Foggia
In seguito alla pubblicazione della determina dirigenziale che approva un “Avviso Pubblico"

Ricovero e custodia 300 ospiti canile Foggia, proteste “A Largo raggio”

"Il canile municipale di Foggia" è attualmente "sottoposto a sequestro giudiziario"


Di:

Foggia. PROTESTE dell’Associazione di volontariato “A Largo Raggio” (gestore del Canile comunale di Foggia) in seguito alla pubblicazione della determina dirigenziale che approva “Avviso Pubblico per la manifestazione di interesse ai fini di esperire indagine conoscitiva sulla disponibilità di canili autorizzati per il ricovero, custodia ed alimentazione di un numero di circa 300 cani presenti presso il canile municipale di Foggia sottoposto a sequestro giudiziario”.

“Quest’avviso – dice in una nota l’associazione – si pone assolutamente al di fuori della normativa vigente”. L’associazione ha inoltrato all’amministrazione foggiana “richiesta motivata di ritiro del provvedimento”. “Riteniamo che affidare la gestione dei cani della collettività a strutture private sia una stortura inaccettabile e ben lontana dal diritto alla tutela di questi nostri sfortunati ‘concittadini a quattro zampe’ ingiustamente reclusi. Sarà opportuno che si comprenda tutti e una volta per tutte che non si tratta di fastidiosi carichi da stoccare da qualche parte per eliminare un disturbo. Si tratta di esseri senzienti, capaci di emozioni, portatori di diritti pari a quelli di chi, troppo grossolanamente, li ‘amministra’”.

“La contrarietà, purtroppo, lascia il posto allo stupore quando si apprende che parrebbe gia deciso di destinare i cani Foggiani a Vieste! In tanti, troppi, hanno riferito di questo atteso trasferimento di cani”.

“L’avviso pubblico scade il 13 novembre ma, da tempo, un dirigente foggiano avrebbe visitato la struttura ospitante accompagnato dal rappresentante di una associazione che opera sul territorio foggiano. Si tratta dell’unica associazione che ha ricevuto due stanziamenti per aver gestito cani del territorio (..). Al contrario “A Largo Raggio” in silenzio, senza chiedere nulla, ha gestito molti più cani risolvendo, ad oggi quasi del tutto, la penosa e gravissima situazione dell’ex ghetto dei bulgari. Tutto questo accade senza che si tenti un minimo di programmazione seria per affrontare la prevenzione del problema randagismo. Ci appelliamo al Sindaco Landella affinché ponga fine a questo perpetrarsi di politiche e provvedimenti rabberciati da parte dell’assessorato di riferimento e per l’inizio di un confronto costruttivo che avvii la risoluzione del problema”, conclude nella nota il presidente dell’associazione “A Largo Raggio”, Stefania Cassitti.

Ricovero e custodia 300 ospiti canile Foggia, proteste “A Largo raggio” ultima modifica: 2017-11-09T13:06:10+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi