BATStato prima
Su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia

Bari, guerra di mafia per controllo droga, 13 arresti

"Uno scenario da Risiko, con il feroce clan mafioso dei Campanale all’attacco dei più deboli clan del sud della provincia"

Di:

Bari – E’ in corso dalle prime luci dell’alba a Bari un blitz congiunto della Polizia di Stato e dei Carabinieri del Comando Provinciale che stanno dando esecuzione a diverse misure cautelari in carcere emesse dal Giudice per le Indagini preliminari di Bari su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia.

Le indagini, svolte congiuntamente dai Carabinieri (Reparto Operativo di Bari e Compagnia di Triggiano) e dalla Polizia di Stato (Squadra Mobile), sono state avviate all’indomani dell’efferato omicidio di Rizzo Mario, avvenuto a Rutigliano, cittadina dell’hinterland barese, dove l’uomo fu freddato all’interno di un bar del centro con diversi colpi alla testa. Subito è emerso uno scenario da Risiko, con il feroce clan mafioso barese dei Campanale all’attacco dei più deboli clan del sud della provincia. Prima il tentativo di negoziare un accordo con in clan locali per spartirsi il mercato di droga ed estorsioni, poi il brutale omicidio di Rizzo Mario, colpevole di aver rifiutato di piegarsi ai “baresi” e di aver persino umiliato un luogotenente dei Campanale, oggi arrestato, picchiato e fatto inginocchiare in pubblico, pistola alla tempia, simulando un’esecuzione.

L’omicidio ha spianato la strada alla conquista barese, alcuni clan dell’hinterland si sono alleati con i cittadini per dominare i gruppi meno forti ed imporsi per dominio del traffico di droga ed estorsioni.

Forse per ritorsione, i primi taglieggiati sono stati proprio gli imprenditori del territorio controllato dal defunto Rizzo, tra cui anche un’impresa di pompe funebri.

Redazione Stato@riproduzioneriservata



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi