CulturaManfredonia
"Una redazione 2.0 non ha una giornata tipo, proprio per il fatto di essere una redazione che lavora prevalentemente on-line"

Lercio, il libro fa tappa in Capitanata

Una lerciata recente di cui sono molto orgoglio è rappresentata dall’inserto speciale contenuto nel nostro nuovo libro con le 101 migliori battute sulla morte di Silvio Berlusconi. O, come direbbe lui, “Legittimo impedimento”


Di:

Foggia. Il sarcasmo e l’ironia sferzante di Lercio e di Adelmo Monachese, uno dei redattori del celeberrimo giornale satirico , la stanno facendo da padrone in varie città della provincia Foggia dove sta avvenendo la presentazione del secondo libro di Lercio dal titolo: ‘Lercio. Lo sporco che fa notizia. Il libro’.

Sul sito leggiamo: “Lercio.it nasce come blog personale di Michele Incollu nell’ottobre 2012. Dopo poco diventa blog collettivo occupato dai ragazzi di Acido Lattico (ex frequentatori assidui della Palestra di Daniele Luttazzi), collettivo satirico nato qualche anno prima. Nel tempo, Lercio assume le quaranta identità dei suoi autori, tramutandosi in vero e proprio collettivo che produce a getto continuo fictional news, e da oltre due anni promuove la satira su temi come politica, sesso, morte e religione, e irride il cattivo giornalismo che dall’avvento di Internet è sempre più prorompente. Nel 2014 Lercio. it ha vinto il Macchianera Italian Award come “Miglior Sito” e per la migliore battuta”.

Monachese, foggiano doc, dice di sé: “ Nato e vessato a Foggia. I suoi scritti sono usati nel trattamento sintomatico di stati infiammatori associati a dolori tra i quali: artrite reumatoide,, spondilite anchilosante, artrosi dolorosa, reumatismo extra-articolare, flogosi post-traumatica, affezioni flogistiche dolorose in odontoiatria, otorinolaringoiatria, urologia, pneumologia e definire il PD un partito di sinistra. Immortale dal 1983”.

Facciamogli qualche domanda…

ph marilina ciociola

ph marilina ciociola

-Come sei approdato al progetto di Lercio.it?
Ci possiamo definire una costola autoriale di Daniele Luttazzi che, nel 2009, creò sul suo sito “La palestra di Luttazzi”, un esperimento lungo un anno in cui i giovani autori potevano proporre le loro battute. Luttazzi, sceglieva, correggeva, suggeriva, selezionava. Al termine di questo esperimento è nato il volume “Almanacco Luttazzi della nuova satira italiana” (Feltrinelli) e intorno allo stesso si creò uno zoccolo duro che scelse di andare oltre il limite annuale dell’idea di Luzzatti, infatti proseguimmo con un sito di satira tutto nostro: Acidolattico.org, ancora attivo. Poi un bel giorno uno di noi ebbe l’intuizione di Lercio, l’effetto e il riscontro è stato immediato e tutt’ora in costante crescita.

-Sicuramente non vi aspettavate questo successo enorme e ormai riconosciuto da tutti…cosa vi ha dato la voglia di andare avanti anche quando magari le cose non andavano così bene? Le cose sono andate sempre bene. Voglio dire, con una classe politica come quella italiana il materiale satirico è assicurato.

-Questo è il secondo libro di Lercio (con il pienone ad ogni presentazione), quale sarà il prossimo progetto?
Stiamo valutando. Alcuni di noi propendono per commercializzare un gioco di società. Personalmente sogno di portare Lercio a teatro con un musical.

-Hai definito la redazione di Lercio “2.0 con cellule sparse in tutta Italia”, qual è la giornata tipo nella vostra redazione, come organizzate il lavoro?
Una redazione 2.0 non ha una giornata tipo, proprio per il fatto di essere una redazione che lavora prevalentemente on-line il tempo non è diviso in giornate da 24 ore. E’ un flusso di lavoro ininterrotto iniziato 5 anni fa. Siamo imprenditori cinesi di noi stessi.

-Qual è la ‘lerciata’ a cui sei più affezionato?
Una lerciata recente di cui sono molto orgoglio è rappresentata dall’inserto speciale contenuto nel nostro nuovo libro con le 101 migliori battute sulla morte di Silvio Berlusconi. O, come direbbe lui, “Legittimo impedimento”.

(A cura di Libera Maria Ciociola, Manfredonia 10.05.2017)

redazione stato quotidiano.it – riproduzione riservata

Lercio, il libro fa tappa in Capitanata ultima modifica: 2017-05-10T13:31:26+00:00 da Libera Maria Ciociola



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi