Manfredonia
A cura di Pasquale Ognissanti

Acclisse


Di:

Forse pecchè llu cile ji scuree sènza lune ne nn’ànna
scjuché lli uagnune?e s’addemurenda llu cile quèst’acclissena guèrre tu me facisse?
Lla lune scioche a ll’ammuccjune,ne nn’èje pavure.st’aclisse a ll’amande fé rirecume i uagnune.
Ne nn’ji cose ca vene spisse,ll’amore ne nganosce èllisse.
Mbrime ca vene lla luceparole nove cj’ànna dice, lla lune uà turné chjérepure a ripe de mére.
Affaccète me so’ mmissee sop’u munne ije me fisse

Eclissi
Forse perché il cielo è oscuro/ e senza luna,/ non devono giocare i bambini?/ E se (ancor)
dura/ nel cielo questa eclisse/ tui mi fai guerra?// La luna gioca a
nascondino,/ non ha paura,/ questa eclissi fa sorridere gli amanti,/ come i
bambini./ Non è cosa che capita spesso,/ l’amore non conosce ellissi
(iperbole)./ /Ma prima che arrivi la luce,/ si devono dire parole nuove,/ la
luna deve ritornare chiara/ anche in riva al mare./Affacciato mi son messo/ e
sopra il mondo mi fisso.

A cura di Pasquale Ognissanti (rifacimento da “U resacchje”, 1986)

Acclisse ultima modifica: 2017-09-09T10:00:26+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi