Cronaca

Minervini a Prefetto Gabrielli: nessun ritardo per centro prot.civile

Di:

L'assessore regionale G.Minervini (st@)

Bari – IL centro funzionale decentrato della Regione Puglia per il rischio idrogeologico e idraulico potrà essere attivato a partire dal 1° dicembre 2013, così come comunicato al prefetto Gabrielli con nota del presidente della Regione dello scorso 13 settembre. “Siamo in attesa da quasi un mese dell’assenso da parte del Dipartimento – spiega l’assessore alla Protezione civile, Guglielmo Minervini – per questo le dichiarazioni del prefetto Gabrielli hanno solo l’inutile effetto di dare la sensazione che vi siano contrasti o incomprensioni tra la Regione e il dipartimento nazionale. Purtoppo l’equivoco s’ingenera all’indomani di una drammatica tragedia, i cui accadimenti nulla hanno a che fare con le questioni che stiamo trattando. Secondo il cronoprogramma comunicato al Dipartimento nazionale della Protezione civile, la fase di affiancamento terminerà a fine novembre e quindi è la Puglia ad aspettare il via libera da parte di Roma. E già la “Relazione sullo stato delle attività” predisposta dal Servizio protezione civile regionale evidenzia il rispetto dei modi e dei tempi concordati con il Dipartimento. L’affiancamento infatti è partito il 1° febbraio 2013 – per quanto richiesto ben prima dal Servizio protezione civile regionale – e poteva concludersi nell’ambito di sei mesi.

Quindi non può essere addebitato alla Regione Puglia alcun ritardo sui tempi di attivazione del centro funzionale che deve essere autorizzato dal Dipartimento per l’autonoma attività. Autorizzazione – è bene ripeterlo – per l’attivazione che è stata chiesta con la stessa nota del presidente Vendola dello scorso 13 settembre, ma che non è ancora arrivata. Giova infine ricordare che rispetto alle altre regioni citate dal Prefetto Gabrielli nella sua nota, nei fatti la Protezione civile regionale è “rinata” nel 2005 e ha percorso finora – anche con l’indispensabile concorso del Dipartimento nazionale – passi da gigante”.

Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi