BATStato prima
"Oggi ricordandoli non dev’essere un giorno scuro come un vento brontolante nel cielo volesse scatenare lampi e tuoni fremanti"

Strage dei treni in Puglia, in ricordo delle vittime

"Attendiamo che il mondo si riempia di una luce azzurrina. Accettiamo con una gioia silenziosa il pianto dei loro lamenti"

Di:

Andria. ”Non bisogna lasciarsi rapire dai raggi del sole, non lasciamoci annuvolarci dalla noia, il nero infinito spazio non deve cadere su chi non c’è più, andiamo a cercarli, non lasciamoli isolati fra il verde torbido delle loro eterne dimore, non chiudiamo gli occhi. Stagliamo i nostri sguardi alla ricerca del loro lago e vedere le loro favolose promesse galleggiare. Chi ignora il triste giorno si ingegni alle virtù; non dev’essere nuda e senza gloria la giornata del ricordo. Un anno è trascorso da quel tremendo e periglioso mattino che sotto un cielo di azzurro ingannevole pose tristemente fine ai vostri sogni e alle vostre vite. Nessuno resti ignoto al ricordo di codesto e non serrare nel segreto del proprio cuore l’orgoglio dolente per chi non c’è più. Uniamoci tutti e attendiamo, in preghiera, il giorno della pace, ricordando i nostri cari scomparsi. Non lasciamo che il tempo passi senza udire i loro fruscii e restare silenziosi dietro tutti, celandoci dietro una malombra non trasparente. Non bisogna essere fugaci. In questo giorno apriamo le porte ai nostri cuori e prepariamoci a riceverli; a sentire i loro passi leggeri che echeggiano silenziosamente in cieli sconosciuti; fermiamoci per qualche attimo; sospendiamo i lavori e cerchiamo di sentire il tenue profumo nell’aria della loro dolce presenza. Non lasciamoli svanire in una foschia torpidina, lontani dal nostro tempo.

Oggi ricordandoli non dev’essere un giorno scuro come un vento brontolante nel cielo volesse scatenare lampi e tuoni fremanti. Con le finestre aperte di primo mattino e la luce che penetra spandendosi sui tetti, riflettendo chiedendoci che dono fosse mai questo. Non bisogna rimanere confusi; non bisogna recidere i legami e credere che la loro scomparsa sia la nostra compagnia. Restiamo sempre con le orecchie bene aperte e ascoltiamo sempre i loro silenti passi. Attendiamo che il mondo si riempia di una luce azzurrina. Accettiamo con una gioia silenziosa il pianto dei loro lamenti. La gioia nell’attendere il loro ritorno non deve gettarci nella polvere del tempo. I nostri cuori si addolciranno, trasmettendo nei nostri occhi una luce riflettendola verso un nuovo mondo.

Le pigre nubi che veleggiano nel limpido cielo non devono posarsi su una leggera nuvola autunnale oscurando i nostri cuori quando alla luce del primo mattino d’estate sentiamo i loro leggerissimi baci per farci sorridere e non lasciarsi consumare inutilmente nel vuoto, vagando dove caddero le vicende delle loro vite. Molti di noi ancor oggi bussiamo alle loro porte come disperati rimanendo nella corrente vita l’attesa del loro riconoscimento. Se non ci è data la possibilità di incontrarci in questa vita, fà allora che noi tutti sempre vi ricordiamo; che non li si dimentichi un solo istante la stretta dei nostri dolori nelle notti e nei sogni insonni. Non lasciamo che i nostri ricordi si cancellino con un vento nuovo in un vago fumolio nebbioso, assopendosi di languide carezze al tempo soave.

Andria, 10 luglio 2017
Vincenzo Santovito – Osservatore Civico Andria

Ecco l’elenco delle ventitre vittime accertate dello scontro fra due treni nella tratta tra Andria e Corato (fonte: il messaggero.it)

– Pasquale Abbasciano nato ad Andria il 17 aprile 1955;

– Giuseppe Acquaviva, nato ad Andria il 15 febbraio 1957;

– Serafina Acquaviva, nata ad Andria il 14 maggio 1954;

– Maria Aloysi, nata a Bari il 4 ottobre 1966;

– Alessandra Bianchino, nata a Trani il 5 novembre 1987;

– Rossella Bruni, nata a Trani il 16 marzo 1994;

– Pasqua Carnimeo, nata a Modugno l’1 novembre 1985;

– Enrico Castellano, nato a Ostuni l’1 gennaio 1942;

– Luciano Caterino, nato a Ruvo di Puglia il 29 aprile 1979;

– Michele Corsini, nato a Milano il 20 febbraio 1955;

– Albino De Nicolo, nato a Terlizzi il 23 gennaio 1959;

– Salvatore Di Costanzo, nato a Bergamo il 2 novembre 1959;

– Giulia Favale, nata in Francia il 4 luglio 1965;

– Nicola Gaeta, nato a Bari il 16 gennaio 1960;

– Jolanda Inchingolo, nata ad Andria il 10 dicembre 1991;

– Benedetta Merra, nata ad Andria il 18 giugno 1964;

– Donata Pepe, nata a Cerignola il 3 ottobre 1953;

– Maurizio Pisani, nato a Pavia il 26 agosto 1966;

– Giovanni Porro, nato ad Andria, 60 anni;

– Fulvio Schinzari, nato a Galatina il 31 ottobre 1957;

– Antonio Summo, nato a Terlizzi il 12 novembre 2001;

– Francesco Ludovico Tedone, nato a Terlizzi il 4 gennaio 1999;

– Gabriele Zingaro, nato ad Andria il 30 ottobre 1991.

Strage dei treni in Puglia, in ricordo delle vittime ultima modifica: 2017-07-10T13:36:51+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi