Manfredonia

“Manfredonia non vuole più veleni, vuole Verità e Giustizia”

Di:

Manfredonia. ”Siamo molto felici di aver visto, sabato, una nuova grande giornata di partecipazione intorno ai temi della mobilitazione ambientalista nella nostra città: diverse centinaia di giovani e giovanissimi, ma anche famiglie e passanti, hanno partecipato alla nostra assemblea sulla bonifica “#StopVelENI”. Siamo felici perché non si trattava di un risultato scontato: riuscire a creare partecipazione su un tema spesso percepito come distante e difficile, la bonifica del sito ExEnichem, un problema che invece riguarda da vicino la città e che deve tornare al centro dell’attenzione pubblica.

In una serata calda e appassionata si sono alternati ai microfoni, in un reading, i testi delle dichiarazioni aziendali e politiche del 1976 tese a minimizzare l’incidente e le voci che hanno mantenuto accesa la denuncia in questi anni. Un momento di dibattito è stato dedicato al da farsi, oggi, dopo che i risultati dello studio epidemiologico hanno rilevato una maggiore incidenza di tumori, di malattie cardiovascolari e di malformazioni infantili. Lo studio ha riscontrato la presenza di segni evidenti del peggioramento della salute cittadina come previsto nel “terzo scenario” sugli esiti della ricerca: le istituzioni in quella occasione avevano preso impegni certi sulla difesa della salute e sulla realizzazione di un Osservatorio partecipato sulle questioni ambientali. Dove sono questi impegni? Come intende procedere il Comune di Manfredonia? Ad oggi non ci sono risposte in merito.

Sulle orme dell’indagine di Nicola Lovecchio, quella indagine “scalza” perché compiuta da un cittadino ed un operaio senza strumenti ufficiali, ci proponiamo di raccogliere materiali e documentazione, avviare una indagine ed una verifica popolare sullo stato della bonifica, costruire una mobilitazione ed un dibattito collettivo a cui non possano più sottrarsi le autorità e istituzioni. Oggi, quarant’anni dopo, Manfredonia è ancora avvelenata, ha ancora fame di Verità e Giustizia. In questi giorni e queste settimane cominceremo a costruire presso il nostro spazio un centro di documentazione con materiali e fonti su tutta la vicenda Enichem, aperto al contributo di tutti e costruito per stimolare una attività di presidio partecipato sulle vicende ambientali da parte dei cittadini: un contributo, a nostro modo e con le nostre modeste forze, alla costruzione di quel più grande Presidio di Sorveglianza Ambientale rivendicato dalla città nelle strade del 1988.

Manfredonia non vuole più veleni, vuole Verità e Giustizia.

Spazio Popolare Autogestito “Nicola Lovecchio
Collettivo InAnea



Vota questo articolo:
4

Commenti


  • Dino

    Ci sono tanti temi importanti in città (non da meno questo), ma fossilizzarsi su un problema che non porta a nessuna conclusione,forse è meglio aggiornarisi al tempo attuale.

    L’abbandonato dei rifiuti e la mancanza di un piano per scoraggiare tale fenomeno è il problema principale attuale, aiutate le associazioni e questa malandata amministrazione a trovare una soluzione o idee di sensibilizzazione come voi sapete fare bene con le vostre rappresentazioni, adesso.


  • The King

    I veleni micidiali sono sempre li..sempre attualissimi! Bravi ragazzi non fatevi incantare dalle sirene!


  • No GPL

    Tenete sempre alta la guardia sul gas, occhio ai pupari sono subdoli.


  • Partito della Zappa

    Manfredonia non vuole; veleni,lavoro ,rifiuti,spiagge, turismo…ecc,ecc,ecc

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi