Manfredonia
Nonostante un recente sinistro mortale

Manfredonia, San Leonardo “Continuano attraversamenti lungo la SS89: attenzione”

I fatti, segnalano i lettori, sono avvenuti dopo una messa domenicale, alla presenza dei soli visitatori

Di:

Manfredonia. NONOSTANTE un recente sinistro mortale, continuano gli attraversamenti a piedi lungo la S.S. 89 Manfredonia – Foggia, all’uscita dell’Abbazia di San Leonardo in Lama Volara, al km 175,800.

Le foto in allegato al testo, inviate a Stato Quotidiano dai lettori, testimoniano infatti il passaggio a piedi di una coppia di signori dall’uscita dell’Abbazia verso il lato opposto della carreggiata, diretti a un’autovettura. I fatti, segnalano i lettori, sono avvenuti dopo una messa domenicale, alla presenza dei soli visitatori.

“Da domenica 18 giugno 2017, fino a settembre, la celebrazione della messa sarà alle ore 20, anzichè alle 11. Di conseguenza i rischi possono aumentare notevolmente”,dicono i lettori.

Continua la petizione popolare

Continua intanto la petizione popolare “affinchè le istituzioni si impegnino concretamente nel risolvere le problematiche infrastrutturali legate all’accesso a San Leonardo“. Questa la proposta di un parente delle vittime dell’investimento mortale avvenuto domenica 23 aprile 2017, lungo la Strada Statale 89, all’uscita dell’Abbazia.

L’incidente

Come ricordato, il 23 aprile 2017, Nunzio Dicembrino e Lucia Trotta, marito e moglie, sono stati investiti mortalmente da un’autovettura, dal centro sipontino diretta verso il capoluogo dauno. La coppia stava attraversando a piedi la statale, dall’uscita dell’Abbazia verso il lato opposto della carreggiata, per prendere un’auto parcheggiata precedentemente. Fatale l’impatto con un veicolo. L’uomo alla guida del mezzo che li ha travolti – che viaggiava insieme con la famiglia – si era fermato prontamente per prestare soccorso. Ma l’impatto è stato fatale. Sotto shock, il giorno dell’incidente, gli investitori, per non essere riusciti ad evitare l’impatto con la coppia che stava procedendo a piedi, diretta verso il lato opposto dall’ingresso dell’Abbazia, dove in tanti parcheggiano l’autovettura a causa della mancanza di ulteriore spazio per accedere nel sito.

Il giorno dell’incidente erano intervenuti sul posto i sanitari del 118 di Manfredonia, i Vigili del Fuoco di Manfredonia, i Carabinieri del locale Comando Compagnia per i rilievi e la circolazione stradale. Presenti anche gli agenti del Comando della Polizia municipale di Manfredonia. Non chiaro se prima dell’investimento fossero presenti, sul posto, referenti delle forze dell’ordine.

Il concerto

Come precedentemente divulgato, il giorno dell’investimento mortale, all’interno dell’Abbazia di San Leonardo era in programma il “Concerto di Pasqua” a cura del Coro Polifonico “Te Deum Laudamus”.

SS89: la competenza è dell’Anas

Si ricorda come, relativamente alla Strada Statale 89 Garganica, strada che percorre il periplo del promontorio del Gargano, da San Severo a Foggia, la competenza è dell’ANAS.

LE PASSATE PROPOSTE . “Una barriera di new jersey per la sicurezza sulla SS 89 (15.07.2009)”

http://www.statoquotidiano.it/27/04/2017/messa-sicurezza-ss89-foggia-manfredonia-interrogazioni-dal-2007/539468/

Testimoni dell’incidente del 23 aprile 2017

“E’ stata una tragedia annunciata”, aveva detto a Stato Quotidiano un cittadino che ha assistito al concerto svoltosi nell’abbazia. “Per i soccorsi abbiamo atteso almeno 20-25 minuti. I civili hanno messo in serio pericolo la propria vita per segnalare/rallentare il traffico in condizioni di oscurità e senza mezzi adeguati. Mancavano le torce elettriche e ci si aiutava con i fari dell’autovetture. Assurdo”.

FOTOGALLERY

Lettori dopo l’incidente del 23 aprile 2017

Strada pericolosissima sia per i pedoni che per le auto. L’intelligenza umana ha prodotto un pericolosissimo parcheggio sul lato opposto di fronte San Leonardo, questo è il risultato. Va chiuso e vietato. Rispettare le misure di sicurezza per l’incolumità pubblica“, dice un lettore.

Evento pubblicizzato, ma c’era qualcuno sul posto per la sicurezza prima dell’incidente?”.

Con il buio la situazione peggiora per la sicurezza e la viabilità“.

Quello che serve e’ lo spartitraffico, anche perche’ vi sono altri punti pericolosi come i due distributori di benzina, da dove sbucano autoveicoli che fanno rifornimento, il piu’ delle volte pensano di stare su una strada normale prendendosi la precedenza a destra.. Mentre, con lo spartitraffico, sono costretti a raggiungere l’incrocio ed effettuare il senso di marcia in sicurezza“.

Quella strada andrebbe dotata di spartitraffico. La percorro quotidianamente e ogni giorno ci sono situazioni di grave pericolo con le automobili che accedono ai distributori o alle vie opposte attraversando la linea di mezzeria.. Talvolta si fermano a centro strada prima si svoltare“.

Focus Abbazia di San Leonardo – Interventi – Affidamento gestione
Realizzazione delle opere di consolidamento e restauro del complesso abbaziale di San Leonardo, progetto relativo solamente al “preventivo puntellamento delle strutture superstiti del complesso conventuale che si ergeva alle spalle della chiesa monumentale”.

Ad oggi, “L’abbazia di San Leonardo abate in Lama Volara di Siponto è un centro di spiritualità affidato ai Ricostruttori (nella preghiera,ndr)“. “La Chiesa abbaziale è un esempio ammirevole di architettura romanica pugliese; di grande rilevanza il portale nord, rivolto al Gargano. All’interno della chiesa si può ammirare l’avvicendarsi delle stagioni grazie alla presenza di due fori gnomonici, uno per il solstizio d’estate e un altro per gli equinozi di primavera e di autunno. Il Monastero, attualmente, è inagibile, anche se sono previsti lavori per una sua completa ristrutturazione e valorizzazione. L’Ospedale è il luogo in cui originariamente venivano ospitati i pellegrini diretti alla grotta dell’Arcangelo Michele a Monte Sant’Angelo. L’Ospedale è stato completamente recuperato e oggi è tornato ad essere utilizzato“.

L’Arcidiocesi di Manfredonia – Vieste – San Giovanni Rotondo ha affidato ai Ricostruttori il compito di far rinascere l’Abbazia con il loro carisma, affinché possa tornare ad essere un centro di attrazione aperto e accogliente verso quanti sono in cerca di una strada verso l’Assoluto“.

Redazione Stato Quotidiano.it – Riproduzione riservata

NOTA BENE
E’ permessa solo la riproduzione di PARTE degli articoli e solo se accompagnata da link diretto all’articolo intero sul sito. E’ obbligatorio citare la nostra testata giornalistica, www.statoquotidiano.it, come fonte. Avvisiamo che eventuali violazioni verranno perseguite direttamente per vie legali, senza avviso preventivo.

REDAZIONE STATO QUOTIDIANO.IT, DDF- RIPRODUZIONE RISERVATA

FOTOGALLERY

REDAZIONE STATO QUOTIDIANO.IT, DDF- RIPRODUZIONE RISERVATA



Vota questo articolo:
10

Commenti


  • il monnezzaro

    Come se non fosse successo, nulla su quella maledetta strada che è una delle più pericolose d’europa…e il bello potrebbe stare in agguato con migliaia di autocisterne piene di gpl.


  • Nicola

    Assurdo….i soliti idioti che rovinano la vita degli altri….ma dico più imbecilli di così…si credono dei dritti…poi si piange quando è tardi….


  • Antonio Trotta

    Rispetto per le vittime, tuttavia è una statale dove non è previsto l’attraversamento pedonale.


  • MATT MATTO

    IGNORANZA DILAGANTE.SENZA PAROLE


  • Alberto

    Sono fiducioso i napoletani ci faranno il porto industriale nuovo, la statale 89_a 8 corsie e il raddoppio della ferrovia, stadio nuovo da 15 .000 posti, centro anziani a il vello europeo a Villa Rosa restaurata e udite udite…trattenere il respiro..Diego Armando Maradona allenatore D.S.Ardiles già campione del mondo 78! Metacentro Commerciale Santa Lucia zona ex Enea il più grande mai costruito in Italia con annessi parco giochi e parcheggio x 10 mila auto.


  • Decimo Meridio

    Mai visto un attraversamento pedonale su una statale se non quando passi per un centro abitato. Chi attraversa lo fa a proprio rischio e pericolo, concedendo la precedenza ai veicoli in transito. Certo che se si fa un parcheggio dall’altro lato della strada si realizzi prima un sottopasso, invece di scaricare o addossare colpe su soggetti che non possono né vietare che si attraversi a piedi (cosa molto incosciente e pericolosa per la propria ed altrui incolumità), né favorire l’attraversamento cercando di fermare auto su una statale a quattro corsie. Mi riferisco a Carabinieri, Polizia e Polizia locale che tra l’altro non ha competenze su quel tipo di strada.


  • Decimo Meridio

    Mai visto un attraversamento pedonale su una statale se non quando passi per un centro abitato. Chi attraversa lo fa a proprio rischio e pericolo, concedendo la precedenza ai veicoli in transito. Certo che se si fa un parcheggio dall’altro lato della strada si realizzi prima un sottopasso, invece di scaricare o addossare colpe su soggetti che non possono né vietare che si attraversi a piedi (cosa molto incosciente e pericolosa per la propria ed altrui incolumità), né favorire l’attraversamento cercando di fermare auto su una statale a quattro corsie. Mi riferisco a Carabinieri, Polizia e Polizia locale che tra l’altro non ha competenze su quel tipo di strada.


  • Antonio Trotta

    Purtroppo come tutte le cose non si conoscono le leggi in Italia.
    Il codice della strada prescrive il comportamento dei pedoni (Art 190)


  • Giosy

    E’ stato “frùscio di scopa nuova”. All’indomani del incidente mortale c’è stato, per due o tre domeniche, il presidio dei VV.UU. di Manfredonia sul ciglio della strada, con i lampeggianti accesi, durante tutta la celebrazione della Messa. Lo so che non è la soluzione al problema, ma almeno tutti i veicoli, già da lontano, notavano i lampeggianti e di conseguenza rallentavano notevolmente (anche temendo la presenza di un AUTOVELOX a bordo della pattuglia). Ora il traffico aumenterà sempre più per ovvi motivi, inoltre la celebrazione serale contribuirà, sicuramente, ad aumentare i rischi su quel tratto di strada. In attesa di soluzioni idonee e definitive, è possibile ritornare ad avere la presenza della pattuglia? Dobbiamo, per forza, attendere altre tragedie?


  • svolta

    Ho visto in un sevizio televisivo che riguardava un tratto di strada, si notavano nettamente degli impianti semaforici alimentati con pannelli solari. Chiedo perché non si mettono in quel tratto di strada col colore giallo….”ATTENZIONE”, rallentare. Si auspica quanto detto in tempi non sospetto che si realizzi un sottopasso come quello presente alla discesa di Santa Lucia che permette di andare/ritornare dall’agriturismo “Santa Lucia”….. Eppure San Leonardo è un Buon Santo…. Faccia la Grazia, apri la mente a qualche decisore……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi