Manfredonia

Lettori: “Cymodocea, quando verrà smaltita?”

Di:

Lungomare del Sole, Siponto (STATO@)

Manfredonia – “MA per la Cymodocea si aspetta l’IMU?”. E’ quanto chiedono alcuni lettori a Stato, relativamente alla presenza di “cumuli di Cymodocea” sul litorale di Siponto. Del caso Stato se ne era già occupato l’11 maggio 2012. “La Cymodocea verrà smaltita”, avevano detto referenti del Comune, dopo una nota polemica di un lettore che, attraverso delle immagini, aveva immortalato il tratto di spiaggia a Siponto “Lo scorso anno si è fatto pulizia dell’insenatura creata da bracci artificiali di fronte all’hotel, (…) con un progetto di sperimentazione di quella cosa che oggi viene chiamata Cymodocea e che prima era per tutti immondizia. Che ne è stato di quel progetto?”. “Abbiamo speso dei soldi per la pulizia, per la progettazione e quant’altro ed i risultati? Siamo ritornati nelle stesse identiche condizioni dello scorso anno, se non peggio, basti guardare quell’accumulo di Cymodocea lasciata sulla spiaggia libera”.

Il Comune. “Il deposito della Cymodocea nodosa sul tratto di spiaggia in questione va configurato come un’attività preliminare dei proprietari dei lidi per la pulizia dell’area”, avevano detto i referenti del Comune, precisando che l’Ente sta seguendo l’analoga procedura, del 2011, per lo smaltimento della Cimodocea. “Entro 10/15 giorni (dunque fine maggio, ndR) ci sarà la riproposizione in Giunta del progetto. Ricordando che le aree in questione sono di proprietà del Comune, al termine del prosciugamento dei cumuli di Cimodocea si valuterà dopo portarle: se in discarica o nell’area del Candelaro, per il ripascimento dunale (come nel 2011, ndR)”. Il tutto dopo regolare autorizzazione come da competenza. Nell’area del Candelaro, non visionata in ogni modo, “la zona è transennata, con la presenza delle biomasse spiaggiate.”

Il progetto. L’input “Cymodocea nodosa: risorsa da valorizzare”, è partito nel 2011, dopo l’approvazione dell’Ente del progetto di valorizzazione dei resti di Cymodocea nodosa piaggiati nel tratto di costa antistante il lungomare di Siponto. Come si ricorderà, nell’aprile dello stesso anno, durante una seduta consiliare, il consigliere comunale del Pd Leonardo Riccardo aveva volto una richiesta al nuovo assessore all’ambiente del Comune. In sintesi : considerare la Poseidonia una risorsa, e non solo un problema, con lavori di pulizia della costa da affidare a cooperative esterne. In seguito l’affidamento del servizio. Dunque la rimozione dei rifiuti sul lungomare di Siponto con affidamento ad altra società di Manfredonia.

Presenza alghe marine all'interno stabile Consorzio Bonifica (ST@)

SEGNALAZIONE 2. “ALGHE DEPOSITATE NEL CONSORZIO DI BONIFICA”. MA SI TRATTA DI QUANTO RACCOLTO NEL CANALE CIRCOSTANTE. Un’altra segnalazione dei lettori fa riferimento alla presenza di “cumuli di alghe” all’interno dello stabile del Consorzio di Bonifica, lungo viale dei Pini. “Perchè sono state posizionate in quel modo?”. In verità, lo stesse Ente gestirebbe la manutenzione del canale circostante, con alta presenza di alghe – ed altro – con l’incremento delle temperature. Gli stessi addetti sono tenuti a mantenere basso il livello delle acque. Le alghe depositate, dopo l’essiccamento, dovrebbero essere trasportati in discarica.


Redazione Stato, ddf@riproduzione riservata



Photogallery



Vota questo articolo:
6

Commenti


  • Muammar


  • VERGOGNA

    I responsabili di quello scempio dovrebbero essere denunciati, hanno pulito in “casa loro” e hanno gettato lo sporco sulla spiaggia libera con la conseguenza che di spiaggia libera a Siponto non c’è neanche un metro quadrato di spiaggia per fare il bagno. Quelli sono deposito di rifiuti speciali.


  • Rosario

    Ma vi lamentate sempre, ormai il lamento sembra essere divenuto lo sport nazionale principale. IMU? Giù a giudicare e bestemmiare, TARSU? Idem come prima. IRPEF? Ci risiamo , insomma non siamo mai contenti . Adesso anche contro la cymodocea, allora siamo proprio str….ma sapete che la cymodocea e’ una risorsa del buon Dio? Sapete che se messa su una ferita ovvero se uno ha il mal di testa, basta farsi una tisana e tutto passa ( me lo hanno detto ma se fossi in voi non la proverei )? Ora che stia parcheggiata sulla spiaggia pubblica e’ solo una pura casualità e dobbiamo ritenerci fortunati che i gestori dei lidi limitrofi non ne rivendichino il possesso. Manfredonia e’ un paese fortunato pieno di brava gente altruista e solidale. Pensiamo alla salute che e’ meglio comunque tremate perché i GRILLINI sono arrivati …………..


  • Giglio

    Caro Rosario col tuo sarcasmo ci proprio bombardato i cosiddetti co……ni, la cymodocea ovvero alga non si e’ prodotta solo sulla spiaggia pubblica e non capisco perché chi gestisce i lidi privati, situati nelle vicinanze, accumuli tale schifezza sul lido pubblico lasciando il loro lindo e pinto. La domanda nasce spontanea ” Chi paga per togliere tutto”? io ,per esempio, amo la montagna e francamente del mare ……. Tuttavia partecipo volentieri al pagamento delle tasse attraverso cui si pagano i servizi resi alla popololazione. Sono scettico sul fatto che la Cymodocea possa. essere una risorsa, ed il cartello dei lavori eseguiti dinanzi l’hotel Panorama ne e’ la riconferma ( soldi buttati al vento ). Per quanto riguarda poi l’arrivo dei GRILLINI sto tremando tutto, siete solo il risultato di una mala e corrotta gestione dei partiti a cui riconosco, seppure con sconforto, la rappresentanza democratica del nostro Paese.


  • la città dei porti (inutili)

    ma perchè la ciannomodea nodosa non la va a pulire il responsabile di quel casino??? perchè dobbiamo pagare noi con le tasse nostre? e quindi con i soldi nostri? non è difficile capire che la causa di quello schifo sono i frangiflutti. perchè fin quando non c’erano, questo problema non esisteva, perchè il mare portava e riportava tutto indietro. adesso porta e non riporta. perchè nessuno lo dice?? perchè nessuno al comune dice “si è vero abbiamo fatto una stronzata?” aprite quei frangiflutti di merda e vedrete che tutto si sistemerà da solo nel giro di una settimana e avremo di nuovo quel tratto pulito. una informazione, chi ha progettato quei frangiflutti, quanti altri progetti simili ha fatto???? credo nessun altro. ma giustamente fa comodo questo casino, perchè poi si appalta a ditte esterne, u nggnir, l’architè, u giaiomtr, il solito giro di persone che grazie a queste cose hanno i loro ……. A proposito, è possibile far notare a chi ha progettato il rifacimento di corso manfredi che quelle canaline di scolo hanno aumentato del 4000% il numero di fratture nella città di manfredonia??? o si trova una soluzione diversa, oppure aprite un nuovo reparto di ortopedia


  • angela

    il silenzio assordante del sindaco e dell’assessore all’ambiente sono ancora più scandalosi e vergognosi.
    perche i cittadini non possono utilizzare la spiaggia libera?
    perche non provvedete a pulire?
    sapete che cosi “SPINGETE” i comuni cittadini ad andare ai lidi privati adiacenti spendendo dei soldi?
    ma dove viviamo.
    se fosse successo al nord eravate già tutti denunciati alla magistratura.
    e tutta quelle alghe lasciate cosi al sole, sapete che stanno diventando un ricettacolo di topi, moscerini, zanzare?
    e subentra una questione di igiene e salubrità pubblica.
    SINDACO E ASSESSORI
    DOVE SIETE?
    CHE FATE?
    NON E’ GIUSTA CHE TRATTATE LA NOSTRA CITTA’ E NOI CITTADINI COSI.
    VERGOGNATEVI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi