Manfredonia
La 61enne si è dichiarata "fiduciosa di charire presto la propria posizione"

Manfredonia, maestra arrestata per maltrattamenti. Donna rigetta le accuse

Al termine delle formalità di rito, l’insegnante è stata sottoposta al regime degli arresti domiciliari presso la propria abitazione a disposizione dell’A.G. procedente


Di:

Manfredonia, 09 giugno 2017. HA rigettato tutte le accuse addebitategli la maestra di una scuola materna di Manfredonia, 61enne del centro sipontino, destinataria stamani di un’ordinanza di custodia cautelare, eseguita dagli Agenti del Commissariato, per “maltrattamenti di minori affidati per ragioni di istruzione“.

In attesa dell’interrogatorio di garanzia, che si svolgerà dinanzi al Gip Ferrucci del Tribunale di Foggia (Pm la dr.ssa Simone), la donna – difesa dall’avvocato Francesco Le Noci – ha negato qualsiasi addebito relativo ai maltrattamenti, e si è dichiarata “fiduciosa di charire presto la propria posizione“.

Relativamente alla misura cautelare eseguita, l’avvocato Le Noci preannuncia un ricorso presso il Tribunale della Libertà di Bari. Da segnalare che è stata rigettata la misura interdittiva di sospensione, per un periodo di 6 mesi, dall’insegnamento. La donna è attualmente ai domiciliari.

L’indagine
L’attività di indagine ha tratto origine dalla segnalazione partita da un istituto scolastico riguardo a presunti episodi di maltrattamenti posti in essere da una insegnante nei confronti di alcuni alunni, dei quali ne aveva l’affidamento per ragioni di istruzione. Per verificare la veridicità dei gravi fatti segnalati, gli Agenti del Commissariato di Manfredonia installavano delle telecamere all’interno dell’aula dove, secondo quanto appreso, si verificavano gli episodi di maltrattamenti.

L’attività di monitoraggio audio e video ha consentito di documentare numerosissimi episodi di maltrattamenti nei confronti dei bambini aventi una età compresa tra i 3 ed i 5 anni, alunni dell’insegnante indagata. La quasi totalità degli episodi di percosse posti in essere dalla maestra nei confronti dei bambini, si manifestavano con degli schiaffi sulla testa dei bambini seguiti o preceduti da strattoni per le braccia, senza dubbio idonei a provocare dolore considerata la tenera età dei bambini e la parte del corpo attinta.

A “scatenare” gli atteggiamenti irruenti da parte dell’insegnante, la circostanza che i bambini disattendevano alle intimazioni di restare seduti ed in silenzio. In alcuni casi i bambini oggetto di percosse, erano “colpevoli” solo di aver sbagliato a colorare o a disegnare oppure erano stati particolarmente “vivaci”. I gravi indizi di colpevolezza a carico dell’insegnante, raccolti grazie alle indagini svolte dagli Agenti del Commissariato di Manfredonia, permettevano alla Procura della Repubblica di Foggia di richiedere ed ottenere il provvedimento di custodia cautelare nei confronti dell’indagata.

Al termine delle formalità di rito, l’insegnante è stata sottoposta al regime degli arresti domiciliari presso la propria abitazione a disposizione dell’A.G. procedente.

redazione stato quotidiano.it -riproduzione riservata

Manfredonia, maestra arrestata per maltrattamenti. Donna rigetta le accuse ultima modifica: 2017-06-09T22:04:14+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
12

Commenti


  • Mah

    Perché non viene specificato l’asilo? Che schifo, si faccia chiarezza e questa sottospecie di insegnante dei miei stivali venga assicurata alla giustizia. VERGOGNA


  • Angela trotta


  • ernesto

    Il mio maestro della elementari mi ha riempito di schiaffi. Ora ho un bellissimo lavoro e sono padre di due bambini. Il tutto potrebb essere vero ma noi siamo in grado di fare i genitori? Io vedo solo mamme che si lamentano perché la loro prole non è seguita…..non mandateli a scuola, teneteli a casa a ingozzarli di cibo, Tv e smartphone, e innsegnate voi tutto a loro.
    Non due ma 4 schiaffi ogni tanto fanno bene


  • manfredoniano

    nome e cognome……. la gente deve sapere chi sono questi elementi per poter proteggere i minori……


  • Maria Guerra

    Mio padre mi raccontava che il maestro bacchettava gli alunni vivaci sulle mani a palmo aperto..
    Altri tempi. Oggi sarebbe opportuno una verifica triennale agli insegnanti educatori da parte di uno psicologo per verificare la idoneità degli insegnanti.
    Mio fratello che ha espresso il suo pensiero a scuola è stato perseguitato dal professore con denigrazioni varie e voti bassissimi. Dopo anni altri insegnanti hanno capito che il collega aveva problemi personali.


  • Geny

    Non è giusto maltrattare bambini anche se spesso molto maleducati, bisogna maltrattare i loro genitori perché tra amici, Facebook, calcio e palestra si dimenticano di avere figli e spesso fanno la cosa più sbrigativa gli danno sempre ragione, difendono, e gli permettono di fare tutto quello che vogliano.


  • Trallalero

    Se i muri di tutte le scuole potessero parlare! Quante ne abbiamo passate! La cosa non ERA e non E’ giusta però adesso si esagera al contrario. Non difendo quell’insegnante, anzi! ma avendo un lavoro che mi porta a contatto con bambini e adolescenti vi posso assicurare che ne vedo di tutti i colori e i genitori lasciano fare. E’ assurdo sentire bambini che usano un linguaggio da scaricatore di porto e i genitori ridono! Le insegnanti dopo un periodo di tempo dovrebbero passare dei test per misurare il “GRADO DI TOLLERANZA” !


  • GSEPP

    PROPR ACCHSSI MARUA A GUERRA E T FACIEVEN NGNUCCHIE’ SOP I CICR TUST E IU GRAZIE A QUES ESPERIENZA E FATT PR A GUERR E C LE FATT I VUAGNUN D MO SO FRAGL E CUCCULET PO CAPT A MAESTRA PACC E STEM A POST


  • ciro

    secondo me basta fargli cambiare scuola ci vuole il turn over anche per loro
    una volta l’anno devono girae per tutte la puglia cosi’ riflettono di starsene bene a casa loro


  • angelica

    Brava geny condivido a pieno sté mamme di adesso se ne fregano di educare i figli preferiscono mandare all`asilo o a scuola pur essendo malati pur di fare loro le z…davanti i bar a gambe all`aria vergognatevi almeno un pò


  • io sono Francesco


  • Manfredoniana

    Vogliamo foto con nome e cognome . Perché l’anonimato?? Non è giusto!!?? Perché tutti dobbiamo sapere ….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi