FoggiaRicordi di storia

Novembre 1863, quando il Re venne a Foggia per la Stazione

Di:

Foggia – Alle ore 7 p.m. del 9 novembre del 1863, dopo un viaggio iniziato a Torino, alle ore 1 a.m. dell’8 novembre, giunse a Foggia, proveniente da Ortona ( dove era arrivato alle ore 7 a.m. dello stesso 9 novembre,) e dopo altre 10 ore circa di viaggio, il treno Reale che portava nella nostra città Sua Maestà Vittorio Emanuele II.

Il Re scese a Foggia 161 anni or sono, proprio come oggi, per inaugurare, il successivo 10 novembre, (era un martedi),il tratto ferroviario Foggia Ortona. Fu una inaugurazione Ufficiosa, perché il primo treno ufficiale ad inaugurare il tratto dell’Adriatica da Ortona a Foggia (era già attiva la linea da Ancona ad Ortona), e aprire al pubblico la nuova stazione partì solo l’anno successivo: il 25 aprile 1864 ( di cui quest’anno, tra l’ignoranza più assoluta) ricorre il 150 anniversario. Ma, torniamo al viaggio Reale. Da Torino, ci raccontano le G.U. del Regno d’Italia nn. 265 e 266, del 9 e 10 novembre, che dedicarono ampio spazio alla visita, partirono due convogli. Su uno viaggiava il Re e la famiglia reale. Sull’altro, che lo precedette fino ad Ortona, dove si fermo’ per far transitare prima il treno di Sua Maestà, viaggiavano tutti gli alti ranghi dell’epoca. Dal Generale La Marmora allo stesso Conte Bastogi (Il quale in verità temeva un po’ quel viaggio perché aveva dovuto ordinare alle maestranze che stavano costruendo la ferrovia nel tratto pugliese, di accelerare i lavori, ché erano parecchio indietro, in vista della visita del Re).

Il viaggio fu una manifestazione di affetto verso Vittorio Emanuele II e la famiglia reale: in tutte le stazioni, illuminate a giorno, venivano accolti da bande musicali, le personalità civili e religiose, folle festose e Inutile dire che l’inaugurazione e la permanenza a Foggia dei Reali fu, ugualmente, una grande festa ed ebbe una grande risonanza, in tutto il Paese. Vittorio Emanuele II ne fu talmente soddisfatto che, prima di partire, volle donare ben 4000 lire al Sindaco dell’epoca: Felice La Stella.

(A cura del dr Salvatore Aiezza – s.aiezza@yahoo.it)

Redazione Stato



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi