collegato direttamente ad un palo della rete elettrica Enel adiacente al casolare. Insospettiti dal collegamento elettrico di evidente fattura artigianale, richiedevano una squadra dell’Enel per effettuare le verifiche tecniche del caso.

Sul posto giungevano anche i quattro cittadini rumeni che dichiaravano di abitare all’interno del casolare. Al termine degli accertamenti si appurava che il cavo sospetto alimentava di energia elettrica il casolare e che era direttamente allacciato con la rete elettrica esterna senza alcun collegamento ad un contatore. Stante la flagranza di reato, gli occupanti dell’immobile venivano dichiarati in arresto per concorso in furto aggravato di energia elettrica. Dell’attività di polizia giudiziaria veniva informato il Sostituto Procuratore presso il Tribunale di Foggia che disponeva la detenzione degli arrestati presso le camere di sicurezza in dotazione alla Stazione Carabinieri di Cerignola, in attesa di essere giudicati con rito direttissimo.


Redazione Stato@riproduzione riservata



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi