FoggiaStato news

Tributi locali, Mainiero: Landella inverte la tendenza


Di:

Foggia – “NONOSTANTE i limiti dettati dal ‘Decreto Salva Enti’, che impone di elevare le aliquote nella massima misura consentita, il Comune di Foggia è riuscito a prevedere alcuni piccoli ma importanti interventi a favore delle imprese e dei cittadini che vivono in condizioni di difficoltà economica. È un risultato politico rilevante, che segna un’inversione di tendenza rispetto a quanto accaduto negli anni scorsi”. È il commento di Giuseppe Mainiero, portavoce cittadino e consigliere comunale di Foggia di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale, all’esito del voto con il quale l’Assemblea consiliare ha licenziato ieri il regolamento istitutivo dell’Imposta Unica Comunale (Iuc) e delle aliquote e delle detrazioni Imu e Tasi per l’anno 2014.

“Come accaduto per il bilancio consuntivo 2013, il centrodestra si è fatto carico di approvare un provvedimento che i nostri predecessori si erano ben guardati dal discutere, pur avendo tutto il tempo per farlo, giacché la Iuc è stata istituita con la Legge di Stabilità varata nel dicembre del 2013 – afferma Mainiero –. Abbiamo approvato un regolamento dalla valenza retroattiva, frutto di una scellerata decisione degli esecutivi Letta e Renzi, che fa ricadere sulle tasche dei cittadini la cancellazione del Fondo di Solidarietà destinato ai Comuni. Lo abbiamo fatto con senso di responsabilità e cultura di governo, a differenza di quanti in Aula hanno provato goffamente ad impartire lezioncine di contabilità pubblica e di coerenza politica”.

Il riferimento di Maniero è “ai consiglieri che ci hanno suggerito di intervenire sulla spesa pubblica, dimenticando che si tratta di un’operazione che può essere realizzata nel prossimo bilancio di previsione e non in chiave retroattiva; a chi ha presentato al sindaco Landella l’elenco di ciò che il centrosinistra non è riuscito a realizzare in dieci anni, quasi pretendendo che questa mole di ritardi e di inadempienze fosse colmata in un poco più di un mese”. “È bene chiarirlo: sino ad oggi la maggioranza ha fatto ciò che i nostri predecessori avrebbero potuto fare e non hanno fatto – sottolinea il portavoce cittadino di FdI-An –. Non accettiamo lezioni da chi ha applicato un’aliquota ridotta per le abitazioni di lusso, da chi ha cancellato l’esenzione dal pagamento della Tari per le giovani imprese, solo per fare due esempi. Rivendicare l’adozione del ‘Salva Enti’ per scongiurare il dissesto finanziario non può far dimenticare che si è stati costretti ad aderire a questa procedura per le gravissime responsabilità politiche ed amministrative del centrosinistra”.

Con riferimento al provvedimento adottato ieri dal Consiglio comunale, Mainiero ricorda come “per l’Amministrazione comunale fosse impossibile ridurre le aliquote, attesi i vincoli del ‘Salva Enti’. Tuttavia siamo riusciti a prevedere alcune detrazioni sulla Tasi destinate alle fasce di reddito più basse (attraverso un emendamento di cui proprio Mainiero è stato primo firmatario, ndr), abbiamo evitato di colpire gli inquilini e abbiamo esentato dal pagamento della Tari per il primo anno di attività le giovani imprese – evidenzia il consigliere Mainiero –. Piccoli segnali che dimostrano il cambiamento che intendiamo mettere in campo. Il prossimo banco di prova sarà rappresentato dal bilancio di previsione. Uno strumento che ci accingiamo a predisporre quando i nove-dodicesimi della spesa pubblica sono comunque già acquisiti ed al quale non era possibile lavorare prima di aver licenziato il bilancio consuntivo e il regolamento sulla Iuc. Questo, ovviamente, non ci esime dall’intervenire sui restanti tre-dodicesimi della restante spesa, con una sua razionalizzazione ed ottimizzazione, aggredendo sperperi ed inefficienze”.

(ph: Vincenzo Maizzi)

Redazione Stato

Tributi locali, Mainiero: Landella inverte la tendenza ultima modifica: 2014-09-09T13:58:35+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This