GarganoManfredonia
"Il riordino delle funzioni delle Province è irto di ostacoli e pericoli"

Riordino Province, Gatta “Caccia nel limbo”

"Le altre Regioni d'Italia, inoltre, hanno inteso esercitare direttamente la funzione venatoria"

Di:

Foggia. “Il riordino delle funzioni delle Province è irto di ostacoli e pericoli per il destino dei servizi e dei dipendenti dei vari settori. In particolare, ho acceso i riflettori oggi in Consiglio regionale, sul destino della Caccia: non è una funzione delegata dalla Regione e non è tra quelle fondamentali che dovrebbero esercitare le province e la legge regionale 31/2015 non la riporta tra le funzioni da trasferire alla Regione. Resta nel limbo, quindi, un settore fondamentale per l’economia pugliese e l’assessore regionale Nunziante, condividendo la fondatezza dei miei rilievi, ha assunto l’impegno di affrontare presto la questione”. Lo dichiara il vicepresidente del Consiglio regionale, Giandiego Gatta. “Peraltro -aggiunge- il Piano Faunistico Venatorio è scaduto nell’annata 2014/2015 ed oggi non esiste un ente indicato come titolare della funzione in modo chiaro e netto. Le altre Regioni d’Italia, inoltre, hanno inteso esercitare direttamente la funzione venatoria. Una scelta felice vista la complessità e la specificità della funzione stessa che ha valenza sovracomunale e non può essere esercitata dai Comuni. Avendo incassato l’impegno dell’assessore -conclude Gatta- verificherò le determinazioni nel piano di riordino regionale, affinché la caccia non subisca il contraccolpo di una riforma che ha già scosso tutti i dipendenti provinciali della Puglia”.

Redazione Stato Quotidiano.it



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • matteo

    chiudetele definitivamente le province e licenziate i dipendenti, non sono migliori degli altri cittadini italiani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi