Capitanata

Assunzione stranieri irregolari: operazione carabinieri tra Stornara e Candela


Di:

Bulgari a Stornara

Bulgari a Stornara (archivio, Cc-St)

Foggia – TRA gli scorsi 7 ed 8 settembre, i militari della Compagnia di Cerignola hanno eseguito un servizio straordinario di controllo dei territori dei Comuni di Stornara, Stornarella e Candela finalizzato al controllo ed alla identificazione di cittadini stranieri, al contrasto dello sfruttamento della manodopera clandestina nel settore agricolo oltre che al controllo della circolazione stradale. L’intero dispositivo costituito da ventisei militari su quindici autovetture ha provveduto a sottoporre a controllo fondi agricoli ed aree di insediamento adibite a veri e propri dormitori da parte di lavoratori stranieri.

DENUNCIATI 26 BULGARI PER OCCUPAZIONE ABUSIVA STABILI – In data 7 settembre i carabinieri a Stornara, in contrada Visciola, hanno ispezionato un caseggiato relativo ad un impianto dismesso di proprietà dell’Ente Autonomo Acquedotto Pugliese sito in un’ area di circa 800 mq. Detto caseggiato versa in stato di completo abbandono ed è privo sia di porte che di finestre oltre che di una recinzione esterna. All’interno della struttura è stata rilevata la presenza di nr. 26 cittadini di nazionalità bulgara. Detti bulgari, muniti di relativi documenti di identificazione avevano occupato abusivamente i locali mediante l’utilizzo di tende da campeggio, sacchi a pelo e materassi, realizzando altresì una fossa comune a cielo aperto utilizzata come servizio igienico, recintato da lenzuola e pannelli di plastica, il tutto privo di ogni minimo requisito igienico-sanitario. I militari hanno provveduto all’identificazione di tutti i cittadini bulgari ivi alloggiati ed al controllo di n. 06 autovetture in uso agli stessi, risultati poi in regola con i documenti assicurativi e di circolazione.

I cittadini bulgari identificati sono stati deferiti, al termine degli accertamenti, alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Foggia per le ipotesi di reato di cui all’art. 633 comma 2° del C.P. (invasione di terreni o edifici).

ASSUNZIONE STRANIERI IRREGOLARI A CANDELA – In data 8 settembre i carabinieri della stazione di Candela unitamente al personale del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro (N.I.L.) di Foggia, a seguito di controlli presso un’aziende agricola sita in contrada “La Croce” del comune di Candela hanno denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Foggia il responsabile della stessa ditta per aver occupato al lavoro cittadini extra comunitari privi di permesso di soggiorno. Nel contesto dell’ attività è stato identificato e denunciato in stato di libertà anche un cittadino ghanese per mediazione illegale di manodopera (ex fenomeno del caporalato) che lucrava euro 5 al giorno da ogni lavoratore quale compenso per aver loro trovato lavoro.

Quest’ultima operazione segue ad un’ analoga attività investigativa che ha portato, nei decorsi giorni, alla denuncia di altre due persone (datore di lavoro e Caporale) e all’arresto di un cittadino extra U.E. inosservante del provvedimento di espulsione.

ESITO ATTIVITA’ – All’esito del servizio sono state denunciate complessivamente n. 28 persone a piede libero, sono state controllate n. 37 persone di nazionalità straniera e a seguito dei controlli alla circolazione stradale, sono state controllate nr. 44 autovetture, identificati nr. 72 occupanti ed elevate nr. 12 infrazioni alle norme del C.D.S ed eseguite nr. 02 perquisizioni personali e veicolari.

Redazione Stato

Assunzione stranieri irregolari: operazione carabinieri tra Stornara e Candela ultima modifica: 2010-09-09T12:13:08+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • Luigi C.

    Cari giornalisti quando scrivete una notizia verificatela prima di mettere in cattiva luce una azienda che nonostante tutti i suoi sforzi per non incorrere in sanzioni si trovano sempre nuovi spunti per sanzionarla anche penalmente.
    I lavoratori non erano privi di permesso di soggiorno ma assunti a regola d’arte. mentre i permessi di soggiorni sono falsi.
    io datore di lavoro quanta colpa ne ho?
    Cortesemente rettificate la notizia

    Poi seguite un lavoratore espulso e vedete quanta strada fa, solo pochi chilometri ed è pronto a mettere nei guai un altra azienda e di tutto questo i carabinieri (sembrano indifferenti – rettifica) perche denunciano un datore di lavoro innocente,mentre il cittadino extra u.e. inosservante del decreto di espulsione gira liberamente per tutto il territorio
    mi scuso con tutti quelli che leggono forse non so farmi capire, anche perchè penso che quello emerso (dei falsi permessi di soggiorno relativi a immigrati assunti in un’azienda) sia un evento inedito per la terra di Capitanata,
    se volete informazioni chiamatemi 3397223434 –


  • Redazione

    Gentile signor Luigi,
    come già anticipatoLe, l’articolo in questione è stato pubblicato (integralmente) in seguito alla ricezione sulla segreteria di un comunicato stampa. In ogni modo, rettifica e commento inserito, grazie. Saluti, Red. Stato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi