Lavoro

Giunta regionale approva adempimenti per stabilizzazione sanità


Di:

L'assessore alla sanità Tommaso Fiore (St)

L'assessore alla sanità Tommaso Fiore (St)

Bari – LA Giunta ha approvato – a seguito della sentenza della corte costituzionale n. 68/2011 che abrogava alcuni articoli della legge 4/2010 e a seguito dell’approvazione del piano di rientro sanitario – alcuni adempimenti in materia di personale sanitario stabilizzato.

In particolare, la Regione ha preso atto del fatto nuovo sopravvenuto delle sentenza della corte costituzionale che ad un certo punto, dopo la sottoscrizione dei contratti di lavoro del personale sanitario legittimamente sottoscritti tra le parti, ha fatto venir meno il titolo giuridico per la continuazione del rapporto di lavoro a tempo indeterminato. Le aziende sanitarie dovranno così notificare agli interessati la risoluzione dei contratti di lavoro a tempo indeterminato per l’impossibilità sopravvenuta correlata alla declaratoria di incostituzionalità delle disposizioni normative regionali che hanno permesso la stabilizzazione.


L’ASSESSORE FIORE
– Come noto la Corte Costituzionale con la sentenza n.68 del 23 febbraio 2011 ha espresso giudizio di incostituzionalità su diversi articoli della Legge regionale n.4 del 25 febbraio 2010 ivi compreso anche sul comma 1 dell’articolo 19. La decisione di incostituzionalità dell’articolo 19 comma 1 è tuttavia limitata solo nella parte in cui non si esclude il personale delle aziende ospedaliero-universitarie o comunque non si prevede un rinvio a protocolli d’intesa tra Università e Regione né alcuna forma d’intesa con il Rettore.

“Appare del tutto evidente quindi che le procedure selettive in applicazione dell’articolo 19 della legge citata non sono intaccate fatta eccezione per l’azienda ospedaliera universitaria Consorziale Policlinico in assenza di un’apposita intesa tra Università e Regione. Da qui l’applicazione della norma”.


Redazione Stato

Giunta regionale approva adempimenti per stabilizzazione sanità ultima modifica: 2011-05-10T17:55:41+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This