Manfredonia
Come stabilito con delibera di Giunta comunale

Comune Manfredonia, estensione anticipazione tesoreria pari a 12.803.692,62 euro

La Giunta comunale di Manfredonia ha preso atto dell’avvenuta proroga della gestione del servizio di tesoreria

Di:

Manfredonia. CON recente delibera, la Giunta comunale di Manfredonia ha preso atto dell’avvenuta proroga della gestione del servizio di tesoreria che si estenderà fino al 31 dicembre 2016; richiesta, ai sensi dell’art. 222 del D.Lgs. n. 267/2000, l’estensione del ricorso all’anticipazione di tesoreria di cui alla deliberazione di Giunta Comunale n. 272 del 17 dicembre 2015 fino al 31.12.2016.

L’ATTO. ”Con deliberazione di Consiglio Comunale n. 36 in data 05.10.2015 esecutiva ai sensi di legge, è stato approvato il bilancio di previsione 2015-2017; (..) con deliberazione di Giunta Comunale n. 272 in data 17.12.2015 ,esecutiva ai sensi di legge, è stata autorizzato il ricorso all’anticipazione di tesoreria per l’esercizio 2016 entro il limite massimo dei 3/12, pari a Euro 12.803.693,62 con la Banca Popolare di Milano -tesoreria comunale , ai sensi dell’art. 222 del D.Lgs. n. 267/2000 con validità 31.12.2016; con deliberazione di Giunta Comunale n. 8 del 13.01.2016 è stato approvato il PEG provvisorio per l’anno 2016 (..) ”.

”Considerato, altresì, che con determinazione n. 472 del 14.04.2016 si disponeva di:
1) procedere, nelle more della definizione delle procedure di gara, alla proroga tecnica della convenzione 8452/Rep. del 23.06.2016 stipulata con la Banca Popolare di Milano, Filiale di Manfredonia alla Via Tribuna n. 65, per l’espletamento del servizio di tesoreria comunale fino al 31.12.2016 , e comunque non oltre il tempo necessario all’espletamento di una nuova gara; (..) il servizio si svolgerà alle medesime condizioni previste nella Convenzione in scadenza” (..).”

allegato
n079 del 03052016

Redazione Stato Quotidiano.it – riproduzione riservata



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • antonella

    Questa amministrazione sarà ricordata sicuramente per le continue richieste di anticipazioni di tesoreria, e per l’evidente aumento del debito. Dimissioni proprio no?


  • Raffaele Vairo

    Come ho già avuto modo di scrivere in un mio precedente intervento, il ricorso continuo del Comune, e per importi significativi, alle anticipazioni di tesoreria è un indicatore della carenza di liquidità e dello squilibrio di cassa nella gestione dell’Ente. Tale ricorso è espressione della difficoltà di far fronte, tempestivamente ed economicamente, ai propri “debiti” in scadenza con la liquidità riveniente dalle entrate (proprie e da trasferimenti). Il problema può essere contenuto programmando e prevedendo, con più attenzione, i flussi finanziari in entrata e uscita (cosa certo non semplice ma necessaria). Lo squilibrio in argomento incide, com’è noto, pesantemente sull’ammontare degli interessi passivi che il Comune deve, periodicamente, corrispondere alla Banca che svolge il servizio di Tesoreria. Le risorse destinate al pagamento degli interessi passivi, inoltre, sono sottratte alla loro destinazione naturale, ovvero la copertura della spesa per maggiori servizi pubblici ai cittadini. In altri termini, una parte non irrilevante delle nostre tasse comunali, anziché servire a finanziare maggiori servizi prestati dal comune, viene destinata al pagamento degli interessi all’Istituto tesoriere per le anticipazioni. Sarebbe molto utile far conoscere, ai cittadini contribuenti, l’importo complessivo annuo di questi interessi!


  • Santiago nadar

    Rinaldi alla frutta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi