GarganoManfredonia
"Il corteo ha attraversato, in religioso silenzio, le vie principali della città"

Servizio ‘Le Iene’, “Frati minori Cappuccini vittime attacco infamante”

"Dopo l’abbraccio il corteo si è concluso nella chiesa di Santa Maria delle Grazie"


Di:

(ph: Comitato Padre Pio)

(ph: Comitato Padre Pio)

Manfredonia – Ieri sera nonostante il freddo polare in migliaia si sono radunati in Piazza Padre Pio per partecipare alla fiaccolata organizzata dal Comitato “In difesa di Padre Pio” per dare un tangibile segno di solidarietà ai Frati Minori Cappuccini vittime di un attacco infamante e calunnioso.

Il corteo ha attraversato, in religioso silenzio, le vie principali della città giungendo o davanti al piazzale di Santa Maria delle Grazie dove i manifestanti hanno formato una lunga catena umana che ha abbracciato il Convento.

Dopo l’abbraccio il corteo si è concluso nella chiesa di Santa Maria delle Grazie dove ad accogliere i partecipanti c’era il guardiano del Convento Padre Francesco Langi, il quale ha ringraziato il popolo di San Giovanni Rotondo per la solidarietà e l’affetto dimostrato con l’iniziativa. “Il sodalizio tra i Frati e il popolo di San Giovanni Rotondo iniziato nel lontano 1540 oggi con questo grande gesto di solidarietà si rafforza sempre di più” questo è il messaggio che il guardiano del Convento ha pronunciato nella chiesa prima di concludere con una preghiera.

La costruzione del Convento fu iniziata nel 1538, su richiesta ed a spese del popolo e con il consenso dell’arcivescovo sipontino, cardinale Giovanni Maria di Monte S. Sabino, poi Papa Giulio III.

Il terreno, comprendente una casetta di campagna ed un pozzo, fu donato da un certo Orazio Antonio Landi.
* Nel 1540, i frati ne presero possesso, testimoniando Dio con santità di vita e ricevendo in compenso divina assistenza.
* Il 1 febbraio 1575, vi alloggiò Camillo De Lellis, il quale, dopo una lunga conversazione con padre Angelo, superiore del convento, decise di cambiar vita.
* 1811: il convento viene chiuso una prima volta.
* 1818: viene riaperto.
* 1867: all’inizio dell’anno il convento viene chiuso nuovamente.
* 1867, 20 ottobre: convento, chiesa, terreno, mobili ed arredi passano al Comune di San Giovanni Rotondo per gli usi contemplati dall’art. 20 della legge eversiva del 7 luglio 1866. Fino al 1908 il convento viene adibito a mendicicomio.
* 1904: il provinciale Padre Pio da Benevento fa diversi tentativi presso l’amministrazione comunale per riavere il convento.
* 1909: il provinciale padre Benedetto da San Marco in Lamis riottene il convento e, all’inizio di settembre,i frati ne riprendono il possesso.
* 1916: 28 luglio, arriva Padre Pio da Pietrelcina. D’ora in poi la storia del convento sarà legata a quella del Santo.
San Giovanni Rotondo 10/04/2015

(A cura del Comitato “In difesa di Padre Pio”, San Giovanni Rotondo, 10 aprile 2015)

Servizio ‘Le Iene’, “Frati minori Cappuccini vittime attacco infamante” ultima modifica: 2015-04-10T13:04:18+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
7

Commenti


  • Marcinkus

    La vergogna non conosce fine. Con questa carnevalata non avete difeso nè Padre Pio nè i frati nè tanto meno la signora Verde, probabilmente vittima di un atto squallido per implicita ammissione degli stessi frati tramite lo stesso servizio de Le Iene. Con questa sceneggiata avete difeso solo la vostra sconfinata paura di perdere il business del turismo religioso, dopo che l’ostensione perpetua della salma dl frate non ha ottenuto gli effetti sul turismo che speravate. Non trovo più altre parole. Questa storia vi sta sempre più ritorcendo contro. Vergogna.


  • zoover

    Uhm, dunque se qualcuno si permette di attaccare un frate minore o dei frati minori del convento dei cappuccini di San Giovanni Rotondo, attacca il Santo Padre Pio… Questo sillogismo mi è nuovo!


  • giovanni

    vorrei dire a tutta questa gente , vi siete chiesti se DIO si compiace di tutto questo , nella BIBBIA lo dice chiaramente che bisogna denunciare ogni tipo di peccato e non di nascondere, questi frati si devono vergognare, stanno distruggendo la vita di questa ragazza. voglio dire e questa gente volevo vedere se era una vostra figlia, vergognatevi.


  • Indignato

    FATE SOLTANTO RIDERE!!!!


  • Gabriele

    Dopo l’ulteriore servizio di ieri sera (16 aprile) cosa dobbiamo aspettarci? Non sono molto religioso, ma non posso essere insensibile a tutto questo… “Allucinante” è la prima cosa che mi viene in mente… “incredibile” è pensare che chi mette in atto tutte queste crudeltà e violenze sia lo stesso che dovrebbe essere caritatevole… “repulsione” è il sentimento per chi predicando povertà si circonda da lusso estremo… forse però basterebbe una sola parola a descrivere tutto: “schifo”.


  • Origins

    Il mondo sommerso (e non tanto) del clero è torbido, ripugnante e pericoloso per chi viene a trovarsi dentro.


  • Beppe

    Ma finitila di manifestare per la paura di perdere turisti….chi viene da Padre Pio lo fa con il cuore perchè è credente…voi credete solo al portafoglio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi