Manfredonia

30 provvedimenti a clan, “pagate o vostro stabile diventerà cenere”

Di:

Gli arresti della Mobile (statoquotidiano@VINCENZO MAIZZI@)

Foggia/Mattinata/Manfredonia – “AVETE una settimana di tempo per mettervi in regola. Sapete a chi rivolgervi altrimenti il vostro stabile diventerà cenere. Occhio alle confidenze. Non interpellate le forze dell’Ordine per il quieto vivere. Distinti saluti”. Così dalle intercettazioni rese note stamani in Procura a Foggia, relativamente a dialoghi di alcuni soggetti resisi autori di estorsioni ai danni di imprenditori operanti nel comune di Mattinata, nel settore della ristorazione e dell’edilizia.

L’OPERAZIONE. Come detto, alle prime ore di stamani, personale del Servizio Centrale Operativo, delle Squadre Mobili delle Questure di Foggia e Bari, del Commissariato di P.S. di Manfredonia (Fg), con l’ausilio del Reparto Prevenzione Crimine e del Reparto Volo di Bari, ha dato corso ad una vasta operazione eseguendo un provvedimento cautelare coercitivo (OCCC nr. 4491/13 N.R. mod. 21 e nr. 6433/13 G.I.P. emessa in data 02.10.2013 da Dott. Domenico Zeno, Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Foggia) nei confronti di 30 individui, dei quali 25 già catturati, tra cui esponenti di spicco della criminalità garganica, operanti nei territori ricompresi tra Manfredonia – Mattinata – Vieste.

I predetti provvedimenti sono tutti fortemente indiziati di essere implicati, a vario titolo, nei “reati di estorsione, illegale detenzione e cessione di sostanze stupefacenti e, infine, di aver illegalmente detenuto e portato in pubblico armi, strumenti quest’ultimi, funzionali al c.d. controllo del territorio”. L’odierna operazione di polizia giunge a conclusione delle complesse ed articolate attività investigative condotte a partire dall’estate del 2010 e durate quasi un anno, dall’apposito gruppo di lavoro, composto da personale della Polizia di Stato dei sopra indicati Uffici Investigativi.

La task force era stata costituita in seguito alla recrudescenza di gravissimi episodi delittuosi che avevano destabilizzato e funestato i territori garganici a partire dalla primavera del 2009. L’azione repressiva intrapresa aveva già ottenuto i principali risultati con la cattura, avvenuta il 13.05.2011, del noto pregiudicato Giuseppe Pacilli, all’epoca latitante.

Le indagini, ed in particolare quelle relative allo spaccio di sostanze stupefacenti, in corso di svolgimento hanno dato l’input ad un secondo filone investigativo che ha interessato un aggregato delinquenziale, composto da individui operanti e dimoranti in Vieste (FG), con collegamenti e rapporti d’affari con il gruppo operante in Mattinata, sui quali sono stati acquisiti circostanziati elementi di reità in capo allo spaccio di sostanze stupefacenti.

Solo un caffè all’anno? … mo vediamo… quattro… cinquemila euro… pure sei”. Circa 5/6 mila euro le somme che alcuni imprenditori avrebbero infatti erogato ai loro aguzzini, come scritto dagli inquirenti. “(…) ha detto … ha detto (…) e come dobbiamo fare ? Ha detto ‘facciamo come dice lui… lo uccidiamo.. Li porta … inc… mettiamoci appresso che poi chi deve andare … me la vedo io… chi deve andare hai capito? Voi fate i servizi vostri, ce la vediamo noi. Mettiamoci, non mettiamoci ehh.. non li vede nessuno. Noi li vediamo tutti quanti, loro non li vedono… inc… “. Così da un dialogo fra 2 soggetti raggiunti dal provvedimenti degli inquirenti.

Presenza anche di persone deputate a tenere costantemente aggiornate di ogni “sviluppo interno ed esterno alla consorteria di appartenenza”, durante il periodo di detenzione di altri soggetti legati al clan, con conseguente ‘trait d’union’ con gli elementi della criminalità garganica agli stessi contigui.

SODDISFAZIONE ANTIRACKET. “Il Presidente della Federazione delle Associazioni Antiracket e Antiusura Italiane, Tano Grasso, l’Associazione Antiracket Puglia e l’Associazione Antiracket Vieste si congratulano sentitamente con la Magistratura, gli uomini del Servizio Centrale Operativo, con le Questure di Foggia e Bari, con le Squadre Mobili di Foggia e di Bari e gli uomini del Commissariato di Manfredonia per l’importante operazione compiuta sul territorio garganico denominata “Eta’ Moderna” a seguito della quale sono state emesse numerose misure di custodia cautelare. Brillanti operazioni come questa palesano la ferma volontà della squadra Stato di contrastare, con serietà ed encomiabile dedizione, la criminalità organizzata sul territorio garganico”, dicono in una nota la Federazione delle Associazioni Antiracket e Antiusura Italiane, Associazione Antiracket Puglia, Associazione Antiracket Vieste.

I NOMI

VIDEO 2013@STATOQUOTIDIANO

FOTOGALLERY (A CURA DI VINCENZO MAIZZI@)

Redazione Stato,ddf@riproduzioneriservata



Vota questo articolo:
39

Commenti


  • giovannina

    Perchè mettete le mascherine ,forse è carnevale o sono troppo brutti da vedere?Non sarebbe più logico farci vedere i bei visi di questi baldi concittadini e conterranei?


  • Mary

    buttate le chiavi! questa è –, rovina famiglie e città!


  • Redazione

    Perchè queste sono le immagini divulgate; grazie, Red.Stato


  • michele

    ERGASTOLO x tutti,scusatemi tranne 1, (lo ha già detto,ndr)


  • Tevez

    Buongiorno, queste notizie mi fanno ridere, indagini, arresti, clan –…,
    ma le estituzioni ci prendono in giro?, che indagini fanno? —- ormai a Manfredonia — le pieni radici ed è diventata peggio di una piovra gigante, oramai — in mano appalti nell’edilizia, — attività commerciali, fanno estorsioni, controllano il traffico di droga, e tutto questo grazie a chi? grazie, ai cittadini di Manfredonia che questa gente continua a lavorare e guadagnare soldi a valanga, continuano a portare sodi alle loro attività commerciali che non sono altro che coperture —- affari illeciti e danneggiano i poveri giovani di Manfredonia, i nostri figli, questo perchè tutte pecorelle di questa famiglia, provo solo vergogna di essere Manfredoniano, e meno male che io ho qui al nord ho costruito la mia vita fuori ed oggi stò benissimo, anche se mi manca l’affetto dei famigliari. Manfredonia è una città purtroppo fatta di gente strana, qui al nord i delinquenti e le loro attività commerciali muoiono e la gente stessa non ci entra e non portando soldi, e prima o poi finiscono per chiudere. Purtroppo a Manfredonia questo non accade, anzi tutto al contrario i malavitosi devono lavorare e guadagnare, e la brava gente deve chiudere o andare via dalla città. VERGOGNA!!!


  • alba

    Forse è arrivato il momento di — —— ecc. — Famiglia di Manfredonia…


  • Roberta

    Ma state zittiii che siete buoni solo a commentare dietro .. Un pc… Poi davanti leccate il c…… Quindi evitate che i primi —–siete voi —


  • Roberta

    Per giovannina ma tu che tanto parliiiiiii che ne sai tu!!!!!! Tanto accanimento io Nn lo capisco io sono una cittadina come voi e a me sinceramente Nn interessa quello che fanno anche xke solo il 10% di quello scritto e vero quindi Nn prenderri tanto veleno prenditi una camomilla e vai a dormire!


  • Redazione

    Ok per tutti, cortesemente, moderazione; c’è stata un’importante operazione di Pg, dunque cortesemente evitiamo offese e denigrazioni, grazie a voi,Red.Stato


  • W L'ITALIA

    roberta se non ti interessa perche commenti? poi se dici siete buoni solo dietro il pc se tu sei meglio metti il tuo nome ognuno e libero di esprimere il suo pensiero giovannina ha solo espresso il suo pensiero se mi offri una cammomilla la bevo anchio


  • Rosa

    Per una volta tanto le forze dell’ordine hanno alzato il sedere dalle loro comode vetture, ma ciò sarebbe vano se tra un mesetto o due, questi criminali li ritroveremo già fuori ad intimorire chi cerca di guadagnarsi il pane onestamente. Sono sincera e dico che se accadono ancora oggi nel 2013 questo genere di cose è perché le forze dell’ordine e lo stato glielo permette.


  • Roberta

    Sai che c e … Anziché offendere la gente avvolgete le maniche ee andate a lavorare,.. Come faro io domani mattina quindi Nn perdo tempo dietro un pc ciauuuuu


  • Roberta

    Vuoi sapere il mio nome Nn ti conviene …. Senti a me!!!


  • W L'ITALIA

    no no ai capito male non mi interessa il tuo nome non so che farmene ma giudichi chi commenta solo sul pc tu che ti senti migliore usi un nik come tutti buonanotte


  • indignata

    senza parole !!!! vuoi sapere chi sono io ? non ti conviene ! quest jè manfrdonj……


  • io

    ahahahahah io so io e tu n si nisciun…
    e semttetela di prendervi l’uno con l’altro….


  • pippa

    be se sarebbe solo il 10% delle cose scritte manfredonia sarebbe pulita. ma ce gente che non vuole vedere quella famiglia ha il potere di comandare anche nelle case degli altri e mi costa di persona


  • mark

    Viviamo in uno Stato di COMUNISMO puro!!!!e la storia ci insegna CHE E’ STATO LA ROVINA DEL MONDO E DELLA GENTE.Tanto tutti i soggetti arrestati staranno fuori dal carcere già tra qualche mese.di che meravigliarsi!!!questa è l’Italai!!!! e gli italiani!!!!


  • Teofilo

    Tutti a pensare a quel cognome.. Usate un po’ di logica perché c’è solo un’elemento con quel cognome? Da li dovreste capire che è una zuppa di pesci.. Sono 3 operazioni distinte secondo me. Le accuse sono da ridere. Per loro l’importante è mettere nella zuppa quel cognome per far notizia.. C’è gente come avvocati ecc che dopo aver letto l’articolo ed altro con le accuse,capisce subito questa cosa..
    Ogniuno è libero di scrivere quel che vuole.. Ma Manfredonia è un paese di 60000 abitanti, non è bari,Palermo.. Quello che succede a Manfredonia si sa, la verità è che non c’è più nulla, mafia ecc. “ammesso che ci sia mai stata”. La spiegazione più logica che dovreste avere è che ci sono ragazzini che fanno quello che vogliono..la “micro”. Fanno ciò che vogliono..non temono nessuno!! Vi saluto sperando che facciate 2 riflessioni buona giornata


  • OrsettoRicchione

    Roberta, il suo atteggiamento ——Minimizza, insulta e minaccia!
    Cito “Ma state zittiii che siete buoni solo a commentare dietro .. Un pc”
    “Poi davanti leccate il c…… Quindi evitate che i primi —–siete voi —”
    “Vuoi sapere il mio nome Nn ti conviene …. Senti a me!!!”
    Non mi sorprenderei, sapendo il suo nome, —-

    (MODERAZIONE, BASTA, MODERAZIONE, GRAZIE, Red.Stato)


  • Roberta

    Dato che la vostra grammatica e pessima immagino che mi trovo di fronte a gente altrettanto scadente quindi Nn vi risp proprio piu,, ciao


  • Umberto Capurso

    Scadente non è chi commette errori grammaticali …
    Scadente è chi offende e si comporta maleducatamente nel commentare in un forum.
    Inoltre la puzza di vanità è arrivata fin qui in Germania, la vita non è sapere la grammatica, ma il rispetto è la prima cosa essenziale, pur nascondendosi dietro un nickname, si dovrebbe saper restare umani.
    PS: non mi rispondere Roberta … sai io sono ancor più scadente di Orsetto, e non usare proprio la grammatica … scrivendo complimenti alla manfredoniana.
    Alla redazione, scusate ma se scrivo ciò è perché nel commento di Roberta mi sento offeso anch’io.
    Per motivi che non voglio qui divulgare, non ho potuto frequentare neanche la scuola media.
    E trovo che il commento (… la vostra grammatica e pessima immagino che mi trovo di fronte a gente altrettanto scadente quindi …)
    Sia più che offensivo, non solo verso Orsetto.
    Saluti Umberto


  • Redazione

    Ok Umberto ma cortesemente terminiamo questa polemica, nel rispetto delle opinioni di tutti, grazie, Red.Stato


  • dino2°

    mark è peggio di silvio, sproloquia insensatezze banali e questo denota pregiudizio e mancanza di acume.
    roberta ha il(MODERAZIONE, GRAZIE, CORTESEMENTE,NDR) ed, inoltre, taccia di ignoranza altri ma non si accorge delle sue (imprecisioni,ndr) ortografiche e sintattiche.

    sappiate comunque che il problema è sotto gli occhi di tutti e la vicenda della mafia garganica (quanto accaduto alcuni anni or sono spiega bene il tutto) non è affatto conclusa e per ora sono egemoni in un territorio fatto di omertosi, vili, servili “ominicchi”.
    saluti


  • insomma

    caro Teofilo vorrei vedere se ti prendevano a schiaffi o ti rompevano le vetrine se avevi ancora la convinzione di dire che la mafia non esiste ma visto che sei così giuridicamente colto ti scrivo il significato:mafia associazione a carattere criminale che usa metodi di repressione e di intimidazione in difesa di interessi particolaristici, facendo leva sulla paura e sui pregiudizi della popolazione.
    Non ho altro da aggiungere…………………………


  • insomma

    @ Roberta: cara concittadina noto con sconcerto che i termini con i quali ti esprimi sono (moderazione, non possiamo riportare questi termini, CORTESEMENTE CI APPELLIAMO AL VOSTRO BUON SENSO, TERMINIAMO QUESTA POLEMICA, grazie a tutti voi,ndr),

    in quanto celi anche delle (ipotetiche ripercussioni verso terzi,ndr), ma ti devo dare ragione su una cosa, dobbiamo nasconderci dietro un pc per non ricevere ritorsioni, ma ti garantisco che davanti alle forze dell’ordine la musica è cambiata e come puoi notare si inizia a denunciare gli oppressori quindi le porte del carcere si spalancheranno sempre più spesso per chi vuole imporsi prepotentemente nelle nostre vite..
    NON ABBIATE PAURA DENUNCIATE OGNI RITORSIONE E INFORMATE LE FORZE DELL’ORDINE ANCHE IN FORMA ANONIMA OGNI PREPOTENTE, LADRO, SPACCIATORE, MANDIAMOLI TUTTI IN GALERA…


  • insomma

    RED CORTESEMENTE NON PUBBLICATE NEANCHE LE MINACCE SE NON VOLETE FAR SURRISCALDARE GLI ANIMI, QUALCUNO DI NOI POTREBBE ESSERE STATO TOCCATO DIRETTAMENTE DA QUESTI SOPRUSI……


  • Teofilo

    Per insomma.. Non c’entra nulla questo che hai scritto.. Io ho solo detto che oggi a Manfredonia la mafia non esiste!! Mafia oltre a quello che hai detto tu significa anche avere sotto controllo tutto!!! A Manfredonia questo non esiste!! Vorrei davvero vedere o ascoltare chi paga il pizzo.. Oppure chi viene minacciato dalla mafia!! Vedete troppi film… Andate a foggia e valutate chi sta davvero nella m***a… Grazie vi saluto..
    Ps: cercate di capire e non travisare le parole e i concetti


  • Un cittadino si domanda....

    Nella mafia ci sono e ci saranno sempre i colletti bianchi, sin dai tempi del Prefetto Mori in Sicilia. La giustizia italiana si occupa di loro a 360° e in tutto il territorio nazionale?

    Grazie


  • Roberta ----

    Roberta tu (MODERAZIONE)…a prescindere dalla grammatica…una e senza accento…comunque la tua grave (mancanza di fondamenti grammaticali,ndr) sta nel fatto che purtroppo è la gente come te che fa diventare grandi questi esemplari che costituiscono la feccia della società. Il menefreghismo e l’omerta’ sono i loro più grandi alleati…forse tu godi di una buona posizione economica e magari — il lavoro duro perché ti assicuro che se avessi una tua attività e lavorassi 13-14 ore al giorno tutti i giorni e venissi sfortunatamente in contatto con questi pezzi di —.a non la penseresti cosi…e per favore a manfredonia cominciamo ad imparare un po’ di umiltà perché non basta avere un nome o le scarpe firmate per ritenersi superiori…pensiamo di più alla testa…


  • Redazione

    MODERAZIONE, TERMINIAMO LA POLEMICA, ULTIMO MESSAGGIO, GRAZIE, RED.STATO


  • Roberta con il cervello

    Ma stiamo scherzando? Censurate il termine ignoranza??? Ma che informazione libera fornite? Tagliate tutto non si capisce niente. Ignorante non è un’offesa.la conoscete l’etimologia della parola????? Mah allibita…


  • Redazione

    Invece il suo precedente messaggio (nella versione integrale) era molto offensivo signora e le potrebbe originare una denuncia; non è informazione libera ma si tratta di offese; dopo questo messaggio provvederemo a cancellare completamente i prossimi post denigratori; Red.Stato


  • Roberta con il cervello

    Ma che dite???? Io le ho dato dell’ignorante e cioè una persona che conosce solo in parte o non conosce una determinata cosa…non le ho detto che è mentalmente menomata….se queste sono offese…voi davvero non sapete scindere le cose…mi spiace ma state sbagliando.e sono io ad essere offesa perché sembra che passi il tempo a denigrare la gente…mi ritengo una persona abbastanza educata quindi so riconoscere fino a dove posso spingermi.e ignorare o ignorante non è un’offesa.stato quotidiano riconoscete la realtà per cortesia.


  • Redazione

    Buongiorno, oltre a “ignorante” – che noi configuriamo invece ‘termine offensivo’ (sostituito da un più ponderato “mancanza di fondamenti grammaticali“) c’erano altri passaggi denigratori nel testo; in ogni modo, accogliamo la sua riflessione, ora saggiamente vi chiediamo di porre un termine a questa polemica; lei ha espresso un giudizio negativo relativamente al post di “Roberta”, dunque terminiamo gentilmente la discussione; grazie, a disposizione; Red.Stato


  • dico quello che penso

    finalmente qualcosa incomincia a muoversi! la mano della Legge, lenta ma inesorabile, compie la sua azione di repressione. anche se da un punto di vista so che costoro non sono l’apice del malaffare, nonostante il nome, presente, di una certa famiglia mafiosa. leggo con stupore alcune affermazioni fatte in questi post: “a manfredonia non c’è mafia”.
    quindi a manfredonia non ci sono estorsioni, traffico di droga, armi e potrei andare avanti per ore. anche le pietre sanno quello che succede qui, anche le forze di polizia sanno quello che succede qui. qualcuno forse non sa che nelle città più mafiose scende una cupola che soffoca tutto perchè tutto e diretto con maestria ed oggi bisogna aggiungere “senza far rumore”!
    guardate il tessuto economico e sociale come è stato inquinato sistematicamente dalla malavita locale. ci sono intrecci che fanno rabbrividire anche i bimbi che non hanno ancora cognizione.
    basta vedere come con disinvoltura si hanno rapporti con questi elementi della mala locale. fin quando questi intrecci della malavita non verranno tagliati sarà solo una questione di parata.
    sono stato all’incontro organizzato al toniolo sulle devianze minorili, mi dispiace aver visto la mancanza del primo cittadino.
    soffocare i problemi non aiuta di certo a risollevare le sorti. gridiamo ad alta voce, denunciamo il marciume che c’è. rivedetevi l’omelia del vescovo nella festa patronale!
    alle forze dell’ordine, alla magistratura vorrei ricordare i magistrati FALCONE E BORSELLINO, e con questo dire anche che c’è molta gente che soffre e non ha il coraggio di denunciare, perché oggi è cosi radicato il loro timore che basta la presenza per far capire che ci si deve “allineare”. a manfredonia di allineati c’è ne sono e anche troppi. spero che le prossime retate diamo stimolo alla gente di denunciare i soprusi che subiscono. fin quando taluni personaggi, come un noto professionista del foro della giustizia e pseudo imprenditore edile e delle energie alternative, avranno modo di agire spavaldamente, come affiliati del sodalizio mafioso, la gente non avrà mai il coraggio di denunciare.


  • pippa

    la gente non ha il coraggio di denunciaresapete perché?purtroppo la giustizia non c e oggi li prendono e domani sono fuori fino a che non arriva un provvedimento definitivo che li butta dentro x un po di tempo ma nel frattempo sai quante ne fanno soprattutto a ki li denuncia allora la gente sta zitta mentre se la giustizia butterebe le chivi il mondo sarebbe più pulito in tutti i casi.


  • Servo utile, Maestà

    La mafia è un fenomeno sociale che ha sempre contraddistinto geograficamente la capitanata e in particolar modo Manfredonia. Purtroppo con il passare dei decenni la mafia si è diffusa e ramificata in tutte le strutture della nostra società in quanto le modalità, con le quali si è sempre alimentata tale organizzazione, sono state utilizzate in tutti gli apparati amministrativi e burocratici della nostra amata cittadina, allora nessuno scandalo se vediamo avvocati, imprenditori e politici tirare i fili del legame con la mafia. Sconfiggere la mafia oggi significa innanzi tutto conoscerla in tutte le sue sfaccettature affinché si acquisisca la sana coscienza di poterla affrontare seguendo l’esempio e gli insegnamenti di Paolo Borsellino e Giovanni Falcone, due magistrati che hanno combattuto in prima linea, con coraggio e devozione del dovere.
    Già da adolescenti i ragazzi devono capire come imparare ad essere assertivi , ad essere unici, a saper dire di no alla omologazione a saper dire di si alla scelte personali, a quelle che ti rendono speciale e ti fanno riflettere sulla strada che dovrai percorrere, una strada che disconosce la parola omertà ……


  • Nadia

    Salve sono Nadia,un’alunna del III Toniolo. E’ la prima volta che scrivo in questo form. Abbiamo visto in classe il film “Il coraggio di parlare”, tratto dall’omonimo libro. Durante la proiezione un nostro compagno ha commentato dicendo: “Vincenzino se l’è cercata”, volendo intendere che testimoniare contro la mafia è molto rischioso. Da questo intervento la professoressa ha preso spunto per una riflessione sull’omertà. Spesso senza accorgercene, nella vita quotidiana assumiamo atteggiamenti omertosi, per esempio quando davanti a fatti di bullismo non denunciamo l’accaduto per paura. Anche le nostre famiglie ci consigliano a volte di non parlare per evitare guai. Dalla discussione nata in classe abbiamo capito che il coraggio di parlare e la forza di dire no devono iniziare sin da piccoli, perché è proprio durante il periodo adolescenziale che si può entrare in un tunnel senza uscita. Nella scena finale del film si vedono i giovani calabresi che, dopo l’esempio di Vincenzino, trovano la forza di manifestare contro la mala vita. Quindi speriamo anche noi di riuscire ad essere, al momento opportuno, testimoni di legalità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi