Cronaca

Spedire le tasse a rate costa caro. San Severo un caso isolato?

Di:

Più di un mese fa, contattai alcuni amministratori, e l’ufficio ragioneria del Comune Celestino per chiarimenti relativi alla voce di costo “spese postali” indicata sul portale del “Sistema informativo delle Operazioni degli Enti Pubblici”.

Il saldo di spesa gravante sulle casse dell’Ente, aggiornato al gennaio 2015, risultava pari a 89.273,82 euro, su una popolazione di poco più di 54 mila abitanti. Cifra che va sommata ai 16.934,11 spesi nel 2014, anno in cui la città è stata sotto gestione commissariale per 5 mesi.

Il valore pro capite riferito agli stessi anni si assesta intorno all’1,64 euro per abitante rispetto alla media nazionale di 0,17 euro. Un valore superiore di 9,6 volte alla media nazionale. Ma il rapporto andrebbe interpretato diversamente. Da una ricerca estesa a tutti comuni della Provincia di Foggia, emerge che la voce di costo “spese postali”, con ogni probabilità, è assimilata sotto la dicitura di altre spese. Interpretazione confermata dal funzionario dirigente dell’ufficio ragioneria.

Il dato tuttavia mostra un andamento decisamente in crescita con l’inserimento della rateizzazione di tasse come la TARI. Ieri, il primo segnale di attenzione del comune in questo senso che annuncia l’invio del “Saldo Tari” via Posta certificata per 1.500 contribuenti. Una riduzione minima a giudicare dalle cifre sopra esposte, che comunque evidenzia l’inizio di un percorso virtuoso.

C’è da dire, però, che da marzo possedere un account di PEC sarà oltre che obbligatorio per le comunicazioni elettroniche tra cittadini e PA, anche a pagamento con un costo medio di 5 euro l’anno, IVA esclusa (0,01 euro al giorno, IVA inclusa). In realtà, fatta eccezione per i professionisti iscritti ad Ordini ed Elenchi speciali, varrà sempre il caro e vecchio sistema comunicativo, a seconda dei casi, di consegna a mano, per posta ordinaria o raccomandata.

In conclusione si evince che: non vi è nessun risparmio se la PEC si dovrà pagare 5 euro ogni anno, a fronte di un costo pro capite annuale per cittadino contribuente di 1,64 euro. Chi continua a pagare anche per i risparmi presunti di un Ente pubblico resta il professionista, il lavoratore autonomo, e gli stessi lavoratori della PA.

(inesmacchiarola1977@gmail.com)

FOTOGALLERY

Spedire le tasse a rate costa caro. San Severo un caso isolato? ultima modifica: 2015-03-10T15:07:10+00:00 da Ines Macchiarola



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi