ManfredoniaStato prima
La Regione Puglia avrebbe ecceduto dalla propria competenza

Renzi impugna la Legge pugliese sulle assunzioni in capo alle ASL

La presente regola d’Apulia “sconfina in un ambito riservato esclusivamente allo Stato"


Di:

Bari. Non è la prima volta che il presidente del Consiglio dei Ministri,Matteo Renzi,contesta una Legge della Regione Puglia. Oggi tocca alla numero 1 del 15 febbraio 2016 : Disposizioni per formazione Bilancio previsione 2016 e Bilancio pluriennale 2016-2018. In particolare l’articolo n.53 e relativi comma.Quest’ultimi stabiliscono che le Asl possono utilizzare—per le esigenze assistenziali domiciliari,riabilitazione e integrazione scolastica—il personale già adibito a tali servizi,i cui rapporti di lavoro a tempo indeterminato sono stati risolti e/o dichiarati nulli ai sensi della Legge statale n.98/2011. Detto personale viene chiamato in servizio “compatibilmente con i piani di assunzioni delle Asl,con rapporto di lavoro a tempo determinato e contratto full time di durata annuale rinnovabile”. Ebbene il Governo guidato dal segretario del Pd Matteo Renzi sostiene che la Regione Puglia, gestita dal presidente Michele Emiliano(Pd),abbia ecceduto dalla propria competenza “… in violazione degli articoli n.97 e n.117 della Costituzione”.

Per quale ragione? La norma ratificata dalla Regione contrasterebbe con la legislazione statale vigente e con il principio del pubblico concorso riguardo l’accesso al pubblico impiego,nonchè con i principi di imparzialità e buon andamento dell’amministrazione. Le procedure di selezione per ottenere il desideratissimo posto nell’ente statale e parastatale sono strumentali all’attuazione dei sopradetti valori di Legge nazionale. Inoltre la presente regola d’Apulia “sconfina in un ambito riservato esclusivamente allo Stato, per cui tutte le prescrizioni del rapporto di lavoro attengono all’area dell’ordinamento civile e sono, quindi, per ciò solamente, di competenza statale (sentenze n.320/2010 e n.17/2014)”. Pertanto l’Avvocatura,su incarico del presidente Renzi, chiede alla Corte Costituzionale che sia dichiarato costituzionalmente illegittimo l’articolo n.53 della Legge n.1/2016 deliberata dal Consiglio regionale pugliese.

(A cura di Nino Sangerardi, autore del testo ‘Quello che i pugliesi non sanno’)

Renzi impugna la Legge pugliese sulle assunzioni in capo alle ASL ultima modifica: 2016-05-10T20:00:53+00:00 da Nino Sangerardi



Vota questo articolo:
4

Commenti


  • lettore attento

    Era ora … si entra esclusivamente per concorso! Bravo presidente renzi


  • Raffaele Vairo

    E’ in corso un evidente e durissimo scontro tra Renzi ed Emiliano che danneggia la nostra Regione e noi pugliesi. La Puglia è finita nel mirino del premier. I motivi sono espliciti: Emiliano è colpevole di “lesa maestà”; ha criticato “la Buona scuola”, si è schierato contro le trivellazioni volute dal governo e contro la Tap (gasdotto) a Santa Foca, anch’essa voluta dal governo, si è schierato contro gli inceneritori, contro la potenziale destinazione in Puglia di un sito per lo stoccaggio nucleare, ha criticato e ironizzato sul Jobs act, ha spaventato le multinazionali coinvolte nell’affaire Xylella, ha intenzione di gassificare e bonificare l’Ilva, non ha firmato, recentemente, il Patto per il sud. Emiliano, quindi, si è messo di traverso alle lobby e ai “progetti” di Renzi che non ha tardato però a punirlo prima con l’obbligo del rientro di 2 miliardi sulla sanità (rischiamo la chiusura di nove ospedali), e poi con un ulteriore taglio di altri 2 miliardi per il Patto per il sud (Fondo di Sviluppo e Coesione 2014/2020) destinati alla Regione Puglia. L’obiettivo, ormai, è di tutta evidenza: mettere in difficoltà e umiliare Emiliano. Sembra una lotta all’ultimo sangue! Ma comprendere chi, in definitiva, ci rimette non è difficile. Lascio ai lettori e ai pugliesi ogni ulteriore riflessione …


  • bene

    Era ora……. che qualcuno metta ordine in questo paese finalmente


  • grazie

    Per tutto questo dobbiamo ringraziare emiliano che ha affondato una regione…
    Ha sempre detto no a qualsiasi forma di lavoro…..idem il nostro caro sindaco vedi energas….
    Dimettetevi se avete coraggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi