CulturaManfredonia

La ‘Desis’ del ciclo degli affreschi nella Cappella della Maddalena

Di:

La ‘Desis’ del ciclo degli affreschi nella Cappella della Maddalena (st)

COME
altrove è stato scritto, all’interno della cosiddetta “Cappella della Maddalena” di Manfredonia, che in realtà è l’abside principale della chiesa di San Domenico, vi sono degli affreschi di datazione diversa ma che sono ascrivibili al XIII e XIV Secolo.

Dell’affresco raffigurante l’Albero di Jesse si è già detto. Vi è sempre sulla tessa parete, un’altra serie di affreschi che purtroppo sono molto danneggiati, ma che denotano, anche attraverso l’esame dei frammenti rimasti una straordinaria sensibilità artistica da parte degli autori, sicuramente diversi per epoca e stile.

In uno di questi è una vera e propria “Deesis”.

La “Deesis” o “Intercesssione” è un tema molto usato nell’arte:i personaggi raffigurati sono quasi sempre: Maria col Figlio, l’apostolo Giovanni o molto spesso anche San Nicola. Vi sono poi i cosiddetti “offerenti” cioè coloro che finanziavano l’opera mettendosi sotto la protezione dei Santi e di Maria perché intercedessero presso Gesù , chiedendo la protezione di un loro caro, in questo caso un adolescente.

Nella “Deesis” della nostra cappella,(purtroppo di difficile lettura) compaiono la Madre di Dio che regge il Figlio e che con la mano destra sorregge un Crocifisso; davanti a Lei San Nicola che mostra alla Madonna un bambino nobilmente vestito.

Credo che ci sia stato un altro personaggio raffigurato ( uomo o donna) genitore del bambino in atteggiamento supplichevole verso San Nicola perché ne chiedesse la protezione divina ma del quale non ci sono rimaste tracce. Le figure di san Nicola e del bambino “offerto” sono intere cosi come anche il Crocifisso, mentre rimangono dei frammenti in cui si possono scorgere i visi di Gesù e di Maria.

Non conosciamo il nome dell’autore di questo affresco, probabilmente un frate Domenicano: infatti i Domenicani contavano diversi grandi artisti, il più noto dei quali era il Beato Angelico. Ma ciò che sconvolge di questa opera è la meravigliosa luce e bellezza che emana lo sguardo della Madre di Dio dal frammento di affresco del viso rimasto. Ma basta per sorprenderci.

E’ uno sguardo permeato di misticismo ma umanissimo. Non è quello triste della Madre di Dio come ce lo danno le icone della tradizione , quella tristezza di chi vede in lontananza la sofferenza della Croce. Negli occhi della Vergine qui raffigurata vi è la consapevolezza del dolore ma Maria guarda oltre per arrivare al trionfo della Resurrezione. E’ un fascino tra il divino e l’umano quello della nostra Madonna: quasi ormai consapevole di essere stata scelta come artefice importante della Storia del Mondo. Insomma non c’è lo strazio della Donna trafitta dal dolore del Figlio come nella : “Donna de Paradiso “ di Jacopone ma piuttosto quello del Magnificat.

Grandi cose ha fatto di me il Signore……
………..Tutte le generazioni mi chiameranno Beata.

Una donna, prima di tutto, come quella che Dante immortala nella “Preghiera alla Vergine”:

..Donna sei tanto grande
e tanto vali….

O anche dal Petrarca:
……Vergine bella
Che di sol vestita

Qui non c’è lo sguardo triste della Sipontina,né quello di rassegnato misticismo delle “Madonne “ del Beato Angelico, ci intravedo invece quello stesso fascino di sconvolgente
bellezza tra l’umano e il divino emanato dagli occhi dell’”Annunciata” di Antonello da Messina.

I tratti , i lineamenti di quel che rimane di quello splendido viso della Madonna della Cappella della Maddalena, il taglio degli occhi e del naso..la profondità e il fascino di quel magico sguardo..sembrano derivino dalla stessa Scuola. E non riesco proprio a comprendere come si sia potuto nel tempo non cogliere questa straordinaria bellezza e lasciare che le ingiurie del tempo e dell’uomo distruggessero questo straordinario esempio di arte eccelsa.

(A cura di Aldo Caroleo, Archeoclub Siponto)



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • gionnyjolly

    Deesis:Raffigura,in linea di massima due santi che intercedono presso il Cristo.In linea di massima sono la semprevergine Maria e San Giovanni il Battista.In casi eccezzionali,altri santi.Per quanto riguarda l’affresco della Cappella della Maddalena,da una mia foto,oltre a quelle pubblicate dal noto e compianto Rag.Nicola De Feudis,deduco che:ASSOLUTAMENTE NON E’UNA DEESIS!I due Santi,Domenico e Nicola,con una terza presenza,OFFRONO una Chiesa alla Madonna,tipica di tante altre pitture che van no dal duecento in poi,per cui,l’autore dell’articolo,prima di scrivere,avrebbe potuto meglio informarsi,andando presso le Biblioteca Pascale,pomposamente chiamata :Civiche Biblioteche Unificate…….per fare un favore ad un donatore!


  • aldo caroleo

    In linea di massima…ma in altri è pesente anche S.Nicola. Comunque più che l’aspetto tecnico formale mi premeva portare alla conoscenza , non solo degli addetti ai lavori, la presenza di questa splendida opera d’arte che va assolutamente ripresa e tutelata (parlo dell’insieme degli affreschi) . In effetti si sanno manifestando, purtroppo dei distacchi dall’intonaco.
    Scusandomi per l’errore nella valutazione (i resti dell’affresco mi hanno fatto pensare ad una Deesis) e ringrazio per l’intervento, augurandomi però che tutti coloro che tengono agli aspetti artistici e culturali della citta divulghino queste opere che solo attraverso la conoscenza collettiva possono essere apprezzate e tutelate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi