Foggia
Arrestato iI boss Roberto Sinesi

Estorsioni, 6 arresti a Foggia nel clan Sinesi – Francavilla (II)

Roberto Sinesi attualmente è piantonato nel reparto di rianimazione dell'Ospedale di Foggia

Di:

Foggia. La Squadra Mobile di Foggia ha eseguito stamani un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dalla Procura Distrettuale Antimafia di Bari per il reato di concorso in estorsione aggravata dal metodo mafioso nei confronti di 6 appartenenti alla nota batteria foggiana dei Sinesi – Francavilla. Fra i destinatari della misura restrittiva il capo indiscusso della stessa batteria Roberto Sinesi, già condannato per reati associativi di stampo mafioso.

L’indagine, coordinata dalla Procura Distrettuale Antimafia di Bari, ha consentito di acclarare numerose estorsioni consumate dal gruppo criminate facente capo a Roberto Sinesi ai danni di numerosi autrasportatori che, in attesa di trasportare il pomodoro all’interno della ditta conservificio PRINCES sita a Foggia per la successiva lavorazione e trasformazione, una volta entrati all’interno del parcheggio antistante la stessa azienda, si sono visti costretti a versare una tangente di 50 euro a camion per prevenire danni agli autoarticolati.

Le misure restrittive sono state eseguite nei confronti di : SINESI Roberto nato a Foggia ii 16.10.1962; BISCOTTI Luigi nato a Foggia il 06.06.1976; CUPO Luciano nato a Foggia ii 11.08.1971; GIARDIELLO Cosimo nato a Foggia ii 10.01.1972; SPERANZA Luigi nato a Foggia 21.02.1970; LA TEGOLA Raffaele nato a Foggia 04.06.1971.

Le indagini hanno riguardato in particolare il periodo temporale agosto – settembre 2015, in cui si concentra nel territorio la raccolta del pomodoro da parte delle varie aziende.

Numerose sono le attività tecniche e i servizi di osservazione che hanno caratterizzato l’indagine

La batteria foggiana dei SINESI – FRANCAVILLA è da decenni in contrapposizione alla batteria foggiana dei MORETTI PELLEGRINO LANZA. A partire dal settembre 2015 fra le due batterie in contrapposizione nella sola città di Foggia sono stati documentati sei tentati omicidi ed un omicidio.

Le medesime ordinanze di custodia cautelare erano state eseguite in data 17 giugno 2016. ma, a seguito della pronuncia del Tribunale del Riesame, per difetto di motivazione erano state annullate con conseguente scarcerazione dei destinatari. A seguito di ricorso della DDA di Bari il Gip ha emesso una nuova misura cautelare.

L’agguato
A conferma della pericolosità della batteria foggiana dei SINESI FRANCAVILLA si ricorda che martedi 6 settembre il boss Roberto Sinesi, che nell’occasione teneva in braccio ii nipotino di soli 4 anni, mentre era a bordo dell’auto giudata dalla figlia, è stato vittima di un agguato.

In particolare presumibilmente 3 killer, giunti a bordo di una Fiat 500 di colore rosso successivamente rinvenuta bruciata, hanno attinto con 16 colpi di arma da fuoco di vario calibro l’autovettura, ferendo Sinesi alla scapola sinistra e il nipotino alla spalla destra, la figlia è risultata illesa.

Roberto Sinesi attualmente è piantonato nel reparto di rianimazione dell’Ospedale di Foggia.

Tentato Omicidio SINESI6

REDAZIONE STATO QUOTIDIANO.IT – RIPRODUZIONE RISERVATA



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati