Manfredonia

Emergenza ‘bisognini’, ordinanza sindaco a Napoli: test dna su cani

Di:

Cani randagi. (Fonte immagine: ansa.com)

(ansa) Siete proprietari di cani a Napoli? Se la risposta è sì siete obbligati a sottoporre i vostri amici a quattro zampe all’esame del Dna. A stabilirlo è una ordinanza sindacale che ha come obiettivo questo: porre un freno al fenomeno degli escrementi dei cani che non rispettano affatto il decoro urbano. Non solo. I proprietari devono, qualora non lo avessero già fatto, iscrivere il cane all’anagrafe canina regionale, munirsi di dispositivo per la rimozione delle feci, sottoporre il cane al prelievo ematico per la leishmania. I trasgressori saranno puniti con sanzioni che vanno da 25,82 euro a 154,94 euro. Si parte dai quartieri della quinta Municipalità Vomero-Arenella che sono stati scelti come ”quartieri pilota”.

”Il progetto – ha spiegato il vicesindaco di Napoli Tommaso Sodano – mira a migliorare il decoro urbano, ma allo stesso tempo a prevenire rischi per la salute pubblica e anche a ridurre il fenomeno dell’abbandono dei cani. E’ un percorso che mette insieme la difesa degli animali, il miglioramento della qualità della vita e la prevenzione per la tutela della salute dei cittadini”. Il provvedimento – come illustrato – consentirà di costituire una banca dati del Dna canino e, attraverso un’indagine comparativa tra il Dna estratto degli escrementi trovati in strada e il Dna custodito in banca dati si potrà identificare il proprietario che non ha rimosso le feci del proprio cane dalla strada.



Vota questo articolo:
23

Commenti


  • luca

    Io abito in una civilissima città del nord dove si è abituati a pensare che tutto funzioni bene ogni anno nelle classifiche dei posti dove si vive meglio sempre nei primi 20. Morale sono appena tornato dopo 15 gg da Manfredonia dove non ho schiacciato nulla ed oggi pomeriggio già sono stato in garage 30 min. per pulire una scarpa, qua ci sono più cani che bambini.


  • Pasqualino

    A parte le cacche, sarebbe il caso di considerare anche le pipì dei vostri amici.
    Ogni angolo di stabile è sporco di pipì di cani, fonti di malattie, che solo una buona pioggia provvede a disinfettare.


  • Pasqualino

    Spero che la pioggia di commenti di –sia nei confronti del Foggiano e non tanto contro i cani.


  • semprevigile

    E’ più facile fare questo che mettere i braccialetti ai delinquenti accasati.


  • Marco il Foggiano

    Ed ora arrivera’ la pioggia di commenti di – contro i cani!!!!


  • EMERGENZA SANITARIA DEIEZIONI CANINE A MANFREDONIA

    marco il foggiano di va di incontrami domani mattina o quando vuoi tu. Ti offro un caffè e poi ti faccio fare un bel giro turistico vomitevole. Se vuoi sono a tua totale disposizione. Se accetti, tramite redazione ti fornisco i dettagli per incontrarci. Poche storie è una vergogna, una vera emergenza sanitaria a Manfredonia!! —di cani ovunque!!


  • EMERGENZA SANITARIA DEIEZIONI CANINE A MANFREDONIA

    IL SINDACO DI MANFREDONIA EMULI QUELLO DI NAPOLI E INVII VIGILI URBANI IN BORGHESE A MULTARE INCIVILI!!


  • az

    perche’ invece dei cani non multate i porci incivili che si ubriacano e vomitano sulle scale dei portoni,e pisciano negli angoli dei palazzi bui se riescono ancora a ragionare,altrimenti la fanno dove capita?


  • Caterina

    Già si inizia a copiare notizie dal comune di Napoli,, cosi il nostro primo cittadino pensa ai cani per poi magari inventarsi una tassa…..invece di pensare alle persone senza lavoro…ridurre le tasse…o gente bisognose…purtroppo il sazio non crede al digiuno. Pieno rispetto per il decoro della citta’,, basterebbe educare prima di tutto i proprietari dei cani per essere gente civile senza prendere esempio da nessun paese..


  • Redazione

    E’ un’ANSA, il Comune di Manfredonia non ha copiato nulla o emesso eguali ordinanze; grazie, Red.Stato


  • Gabriele

    Il problema non sono i cani, ma i padroni della maggior parte dei cani, che li fanno p,,,,,, e c,,,,, ovunque. Tanto le multe a Manfredonia non esistono.


  • I marciapiedi e le strade del rione Croce sono completamente insozzate da feci

    la situazione peggiora dopo giorno ormai anche gli slalom tra le feci non serve più e quasi un tappeto di feci ovunque.


  • Trotta Roberto

    X Marco il Foggiano

    Il problema se non lo hai ancora capito non sono i cani, ma i loro padroni.


  • semprevigile

    però esistono…. i VV.UU…. se esistono…Chiedo, visto il malvezzo così diffuso in tutte le parti della città… qualche vigile ha mai elevato un verbale a tale titolo e se si ricorda bene la materia…è disciplinata da una Ordinanza Sindacale, che obbliga tutte le forze dell’ordine alla osservanza/applicazione delle sanzioni.


  • cane sciolto

    Cara redazione avete inserito la foto dei cani randagi…eh dai quelli sono giustificati, dovreste inserire la foto di un sconosciuto con un cane al seguito.

    Su circa 2.000 possessori di cani a Manfredonia, 2 sole ai miei occhi si sono contraddistinti per civiltà:
    una donna sulla cinquantina che provvedere a raccogliere gli escrementi della sua bestia e un signore che scrive anche per questo giornale, il quale va in giro con il cane e la paletta al seguito ben visibile e credo anche che provveda anche alla raccolta. Gli altri e le altre sono peggio delle bestie!!
    Vanno trattate come tali, educarli con le maniere forti!! Questi ignobili esseri vanno trattati per quelli che sono!! BESTIE INCIVILI!!


  • cane sciolto

    @ Marco il foggiano sei hai un cane cerca di raccogliere le sue feci o comunque fai sfogare i suoi organi espellenti in luoghi consoni ovvero in casa tua o nel tuo giardino!!


  • cane sciolto

    la gente è stufa di rientrare a casa o di sporcare i tappetini delle auto con le feci dei cani!! La gente è stufa di portare i microbi a casa sui pavimenti dove ci giocano anche i bambini!! La gente è stufa di voi animali incivili!
    Non dei cani ma di voi! Bestie! Chi legge e si sente leso si faccia un esame di coscienza!! Bestie!


  • Marco il Foggiano

    🙂 Ahhh scusate il mio commento e’ grammaticalmente incorretto…possiedo un cagnolino anch’io e sono pienamente d’accordo che la categoria dei padroncini sipontini e’ impersonata dal malcostume, aime’!!
    Saluti a coloro che mi hanno citato nei commenti 🙂 🙂 🙂
    Cia’


  • letore anziano

    prima a manfredoania quanto ci era nei
    anni del sesanta cinquanda in via tribuna e via prencibe uberto cerano le cacate dei cavali quanto si sentivano erghia op ogni tando il cavalo faceva i suoi bisogno a manfredonia cerano solo una trendina di cani quello del cieco il cane lupo e i cani da caccia ma i padroni erano civili e erano i sardoni i barbunett i ior aior lilin pacill quelli erano signori ma mo daddica sono usciti tuti quesse signore muffare e sti morti di fame con sti cani appreso????


  • EDWARD CULLEN

    Signor sindaco fate bene perché è una vergogna vedere bisogni di cani di proprietari ovunque.e uno schifo siamo davvero persone incivili al 100%.una cosa voglio ricordare i cani randagi sono molto più puliti dei cani che vivono in casa una volta ho visto un cane randagio fare nell’erba il suo bisogno!!!!?i proprietari dei cani di devono prendere le responsabilità dei propri amici a quattro zampe perché tenere il cane tanto per yankee lo non va bene bisogna rispettare tutte le regole parla una che ama gli animali


  • I politici italiani sono i peggiori del mondo

    EDWARD CULLEN, HAI LETTO BENE L’ARTICOLO A QUALE SINDACO DI RIFERISCI. GUARDA CHE IL SINDACO DI NAPOLI E NON IL NOSTRO CHE HA INTRAPESO QUESTA INIZIATIVA!!
    IL NOSTRO E’ DEDITO A SCRIVERE LIBRI ALTRO CHE PROBLEMI DELLA CITTA’!!!


  • EDWARD CULLEN

    Lo so che non si riferisce al sindaco ma si riferisce il sindaco di napoli


  • antonella

    Il cane agisce d’istinto, il padrone no!
    A.D. -2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi