Politica

ILVA, sospese le trattative. M5S: “Ennesima sceneggiata”

“Ci chiediamo - spiegano i pentastellati - che senso abbia far saltare il tavolo per informazioni note da mesi"


Di:

Bari. “Quella che sta andando in scena al Ministero dello Sviluppo economico è una sceneggiata che non produrrà niente di buono né per i lavoratori, né per il tessuto sociale della città di Taranto”. Lo dichiarano gli otto consiglieri regionali del M5S Puglia in seguito alla decisione del Ministro Carlo Calenda di annullare il tavolo sull’Ilva convocato al Mise tra le Parti Sociali e Arcelor Mittal per discutere sul piano industriale di Am Investco.

“Ci chiediamo – spiegano i pentastellati – che senso abbia far saltare il tavolo per informazioni note da mesi. A luglio i nostri parlamentari avevano presentato un’interrogazione per avere notizie sui 4mila esuberi annunciati e Calenda oggi si accorge che “la proposta per quanto riguarda salari e lavoratori è irricevibile”? Non sarebbe stato opportuno pensarci prima della vendita dell’Ilva? Ci sorprende poi che a preoccupare il Governo ci sia il contratto a tutele crescenti con cui i lavoratori verrebbero assunti. Ci chiediamo come mai quando hanno approvato il jobs act andava tutto bene e oggi quegli stessi contratti fanno saltare i tavoli di trattativa? Purtroppo questa ci sembra l’ennesima pantomima sull’Ilva – concludono – e ancora una volta a farne le spese saranno i cittadini e i lavoratori”.

ILVA, sospese le trattative. M5S: “Ennesima sceneggiata” ultima modifica: 2017-10-09T21:36:12+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Redazione

    Ilva: dichiarazione dell’assessore Sebastiano Leo

    “Fin dall’avvio delle procedure di vendita di Ilva avevamo espresso tutte le nostre perplessità sulla scelta della proposta di Am Investco Italy : tanto per il piano industriale presentato, quanto rispetto alle criticità nella bonifica ambientale dell’area, poiché avevamo auspicato che fosse lanciato un piano di decarbonizzazione. Così l’assessore al Lavoro della Regione Puglia, Sebastiano Leo, alla notizia dell’annullamento del tavolo tra le parti (previsto ieri al Mise) voluto dal Ministro allo Sviluppo Economico Carlo Calenda.
    “La salvaguardia della piena occupazione nel medio e lungo periodo, in una città che ha bisogno di attenzione e cura come Taranto è un bisogno irrinunciabile. – prosegue Leo – Le notizie sul negoziato in corso al Mise tra Am Investco Italy e i rappresentanti dei lavoratori dell’Ilva di Taranto hanno suscitato nei giorni scorsi una comprensibile preoccupazione: pacta servanda sunt e bene ha fatto il Ministro Calenda a giudicare irricevibile un piano che non dia garanzie rispetto a impegni che erano già stati assunti da Am Investco. Ritengo – dice ancora l’assessore Leo – che il Governo debba dare una risposta chiara al grido di dolore della città di Taranto e della Puglia e mi auguro che sappia mediare in questa fase di trattative sindacali per garantire la piena occupazione dei lavoratori del siderurgico.
    “La nostra priorità, come ha affermato anche l’arcivescovo di Taranto, Filippo Santoro, è la tutela della qualità della vita e dell’ambiente: in nome di essa continueremo a essere vigili e ad attivarci in tutte le sedi opportune.
    “Noi – conclude l’assessore – saremo al fianco dei lavoratori, delle loro famiglie e delle rappresentanze sindacali, con l’auspicio di essere ammessi al tavolo Mise sospeso ieri dal Ministro Calenda, insieme con le altre Regioni coinvolte nella vertenza Ilva.
    “Continueremo a chiedere con forza garanzie certe: lo dobbiamo a Taranto e ai pugliesi che hanno pagato fin qui il prezzo della presenza del siderurgico ed ai quali non si può chiedere oggi di fare ulteriori, inammissibili, sacrifici.
    “Non accetteremo che un solo posto venga perso. Non consentiremo in alcun modo che la dignità del lavoro sia oltraggiata.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi