Manfredonia
"La terapia è quella del dolore, la stessa che pietosamente si dà ai malati terminali"

Manfredonia, Giovanni Caratù “L’iniquo piano di rientro”

"Avevamo chiesto all’assessore al bilancio un dignitoso passo indietro, ma evidentemente egli non si riteneva responsabile del dissesto"

Di:

Manfredonia, 10 luglio 2017. ”Si è concluso il travagliato iter amministrativo che ha visto l’approvazione da parte del Consiglio Comunale del piano di rientro per eccessivo debito, piano imposto dalla sezione regionale della Corte dei Conti. Dal punto di vista politico le fibrillazioni della maggioranza sono state notevoli: l’espulsione dal P.D. di due Consiglieri Comunali e l’inaspettato soccorso alla maggioranza da parte di Forza Italia e Cinque Stelle. La città, forse debilitata da una calura fuori dal normale, non ha ancora metabolizzato a pieno l’impatto che questo piano avrà sulla vita economica, civile e sociale della popolazione, soprattutto la meno abbiente. In generale il piano è asfittico, non segue nessuna logica nè ragioneristica, nè politica, né tanto meno equa, come si dovrebbe richiedere a dei bravi amministratori. La terapia è quella del dolore, la stessa che pietosamente si dà ai malati terminali, comunque condannati alla fine. Avevamo chiesto all’assessore al bilancio un dignitoso passo indietro, ma evidentemente egli non si riteneva responsabile del dissesto.

Riteniamo che chi non ha saputo controllare le entrate e frenare la spesa mentre si producevano non abbia l’autorevolezza politica per proporre e guidare la fase di risanamento.

All’Assessore Rinaldi va la nostra stima personale e la certezza della sua onestà, ma se non ha saputo dire di no nei momenti opportuni sarà difficile che lo faccia ora. Non ha saputo dire di no alle manie di grandezza dell’A.s.e. s.p.a., accettando una transazione con un aggravio per le casse comunali di oltre 5.500.000 euro, transazione peraltro giudicata illegittima dalla corte dei conti. Non ha saputo dire di no, mettendo una parola fine, alla voragine della gestione del consorzio mercato ittico, addirittura assumendo la gestione diretta del comune, per poi scaricarla sull’a.s.e.; non ha saputo dire di no ai contributi per eventi inutili ed inproduttivi, in primis il Manfredonia Calcio ed il contributo al g.a.l., società privata la cui quota comunale è ininfluente. Ha venduto parte del patrimonio comunale a credito, addirittura modificando il regolamento comunale, ripristinando “ a crdenz “.

Non ha saputo dire di no alle manie dell’Agenzia del Turismo e si è liberato frettolosamente dell’Oasi Lago Salso, patrimonio millenario della città. Non ha saputo tenere sotto controllo il parco auto per cui si sono pagati per anni bolli ed assicurazioni senza controllo, si pagavano approvvigionamenti idrici che non si sa dove andassero. Ed ora vuole gestire e controllare il risanamento? Nel campo delle entrate questo comune da sempre impone il massimo delle aliquote i.m.u., t.a.s.i., imposta municipale sugli immobili e tassa sui servizi indivisibili. È davanti a tutti il coma edilizio della città. Sui servizi, tra tari e tasi, la popolazione paga 12 milioni di euro: dovrebbe avere servizi da paese Scandinavo, la realtà è ben diversa. La spropositata tassazione ha prodotto delle forti insolvenze ed evasioni che difficilmente il comune recupererà, aggravando la sua situazione di cassa. La mancata visione sia politica che ragioneristica ha prodotto un piano fortemente iniquo, sia nelle entrate che nelle uscite. I tagli proposti colpiranno soprattutto la massa e i più deboli, tagli impietosi su quei pochi servizi rimasti: istruzione, cultura, piccolo aiuto ecc. Non tutte le spese sono uguali, ci sono spese che per ogni euro ne fruttano cinque. La refezione scolastica, che già ha una tariffa da ristorante, ci sarà ancora? Eppure produce posti lavoro per la mensa e per le scuole con il tempo pieno. La previsione è meno di 60 posti di lavoro. L’assessore sa dove mettere le mani, ha la forza politica per farlo? Non ne siamo convinti! Nel campo delle entrate per la parte che compete al comune l’iniquità più grande è l’imu: questo comune ha imposto e riscosso per anni l’i.m.u ad aliquota massima ed a valori spropositati su terreni agricoli, quindi esenti, che inseriti in un fantomatico piano regolatore diventeranno edificabili forse tra 20 anni.

Quindi, il valore dell’i.m.u. già pagato ammonta al valore dell’immobile che si andrà a realizzare; questo è soprattutto vero per le cooperative che costruiscono prime case, che dovrebbero essere esenti, costrette a pagare l’i.m.u. sul terreno, per di più ad aliquota massima. Questo perchè da anni l’inefficenza comunale non riesce a convenzionare questi terreni, producendo un danno economico alla città e producendo un danno economico alle cooperative, che potrebbe sfociare in una legittima richiesta di danni al comune, perche oggi le cooperative sono sconquassate da una tassa iniqua ed irrazionale. Questi sono tutti buoni motivi per rivedere questi provvedimenti, perché una città che muore non paga tasse. Ci aspettavamo provvedimenti innovativi e non vecchie formule che hanno provocato danni e conflitti sociali, forse è questo l’obiettivo di un’amministrazione di sinistra? Vogliamo atti concreti. Aboliamo i.m.u. sui terreni agricoli delle cooperative, aboliamo il contributo al gal. La minore spesa compensa la minore entrata. Di certo ci sara qualche Consigliere che vorrà portare in Consiglio queste proposte, che sono di sola competenza dello stesso, dimostrandosi più lungimirante dell’assessore”.

(A cura di Giovanni Caratù, presidente “Manfredonia che funziona”)

Focus – Delibere Corte dei Conti n.17- n.57/2017
delibera_17_2017
delibera_57_2017

redazione stato quotidiano.it – riproduzione riservata

Aula consiliare Comune di Manfredonia (st - UF COMMF)

Aula consiliare Comune di Manfredonia (st – UF COMMF)


———————————
FOCUS BILANCIO COMUNE DI MANFREDONIA
Manfredonia. Disposizioni Corte dei Conti, Comune “riduce impegni di spesa”
Approvato il Consuntivo, Riccardi “Non accetto l’accanimento di chi si erge a moralista”
Manfredonia, Ritucci “Il Commissario prefettizio? Fa paura a chi campa di politica” (VIDEO)
Manfredonia, passa il Consuntivo. Tensione tra maggioranza e opposizione
Italo Magno a Maggioranza “I vostri limiti evidenziati a tutti i livelli”
Italo Magno “Ecco cosa hanno detto i revisori dei Conti” (II)
Manfredonia, Consuntivo. Opposizione vs Maggioranza “Dimettetevi”. “Dite falsità”

FOCUS BILANCIO COMUNE MANFREDONIA – RENDICONTO – CORTE DEI CONTI – MESSA IN MORA DEBITI FUORI BILANCIO ASE SPA
Comune Manfredonia. Rendiconto 2016. Così i Revisori dei Conti
Comune Manfredonia, “Eliminati residui attivi per un totale di 5.8 mln euro”
Manfredonia. “Costituzione in mora debiti fuori bilancio ASE”, l’atto integrale
Corte dei Conti (delibera n.57/2017 del 26 aprile 2017)
Comune Manfredonia, bilancio: esposto M5S. Prefetto “Non è stata avviata procedura di scioglimento”
Manfredonia. Consuntivo, diffida Prefettura a Comuni inadempienti. Consiglio entro metà giugno

REDAZIONE STATO QUOTIDIANO.IT – RIPRODUZIONE RISERVATA

Manfredonia, Giovanni Caratù “L’iniquo piano di rientro” ultima modifica: 2017-07-10T12:16:31+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
6

Commenti


  • Serena

    Che noia e che berba.


  • cittadino

    Serena, la verità ti fa male lo so …. Canzona vecchia….


  • Umbrano senza pudore

    cittadinoooooo come disse qualcuno ” zero piu’ zero uguale zero.


  • ANTONIO CORREALE

    Complimenti….quadro perfetto.


  • Un cittadino

    Caratù si contraddice sull’Assessore Rinaldi non quando dice che è una persona onesta, ma quando da un lato dice che lo stima (sic!) e dall’altro dice che è stato solo uno “yes man” perchè non ha saputo dire no, in diverse circostanze, al suo “padrone” il Sindaco Riccardi (cosa peraltro vera).
    Caratù non puoi stimare l’Assessore RInaldi e contestualmente chiedere le sue dimissioni o la sua “cacciata” dall’Assessorato, di cui è ancora responsabile, perchè “non è in grado di gestire e controllare il risanamento”.
    Suvvia un po’ di coerenza…


  • Nicola

    Antonio Correale – nella nullità—?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi