GarganoManfredonia
Spesi i 500mila eurogiacenti da un decennio nel bilancio dell’Ente per 50 interventi già effettuati

Piano abbattimenti, il Parco chiede altri due milioni di euro

Adesso il Ministero dell'Ambiente ha chiesto all'Ente Parco di avanzare una richiesta per rimpinguare il capitolo del bilancio

Di:

Foggia. Grazie alla convenzione siglata nel 2014 tra i Comuni dell’Area Protetta, il Parco e la Procura della Repubblica di Foggia, è stato possibile intervenire sugli immobili abusivi colpiti dai decreti di abbattimento emessi dalla stessa autorità giudiziaria, a seguito delle sentenze definitive di condanna degli autori dei reati. Cinquanta gli interventi operati per esaurire il fondo ministeriale (500mila euro), giacente da un decennio nel bilancio dell’Ente. Adesso il Ministero dell’Ambiente ha chiesto all’Ente Parco di avanzare una richiesta per rimpinguare il capitolo del bilancio, previsto per interventi di abbattimento e ripristino delle aree interessate dagli abusi. La risposta non si è fatta attendere. A seguito di una ricognizione effettuata dalla Procura, sono stati individuati altri 70 interventi, per un costo stimato di 2 milioni di euro. Ma, In questo periodo di crisi economica e di tagli ai trasferimenti statali, cosa succederà? Ai posteri l’ardua sentenza.

Piano abbattimenti, il Parco chiede altri due milioni di euro ultima modifica: 2016-05-10T11:43:30+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • Lucia

    Invece di spendere soldi per dempolire case, sequestratele e asservitele come beni dello stato. Ma soprattutto volete risolvere sto c… di problema che si chiama: processionaria…. 0 aspettete che vengano distrutti prima tutti gli alberi di pino, prima di intervenire? Roba da matti. È come se I carabinieri si interessassero dei problemi della processionaria oppure dei costumi sessuali delle falene.


  • matteo

    le case abusive al posto di demolirle sequestratele e datele alle associazioni no profit

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi