Capitanata

Orta Nova, raid vandalici nelle scuole, furti in case: allarme

Di:

Carabinieri (st)

Bari – “I beni comuni e privati sono sfregiati e violati ogni giorno dai vandali e dai predatori che provocano un doppio danno economico ai cittadini: più spese per riparare i danni, meno soldi per migliorare la città e le loro case”. La sindaco Iaia Calvio commenta gli ennesimi raid vandalici subiti dalla scuola media ‘Pertini’, dall’istituto tecnico ‘Olivetti’ e dall’ex Caserma dei Carabinieri dove sono stati distrutti arredi, allagati ambienti, danneggiate attrezzature didattiche – “compreso un pianoforte” –, imbrattati muri.

“Questa gentaglia se ne frega delle videocamere – continua Calvio – perché, purtroppo, hanno verificato che la reazione delle forze dell’ordine agli allarmi non è così tempestiva come ci si aspetterebbe. Problema rappresentato anche da un numero crescente di vittime dei topi d’appartamento. Evidentemente uomini e mezzi che compongono l’apparato di sicurezza non sono adeguati alle esigenze di sicurezza e ordine pubblico del nostro territorio. Un tema che sottoporrò all’attenzione del Prefetto e dei vertici provinciali delle Forze dell’Ordine; partendo da presupposto che non si può certo immaginare di sostituire i carabinieri con i vigili urbani, come alcuni rappresentanti istituzionali hanno pure sostenuto.

All’Amministrazione comunale tocca il compito di riparare i nuovi
danni e rafforzare la vigilanza privata delle scuole e del patrimonio comunale. Decisione che abbiamo assunto questa mattina e che diventerà rapidamente operativa.

Per farlo, spenderemo denaro destinabile a migliorare i servizi; denaro che viene sempre meno dallo Stato e sempre più dalle tasse comunali. Ho chiesto all’assessore al Bilancio di rendicontare la spesa sostenuta lo scorso anno per far fronte ai danneggiamenti del patrimonio comunale – conclude Iaia Calvio – così che i cittadini, vandali compresi, sappiano quanto costa l’idiozia di questa gente”.

Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi