Scuola e Giovani

“Sindacati scuola uniti per contratto, stabilizzazioni, investimenti”

Di:

Roma – ”SE non ci saranno ulteriori rinvii, il prossimo Consiglio dei Ministri del 10 marzo varerà il “pacchetto scuola” sul quale si sono rincorse confusamente indiscrezioni e anticipazioni. Le ipotesi che circolano non sono piaciute ai sindacati che in un documento unitario indicano le ragioni della mobilitazione che si articolerà in una serie di iniziative per poi sfociare in una grande manifestazione nazionale del personale della scuola l’11 aprile a Roma.

“Rinnovare il contratto di lavoro e dare risposte concrete alle migliaia di persone che oggi lavorano con contratti precari per assicurare organici funzionali alla scuola dell’autonomia, investire in formazione: ecco le ragioni della mobilitazione” spiegate nel documento diffuso da FLC CGIL, CISL Scuola, UIL Scuola, Snals Confsal, Gilda Fgu.

I sindacati criticano anche le proposte contenute nel piano “La Buona Scuola” su premialità, valutazione, ruolo della dirigenza scolastica e sottovalutazione del personale Ata. “Lo stato di incertezza sul fronte delle assunzioni e le ipotesi di interventi sbagliati sulle retribuzioni – si legge nel documento – stanno generando preoccupazione e tensioni. Il progetto del governo non ha i requisiti della vera innovazione, non investe risorse, non si fonda su un reale confronto, presuppone la condivisione ma poi non la pratica. La scuola italiana ha bisogno di un significativo piano di investimenti che la riporti in linea con gli altri Paesi europei””.

FLC CGIL nazionale

“Sindacati scuola uniti per contratto, stabilizzazioni, investimenti” ultima modifica: 2015-03-10T14:16:17+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi