"La colpa dei fratelli Luciani era di essere al lavoro, il 9 agosto"

Agguato mafioso nel Gargano, Saviano “Un pensiero alle vittime innocenti…”

"Lo scorso novembre sono stato all'Università di Foggia, tanti mi parlavano terrorizzati dell'escalation criminale in atto nella loro provincia"


Di:

”Li immagino i fratelli Luciani, Luigi e Aurelio, capire in una frazione di secondo che quello che avevano visto li avrebbe condannati a morte. Dopo aver freddato il presunto boss di Manfredonia Mario Luciano Romito e il cognato Matteo De Palma, i sicari li hanno inseguiti nei campi e li hanno finiti a sangue freddo. Il mio pensiero è subito corso a Rosario Livatino. La colpa dei fratelli Luciani era di essere al lavoro, il 9 agosto. Vittime innocenti, colpevoli di essere meridionali.

Lo scorso novembre sono stato all’Università di Foggia, tanti mi parlavano terrorizzati dell’escalation criminale in atto nella loro provincia. Dopo i primi omicidi di quest’anno, dagli amministratori locali si è alzato forte un grido, era una richiesta di aiuto. Lo Stato adesso agirà con risolutezza sull’onda del clamore e dell’indignazione, ma come sempre, prima di agire, ha atteso che venisse versato altro sangue meridionale. Meridionale come il ministro degli Interni Marco Minniti che in questi mesi ha preferito accanirsi contro altri meridionali. Perché c’è sempre un meridionale più meridionale degli altri. Nascosto dietro un’idea autoritaria di legalità, alla ricerca di riflettori e di uno spazio politico nel Governo, Minniti ha tradito la sua funzione di ministro degli Interni e mi sembra assurdo dirlo, ma il dramma dell’Italia è il Sud che sta morendo, non il lavoro meritorio delle ong. Intanto i danni fatti sono irreparabili, ma con uno scatto di dignità il ministro degli Interni potrebbe farsi da parte, dopo aver attraversato tutto l’arco costituzionale, dalla sinistra all’estrema destra. Prima di farlo, però, vada a Foggia e comprenda il vero pericolo che minaccia lo Stato, perché Aurelio e Luigi Luciani sono tutto il Sud, che è vittima innocente delle mafie.

P.s. I commenti a questo post daranno ragione a chi ritiene che Minniti sia stato infiltrato nel Governo dalla Lega e dal M5S”.

(Roberto Saviano. Facebook, 09.08.2017)

fotogallery enzo maizzi

redazione stato quotidiano.it

Agguato mafioso nel Gargano, Saviano “Un pensiero alle vittime innocenti…” ultima modifica: 2017-08-09T21:23:36+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
6

Commenti


  • Ris

    Purtroppo, qualcuno sembrerebbe essersi accorto oggi di qualcosa che dilania il nostro territorio da sempre!! Ed allora vai con lo show politico, di chi queste cose le ha sempre viste e mai denunciate!!! Ho letto commenti di sdegno ed approvazione in uno stato dove non vige la pena di morte, eppure sembrerebbe che qualcuno voglia giustificare la morte di 2 Innocenti con quella di 2 colpevoli!!! Ricordo a tutti che si è colpevoli davanti a Dio e la vita dovrebbe essere garantita a tutti a prescindere le colpe, altrimenti si rischia di vedere quello che è accaduto oggi!! Spero che nostro signore accolga tutti e quattro e se così non dovesse essere lascio a lui la scelta!! Un Rip a tutti!!


  • Ris

    Chi è senza peccato scagli la prima pietra!!!! Nessuno della politica cosece questa frase!!!! Sarà un caso?? Dico vergogna ai parolieri e strumentalizzatori di eventi nefasti!!! I due ragazzi innocenti sono tanto vittime della mafia che di non garantisce un futuro dignitoso si figli di questa terra!!!! W il meridione w il Gargano!!


  • Politici inutili

    Poveri veri noi e i nostri figli.


  • Tony

    Concordo con Ris in pieno,del resto siamo tutti vittime di uno Stato che non vede,non sente..Non sono i cittadini del Sud omertosi,qui il vero omertoso è lo Stato.


  • Mah?!

    A quanto pare, il signor Saviano non perde occasione per fare polemica.

    Perché tirare in ballo l’attività del ministro Minniti per una (minima) regolamentazione dell’indecoroso e selvaggio traffico degli scafisti, oggettivamente facilitato dalle cosiddette ONG, nel parlare della mafia del Gargano e dell’insostenibile attività delle organizzazioni criminali in un Sud sempre più abbandonato?

    Il rispetto dovuto ai due agricoltori, vittime innocenti, impone a tutti di evitare strumentalizazioni.

    La questione dell’insufficiente lotta alla mafia e alle varie forme di criminalità organizzata è antica, non nasce certamente con l’affidamento dell’incarico di Ministro degli Interni a Minniti, al quale non mi sembra si possano fare addebiti specifici per una sottovalutazione di tale storico problema.

    E’ chiaro che ci si aspetta da lui un maggiore impegno su questo problema (rispetto a quello di tanti suoi predecessori), ma non lo si può rimproverare se intanto sta cercando di imporre delle regole (regole minime, che forse non saranno neppure sufficienti) per tentare di arginare l’arrivo indiscriminato di migranti economici (non di profughi, beninteso, per i quali il discorso è diverso) in un Paese in cui la situazione dell’ordine pubblico è già così critica, la disoccupazione è devastante, il sistema pensionistico è a rischio.

    Il codice delle ONG era il minimo che un Ministro degli Interni potesse fare. Ma si teme che neppure basti.

    Perciò, signor Saviano, si astenga dall’attaccare il ministro Minniti su questo problema e non faccia anche lei populismo demagogico di segno diverso.


  • Domenico tancredi

    Se mezzo parlamento è inquisito , se i parlamentari pensano prevalentemente a conservare i loro privilegi, possiamo meravigliarci se lo STATO è da sempre latitante? L,unica vera soluzione è trovare una soluzione per cambiare i criteri di selezione per chi ci governerà nel futuro. Nessun privilegio personale, unica soddisfazione, avere la possibilità di mettere al servizio degli altri le proprie capacità per il bene collettivo..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi