Cronaca

Raddoppio binario Lesina-Termoli, Cgil: “tempi certi per l’opera”


Di:

“L’ipotesi progettuale formulata pur comportando un aggravio di costi e tempi di realizzazione più lunghi, è una mediazione accettabile che prevede lo spostamento dalla costa verso l’autostrada della linea per soli 6 chilometri e non per tutti e 35 chilometri del tratto, superando le riserve del Ministero dell’Ambiente che bloccavano l’intervento”

Foggia – LE segreterie provinciali della Cgil e della Filt di Foggia hanno espresso un “giudizio positivo” in merito all’accordo raggiunto in sede ministeriale per il raddoppio della tratta ferroviaria – oggi a binario unico – tra Lesina e Termoli, unica strozzatura della direttrice adriatica che comporta da troppo tempo ormai notevoli disagi al traffico passeggeri e merci”. “L’ipotesi progettuale formulata – commentano Cgil e Filt – pur comportando un aggravio di costi e tempi di realizzazione più lunghi, è una mediazione accettabile che prevede lo spostamento dalla costa verso l’autostrada della linea per soli 6 chilometri e non per tutti e 35 chilometri del tratto, superando le riserve del Ministero dell’Ambiente che hanno bloccato per quasi un decennio il raddoppio della linea ferroviaria”.

Cgil e Filt di Foggia si augurano ora che “l’intervento preveda anche la messa in sicurezza del territorio, al fine di evitare come in passato il blocco delle linea dovuto all’allagamento del sedime ferroviario a seguito dell’apertura delle paratie della diga di Occhito. Auspicano soprattutto che siano fissati tempi e risorse certe, per accelerare quanto prima un intervento su una tratta che – al pari del binario unico sulla direttrice verso Napoli e Roma – non consente alla Puglia, ai suoi passeggeri, alle imprese che trasportano merci, di essere collegati in maniera ottimale al resto del Paese e all’Europa”.


Redazione Stato

Raddoppio binario Lesina-Termoli, Cgil: “tempi certi per l’opera” ultima modifica: 2011-05-10T14:57:06+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This