GarganoManfredonia
Due campagne internazionali di scavo archeologico, presso il cosiddetto “Eremo di San Nicola” a San Marco in Lamis

Eremo di San Nicola, due campagne internazionali di scavo

Eremo di San Nicola, due campagne internazionali di scavo

Di:

Foggia. Due campagne internazionali di scavo archeologico, presso il cosiddetto “Eremo di San Nicola” a San Marco in Lamis, sul Gargano, sono in programma per il 2016. Un’opportunità formativa gratuita e di alto livello per studenti universitari che offre la possibilità di apprendere tecniche e metodologia di uno scavo archeologico, ma anche di sperimentare la attività di team working in un contesto internazionale. La prima campagna di attività archeologiche ha avuto inizio lo scorso 2 maggio con la partecipazione di studenti italiani di diverse Università e di studenti americani del John Felice Center di Roma, sede italiana della Loyola University di Chicago. L’iniziativa rientra nell’ambito del Progetto nazionale FIRB-Futuro in Ricerca 2010 Spazi sacri e percorsi identitari. Testi di fondazione, iconografia, culto e tradizioni nei santuari cristiani italiani fra Tarda Antichità e Medioevo, che vede, sotto il coordinamento dell’Ateneo di Bari (responsabile scientifico e coordinatore nazionale Laura Carnevale, Dipartimento di Studi Umanistici), la collaborazione di altre Unità di Ricerca: Università “Kore” di Enna (responsabile scientifico Daniela Patti); Università di Padova (responsabile scientifico Chiara Cremonesi); Sapienza Università di Roma (responsabile scientifico Tessa Canella). La concessione di scavo dell’Eremo di San Nicola, di durata triennale, è stata concessa dal MIBACT al Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Bari Aldo Moro, mentre la conduzione dello scavo è dell’Università “Kore”, unità archeologica nell’ambito del Progetto FIRB (direttori dello scavo Daniela Patti, Giuseppe Roma). Hanno patrocinato le campagne di scavo enti e istituzioni operanti sul territorio, Fondazione Puglia (già Fondazione Cassa di Risparmio di Puglia), Santuario di San Matteo Apostolo, Banca di Credito Cooperativo di San Giovanni Rotondo, Ente Parco Nazionale del Gargano, Comune di San Marco in Lamis, Protezione Civile di San Marco in Lamis, e l’Associazione Internazionale per le Ricerche sui santuari (AIRS). La presentazione delle attività, che mirano a valorizzare l’area garganica in un piano di marketing territoriale integrato, e delle risultanze di questa prima campagna archeologica del 2016, avverrà giovedì 12 maggio, alle ore 10,30 presso i “Laboratori Urbani Artefacendo”, c/o Villetta comunale a San Marco in Lamis.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi