Foggia
"Dalla lettura della relazione dell’organo di revisione per l’anno 2016, pubblicata nel mese di giugno 2017, è possibile fare alcune osservazioni "

Barone e il Meetup Attivisti Foggiani: “Facciamo i conti al Comune”

"Ci si chiede quanto di quello riscosso, relativo alle violazioni al limite massimo della velocità, è stato investito in sicurezza? E perché non si è proceduti alla riscossione delle somme relative alle violazioni accertate?"


Di:

Foggia. ”Dalla lettura della relazione dell’organo di revisione per l’anno 2016, pubblicata nel mese di giugno 2017, è possibile fare alcune osservazioni in merito al Bilancio del Comune di Foggia. Il M5S intende portare all’attenzione dei cittadini particolari questioni legate al Bilancio.

In particolare si legge a pagina 11, nella parte rubricata FONDO CONTENZIOSI, che il ruolo dei giudizi pendenti nel Comune di Foggia è pari ad oltre 700 contenziosi, che vertono in misura proporzionale per oltre 80% in ipotesi risarcitorie di natura extracontrattuale indicate dagli artt. 2043 e 20151 del Codice Civile, semplificando si tratta di danno personale o materiale che l’utente del bene pubblico subisce per omessa manutenzione.

Commenta così Rosa Barone: “Quindi pur avendo un contenzioso così alto, nulla viene fatto dal Comune per ridurre le percentuali indicate e, quindi, nulla viene fatto per ridurre la richiesta che il cittadino è costretto a fare a causa dell’omessa manutenzione di alcuni servizi essenziali per la città”

Per il Meetup Attivisti Foggiani vi è di più, nel BILANCIO ANNO 2016 è possibile notare che: “…i proventi delle sanzioni derivanti da violazioni al limite massimo di velocità, sono attribuiti in misura pari al 50% all’ente proprietario della strada in cui è stato effettuato l’accertamento.

L’art. 208 del Dlgs 285/1992 stabilisce: C) ad altre finalità, in misura non superiore al 25% del totale connesse a miglioramento della sicurezza stradale. Ebbene, se venisse rispettato il
dettato della norma, cioè l’investimento ad opera dell’amministrazione comunale della percentuale indicata, sicuramente si avrebbe una riduzione delle richeste di risarcimento dei danni da parte dei cittadini. Quindi un taglio della spesa pubblica. Ci corre obbligo dedurre che non viene investita in sicurezza stradale la somma prevista per legge, nella percentuale dovuta. Tenedo presente che le sanzioni accertate ammontano ad anno ​​​​2014​​​-2015​​​-2016 accertamento​​ per anno di 2.080.000,00​​ 2.619.932,80​​2.609.932,80 e riscossione​​ 273.270,77​​ 545.609,17​​ 626.592,57.

Ci si chiede quanto di quello riscosso, relativo alle violazioni al limite massimo della velocità, è stato investito in sicurezza? E perché non si è proceduti alla riscossione delle somme relative alle violazioni accertate?

Si può di certo notare una differenza enorme tra gli importi accertati e quelli riscossi.

Riteniamo che gran parte delle somme non riscosse siano dovute anche al caos e al pastrocchio amministrativo del comune di Foggia con le società preposte alla riscossione: prima Aipa spa, poi la Mazal che non hanno garantito certezza chiarezza e sicurezza dei pagamenti. Chi deve rispondere di tutti questi ritardi e ammanchi per le casse del comune di Foggia?”

Allegato
PARERE REVISORI RENDICONTO DELLA GESTIONE 2016-1

Barone e il Meetup Attivisti Foggiani: “Facciamo i conti al Comune” ultima modifica: 2017-10-09T17:28:37+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This