Manfredonia
La stessa - non totalmente lucida - sarebbe entrata nelle acque ma è stata prontamente afferrata dagli agenti del Commissariato

“Questa è la mia ultima birra”, tenta suicidio in mare: salvata da agenti PS Manfredonia

I familiari della donna hanno contattato e ringraziato gli agenti intervenuti sul posto

Di:

Manfredonia. TRAGEDIA evitata ieri a Manfredonia, in località Siponto, mentre la città festeggiava il Carnevale. Da raccolta dati, una donna di 35 anni del Foggiano avrebbe tentato di togliersi la vita in mare. Verso le ore 21.30, la donna si sarebbe recata in un bar per bere qualcosa riferendo a un uomo nel locale che quella che stava bevendo sarebbe stata la sua “ultima birra“. Insospettito dalle parole della donna, il barista avrebbe prontamente allertato il Commissariato di Manfredonia con celere invio sul posto di una pattuglia della Squadra Volanti. Dopo la birra nel bar, la donna si sarebbe allontanata velocemente. I due agenti del Commissariato avrebbero cominciato il giro di perlustrazione, dirigendosi successivamente verso il mare, ipotizzando una possibile presenza della donna, qualora la preannunciata volontà di togliersi la vita della stessa fosse risultata concreta. Nel corso delle ricerche, in un tratto di spiaggia alle spalle dell’entrata di un lido, prima della pineta, gli agenti avrebbero visto una donna correre senza motivazioni plausibili. La stessa – non totalmente lucida – sarebbe poi entrata nelle acque ma è stata prontamente afferrata dagli agenti che hanno poi chiamato i sanitari del 118. Sul posto un’ambulanza proveniente da Mattinata e una da Manfredonia. La donna è stata poi trasportata in ospedale. Le condizioni della giovane, al di là della fase di alterazione psichica, non destano preoccupazioni. I familiari della donna hanno contattato e ringraziato gli agenti intervenuti sul posto. Alla base dei fatti, un ipotetico problema coniugale che avrebbe interessato di recente la donna.

REDAZIONE STATO QUOTIDIANO.IT – RIPRODUZIONE RISERVATA



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • fato

    Forse si dovrebbe fare di piu’ per le famiglie e le donne, ma le nostre amministrazioni comunali pensano ad altro e ai gay.aiutare forse, e’ un dovere.in diversi ci confrontiamo sulle problematiche familiari: Qualche volta sono io a dover ascoltare altre volte devo dare supporto.e’ indispensabile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi