BAT

Puglia, peschereccio esploso,verso archiviazione

"Francesco Padre" esploso in Adriatico il 4 novembre 1994 con 5 pescatori a bordo

Di:

(ANSA) – TRANI, 9 NOV – La procura ha chiesto l’archiviazione dell’inchiesta-ter sull’affondamento del peschereccio ‘Francesco Padre’, esploso in Adriatico il 4 novembre 1994 con 5 pescatori a bordo. Dagli atti emerge che sul natante non vi erano né armi né esplosivi. Tre le ipotesi sull’affondamento: l’imbarcazione fu scambiata dalla Nato, presente nell’area, come un natante in funzione antisommergibile; fu una rappresaglia della mafia balcanica contro i marittimi che non pagavano il pizzo; le reti pescarono una mina.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi