FoggiaSport
Al “Degli Ulivi” di Andria, i rossoneri battono per 4-5 i padroni di casa

Andria ko ai rigori: Foggia agli ottavi di Coppa

A cura di Salvatore Fratello

Di:

Foggia. Vittoria dal dischetto, il Foggia approda agli ottavi di Coppa Italia Lega Pro. Al “Degli Ulivi” di Andria, i rossoneri battono per 4-5 i padroni di casa della Fidelis, trionfando però soltanto dopo i tiri dal dischetto: i tempi regolamentari e poi i supplementari, infatti, sono terminati sull’1-1, grazie alle reti di Onescu e Chiricò.

Formazioni rimaneggiate per entrambi i tecnici: 3-4-1-2 per Favarin, con Mancino trequartista, mentre Stroppa conferma il 4-3-3, in cui esordisce Dinielli, finora mai impiegato in stagione. Al 2’ Mancino serve Cianci con un bel lancio, ma l’attaccante conclude al lato con un diagonale. La prima frazione è noiosa ed a tratti nervosa, come testimoniano i gialli ad Ovalle e Cianci, ma al 32’ passa avanti l’Andria: traversone di Mancino che pesca Curcio, sul cui colpo di testa Sanchez si esibisce in una gran parata, respingendo però verso Onescu, che può insaccare a porta sguarnita. Qualche istante più tardi i federiciani troverebbero anche il raddoppio, con Volpicelli ad insaccare su punizione di Mancino, ma l’arbitro annulla per un fallo in attacco. Si va dunque all’intervallo.

Anche nella ripresa la gara prosegue sui binari della noia. Al 57’ ci prova Rada, ma il suo calcio di punizione dal limite sfila alto sulla traversa. Il Foggia si vede con Angelo, che al 68’ conclude dalla distanza, mandando però il tiro sul fondo. Minuto 72, gli ospiti trovano il pari: grave errore di Fall, che serve involontariamente Chiricò, il quale scappa verso la porta avversaria e trafigge Pop con freddezza. Il match si anima: prima ci prova Klaric, il cui colpo di testa è impreciso, poi, al 78’, è ancora Chiricò a sfiorare la marcatura con un mancino dall’interno dell’area che fa la barba al palo lontano. L’ultima emozione è targata Fidelis, all’84’ Fall gestisce infatti un contropiede, converge con il destro e calcia, trovando la pronta respinta di Sanchez. Non basta il recupero, si va ai supplementari.

Pochissime le opportunità da entrambe le parti nell’extra-time: al 95’ ci prova Matera, ma Sanchez controlla, mentre al 103’ viene espulso in panchina Empereur che, in fase di riscaldamento, dice qualche parola di troppo all’indirizzo della terna, guadagnandosi il rosso. Non succede nulla nemmeno nel secondo supplementare, si va dunque ai rigori: errori per Klaric (traversa) e Riverola (para Pop), poi il tiro decisivo capita sui piedi di Annoni, che si fa respingere da Sanchez un penalty calciato malamente. Vince il Foggia, che approda dunque agli ottavi, dove sfiderà una tra Matera e Lecce.

TABELLINO
ANDRIA: (3-4-1-2) Pop; Rada, Aya, Tartaglia; Volpicelli (dal 69’ Fall), Onescu, Matera, Curcio; Mancino (dal 94’ Annoni); Cianci (dal 58’ Klaric), Ovalle. A disp.: Cilli, Valotti, Masiero, Minicucci, Starita, Berardino, Imbriola. All.: Favarin.
FOGGIA: (4-3-3) Sanchez; Dinielli (dal 64’ Angelo), Loiacono, Martinelli, Sicurella; Agazzi, Riverola, Sansone (dal 58’ Gerbo); Chiricò, Sainz-Maza (dal 112’ Padovan), Letizia. A disp.: Guarna, Agnelli, Vacca, Tucci, Empereur, Rubin, De Cristofaro. All.: Stroppa.
Arbitro: sig. Pashuku di Albano Laziale.
MARCATORI: 32’ Onescu (A), 72’ Chiricò (F).
AMMONITI: Ovalle, Cianci, Matera, Onescu (A); Martinelli, Chiricò (F). – ANGOLI: 5-2 per il Foggia. – RECUPERI: 2’ p.t.; 5’ s.t.; 1’ p.t.s.; 0’ s.t.s..
NOTE: Espulso dalla panchina Empereur (F) al 103’ per proteste.
SEQUENZA RIGORI: Angelo (F) gol, Rada (A) gol, Padovan (F) gol, Klaric (A) traversa, Agazzi (F) gol, Curcio (A) gol, Riverola (F) parato, Fall (A) gol, Chiricò (F) gol, Annoni (A) parato.

(A cura di Salvatore Fratello, Foggia 09.11.2016)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati