Manfredonia
Nota Stampa

CAONS Manfredonia a Menale: “Non siamo ‘beceri catastrofisti'”

"Considerando che ogni mezzo porta il suo carico di probabilità di incidente, si può, se si vuole, capire subito che la probabilità generale di incidente è molto elevata"

Di:

Manfredonia. SIAMO costernati nell‟apprendere che il 23 Dicembre 2015, in Nigeria, c‟è stato un disastro dovuto allo scoppio di una cisterna di gas GPL. “… Sarebbero almeno 100 morti a causa dell‟esplosione di un camion cisterna in un affollato distributore di gas, mentre decine di persone erano in fila per riempire la bombola da cucina. La tragedia è avvenuta a Nnewi, comunità prevalentemente cristiana nel Sud-Est del paese. L‟incendio sarebbe divampato verso le 11, quando un camion cisterna che aveva finito di scaricare gas allo stabilimento Chikason è ripartito senza aspettare il tempo di raffreddamento prescritto. L‟incendio è esploso come una bomba e l‟intera stazione di servizio è stata avvolta da un denso fumo nero, tra un‟esplosione di bombole di gas da cucina…” (www.lastampa.it).

Nell’esprimere le nostre condoglianze alle famiglie delle vittime, ci rivolgiamo a quei Manfredoniani che, con molta superficialità, si schierano in favore dell‟insediamento del deposito di GPL a S. Spiriticchio a qualche chilometro da Siponto. E’ bene tener presente che, con gli impianti “a rischio di incidente rilevante‟ (Direttiva Severo III), così come è quello che sarà costruito a Manfredonia, la probabilità di incidente aumenta con le dimensioni della struttura.

Riportiamo alcuni dati relativi alla movimentazione di gas GPL, presi dai documenti dell‟ENERGAS, per chiarire ancora di più il quadro in cui ci troviamo:

Movimentazione GPL Deposito ENERGAS Manfredonia
In ingresso: esclusivamente a mezzo navi gasiere 300.000 ton/anno (in totale ci saranno 53 navi gasiere all‟anno);
In uscita:
1. a mezzo navi gasiere di piccolo tonnellaggio 50.000 ton/anno;
2. a mezzo convogli ferroviari 100.000 ton/anno; il trasporto avverrà in ferrocisterne (circa 500 ton/cad) per un totale di 200 convogli/anno;
3. a mezzo autobotti 130.000 ton/anno; con 18 ton/autobotte in totale 730 autobotti/anno;
4. con bombole 20.000 ton/anno; autocarri con capacità di circa 5 ton in totale 4.000 autocarri/anno;

Riportiamo da documenti ENERGAS: “Per quanto concerne, invece il rapporto su strada, l‟incremento di traffico legato all‟attività commerciale risulta stimabile in circa 5.000 autoveicoli/anno che in 200 giorni lavorativi, all‟anno, corrispondono a circa 25 autoveicoli/giorno”.

Abbiamo riportato questi dati perché ci sembrano significativi per avere le idee chiare sul notevole numero di mezzi, dei vari tipi, che circoleranno sulle strade del nostro territorio. Considerando che ogni mezzo porta il suo carico di probabilità di incidente, si può, se si vuole, capire subito che la probabilità generale di incidente è molto elevata e il rischio a cui ci vogliono assoggettare non è accettabile. Ogni giorno succedono incidenti tra le mura domestiche, dove si utilizza il GPL, ma noi, quando parliamo di incidenti e di rischio ci riferiamo solo ai grossi eventi, come quello di Viareggio o quello dell‟antivigilia di Natale in Nigeria. Abbiamo già detto all‟amministratore dell‟Energas che non siamo “beceri catastrofisti” ma attenti osservatori del continuo accadimento di disastri legati al GPL; ora vogliamo aggiungere che denigrare noi non è sufficiente per evitare gli incidenti. Questi, purtroppo, nonostante le alte tecnologie, succedono. E anche di frequente.

(A cura del CAONS Manfredonia, 29 dicembre 2015)

(N.B. TESTO RIPUBBLICATO SU RICHIESTA DEGLI AUTORI DEL TESTO,NDR)



Vota questo articolo:
13

Commenti


  • Mario

    Ma che senso ha pubblicare sempre gli stessi articoli ?
    Mi meraviglio della redazione che asseconda tali richieste.
    (Buonasera, ci è stata richiesta espressamente la ripubbicazione del testo; restiamo a disposizione di tutti come sempre, buona serata, ndr)


  • TAGGIABUATT

    (rimosso per denigrazione; come per tutti, come ripetiamo da anni, la società Energas SpA potrà inoltrare i propri testi per la relativa pubblicazione integrale a segreteria@statoquotidiano.it, ndr)


  • svolta

    Becero…….. imprenditore del…. GAS.


  • Uditore discreto

    L’opinione diffusa della gente e che i politici sipontini sono una cricca che di nascosto hanno agevolato e vogliono agevolare il percorso della gente e che il referendum serve loro come scusa. Poi certi commenti inanerrabili sui politici che preferiscono serbarli per me. E che dire dello stadio Miramare oltre ad essere pieno di spazzatura ( sulla torretta sopra il bar stanno quintali di spazzatura) tutti i tabelloni di Energas addirittura anche dietro che una volta era la “curva sud” in pratica ha ragione chi lo denominare ironicamente ” Stadio del gas” e stadio dei giuda.


  • NO ENERGAS

    Menale…vai a menarle altrove le tue idiozie -.Se a Napoli non vi vogliono un motivo ci sara’! 5000 autocarri in un anno che attraverseranno le nostre strade cittadine sono portatori sani di rischi elevatissimi di incidenti mortali (non parliamo di una bombola di gas) ,quindi per favore vai a schiacciare i ricci con il -altrove …Noi per 40 miseri posti di lavoro non mettiamo a rischio la nostra salute e vita.-pur di farsi chiamare presidente …


  • L'oblio sipontino sul referendum cittadino

    I burattinai amici dei napoletani vogliono portare la città all’oblio e ci stanno riuscendo, ecco il perchè delle critiche al giornale, basta farsi un giretto per la città è dare una scorsa in giro…a fronte di tanti proclami c’è il nulla, i partiti sono tutti spariti, solo sterili proclami, manca un mese. eil referendum una grandissima presa per i fondelli utile solo ai cinici burattinai in quanto fa parte del loro cinico disegno. In fondo ce lo meritiamo siamo un popolo idiota e facciaomo ridere mezzo mondo per come siamo fessi e manovrabili come mariotte.


  • L'oblio sipontino sul referendum cittadino

    Addirittura un fantomatico gruppo di deputati del Pd (senza nominativi) ha fatto affiggere dei manifesti pro SI referendum costituzionale..ominicchi!! Non si prendono neanche la responsabilità dei loro nomi per la pubblicità a favore del governo Renzi che vuole devastare Manfredonia!


  • Michele il Rosso

    Scusate, ma la localizzazione non è lontana dal centro abitato?
    Se l’unica strada per muoversi è la statale 89 e la circonvallazione di Manfredonia, questi camion dove dovrebbero passare?
    É possibile avere una cartina geografica della localizzazione e qualcuno che ci spieghi bene il progetto.

    Resta sempre un punto: Se il CTR conferma il rispetto della legge e delle prescrizioni, cosa succede?


  • Redazione


  • Lettore

    Ci sono numerori plessi artiginali/industriali nelle immediate vicinanze e affacciate sulla statale 89 ..detto ciò, la statale 89 è uno delle strade più pericolose e trafficate d’Italia, una statale trafficatissima sia per la direzione Santuario /ospedale Sangiovanni Rotono e sia il Gargano e Manfredonia, pericolosissima d’estate e d’inverno. Dal 1960 migliaia di incidenti mortali..sfido cinque a dimostrarmi il contrario. Ci mancano solo i camions del Gpl!
    Per quanto riguarda il centro abitato, spesso quando fa comodo si prendono le misure dall’ubicazione del Municipio della località (a seconda della necessità) siamo in Italia il paese dei cialtroni. mentre è noto che dal municipio di Manfredonia alle ultime case di Manfredonia (zona commissariato di P.S.) la distanza è di quasi 3 chilometri!! La distanza dall’effettivo centro abitato a Santo Spiriticchio o sono circa 4 chilometri con l’auto e forse in linea retta sono molti di meno.

    La zona ideale dove poter iniettare nelle viscere di un territorio, peraltro reputato ad alto rischio sismico (2) l’incredibile quantitativo di Gpl mai osato in Italia e forse in Europal: 60.000.000 milioni di litri ma è chiaro che si tratta di miliardi di litri da custodire, stoccare, trasportare.

    La sede ideale è Napoli, posizione strategica, grandi infrastrutture.. sostituite i bomboloni come avviene per le auto a Gpl dopo dieci anni.. perchè insistete su Manfredonia? ANDATEVENE A NAPOLI CON I VOSTRI STUPENDI BOMBOLONI DI OLTRE CENTO METRI!!


  • CITTADINO IGNORANTE E STUFO

    CON TUTTI I DOTTI SIPONTINI, CON TUTTI GLI AVVOCATI, NOTAI, ARTISTI, PROFESSORI, POLITICI RAFFINATI, SAPIENTI, GIUSTI, ESPERTI, SCIACALLI E LACCHE’ NESSUNO OSA SPIEGARE AI SESSANTAMILA CAPRONI (COMPRESO IL SOTTOSCRITTO) CHE SE VOTIAMO SI ALLA RIFORMA DEL SUPERCAZZOLIERE TOSCANO AUTOMATICAMENTE ENTRERA’ IN VIGORE LA DISPOSIZIONE CHE I COMUNI E LE REGIONI NON POTRANNO’ MANCO APPELLARSI A STA MINCHIA (PERDONO) ANCHE SE IL GOVERNO DECIDE DI CREARE UNA DISCARICA NUCLEARE IN QUALSIASI ZONA D’ITALIA! IO VOTO NO SIA PER SPERARE DI CACCIARE IL CAPO LOBBYSTA DI PETROLIERI E BANCHE FALLITE SIA PERCHE’ IN TAL MONDO FRANEREBBERO GLI SPERATI INVESTIMENTI SUL MOLTO INDUSTRIALE UTILE ALLA COMPAGINE DEL CPL VISTO CHE IL PORTO E PERICOLOSO E FATISCENTE! NO ENERGAS NO ALLA RIFORMA COSTITUZIONALE. VOI DOTTI E SAPIENTI NON SIETE CAPACI DI SPIEGARLO ALLA POPOLAZIONE SIPONTINA CON DEGLI ARTICOLI GIORNALISTICO? MA CHE FATE A CASA GUARDATE I SITI GODERECCI E FACEBOOK! MA PER FAVORE SIATE PIU’ CONCRETI E DIRETTI!!


  • Lucia

    Caro cittadino ignorante e stufo, credi se dico che qui gli ignoranti sono altri, appunto questi fanno la lotta a energas dimenticando che se vince il si alla riforma costituzionale sara vana la lotta contro energas.che classe politica, che professoroni.complimenti a tutti.


  • Distruzione Manfredonia: ultimo atto

    Abbiamo una meravigliosa classe politica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati