GarganoManfredonia

Cera “Soccorsi sul Gargano, no allarmismi e false notizie”

Di:

Bari. “Giocare sulla salute delle persone e creare allarmismi, non solo getta cattiva luce sul sistema sanitario, ma mette a rischio la ricettività turistica del Gargano. Nessuno, io per primo, vuole nascondere le difficoltà e le criticità del servizio sanitario pugliese, ma non è possibile continuare a inquinare la discussione sull’assistenza sanitaria con suggestioni e false notizie come quella del mancato soccorso a Vieste che, ripeto, rischiano di mettere in crisi il sistema turistico garganico, ma anche di annebbiare decisioni fondamentali per la salute dei cittadini. Qualcuno spinge per un gioco rischioso. Creare inutili e falsi allarmismi, facendo del terrorismo mediatico, non giova a nessuno.

Abbiamo il dovere di affrontare il problema del riordino del sistema sanitario pugliese non sul piano emozionale o difendendo pericolosi campanilismi o, peggio ancora, posizioni di comodo. La discussione deve avere un solo interesse: la salute dei cittadini e l’organizzazione di un sistema sanitario efficace ed efficiente, ma soprattutto con i conti apposto. Sul sistema 118, ad esempio, paghiamo antiche colpe e cattive gestioni amministrative che hanno aumentato costi e non garantito una rete di soccorso in linea con le aspettative del territorio. Mantenere quel sistema non era più possibile, non solo per lo spreco di risorse, ma per la mancanza di fondi tagliati dal governo e che costringono le Regioni a rivedere interventi e organizzazione sanitaria.

In questo quadro economico, il direttore generale dell’Asl Foggia non ha molti margini di manovra, costretto com’è a rincorrere situazioni che altri hanno creato e che hanno messo a rischio l’intero sistema dell’assistenza sanitaria garganica. Premesso tutto questo, invito il presidente Michele Emiliano, che ha delega alla sanità, di accelerare su alcune decisioni e di fare massima chiarezza sul futuro della sanità pugliese, tenendo presente che il Gargano presenta una configurazione territoriale di non facile mobilità per i mezzi di soccorso e che quindi va garantita un’assistenza sanitaria più attenta alle esigenze del territorio e della sua popolazione, massima nel periodo estivo.

Infine, invito sindacati e operatori sanitari a non alimentare allarmismi nella popolazione e di contribuire a un sereno confronto, per evitare che la riorganizzazione del sistema sanitario finisca, ancora una volta, prigioniera di logiche particolari e di interessi locali”.

Lo dichiara in una nota il presidente gruppo Popolari alla Regione Puglia, Napoleone Cera.



Vota questo articolo:
3

Commenti

  • AL SIGNOR MICHELE EMILIANO NON INTERESSA TUTTO CIO A LUI BASTA SOLO FARE TAGLI. BASTI PENSARE CHE ALL OSPEDALE SAN CAMILLO DI MANFREDONIA SI AFFRONTA L ESTATE CON UNA SOLA AUTOMBULANZA DEL 118.L OSPEDALE SAN CAMILLO A UN REPARTO D ORTOPEDIA CHE HA BLOCCATO I RICOVERI PER MANCANZA DI MEDICI-LA PEDIATRIA AFFRONTA IL SERVIO CON 2 SOLI MEDICI E IL SERVIZIO DI GINECOLOGIA ORMAI VA SPARENDO E TUTTA LA POPOLAZIONE QUANDO CHIUDERA L OSPEDALE SAN CAMILLO COMPRESI LE ZONE DI VIESTE-ZAPPONETA-MATTINATA-MONTE SANT ANGELO E TUTTI I TURISTI NEL PERIODO ESTIVO DOVE ANDRANNO AD EMILIANO TUTTO QUESTO NON INTERESSA A LUI BASTA FARE TAGLI MEDICI CHE SE NEVANNO SENZA LE NUOVE ASSUNZIONI PERCHE LUI DICE SOLDI NON CE NE SONO INTANTO PER LORO I SOLDI NON MANCANO MAI .EMILIANO DIMENTICA CHE LA SALUTE E UN DIRITTO DEL CITTADINO MA A LORO NON INTERESSA INTERESSA SOLO FARE TAGLI PERCHE LORO VANNO SOLO A VISITE A PAGAMENTO .


  • Antonino

    Tagliare i costi non significa chiudere o mettere in condizioni di chiudere reparti in citta’, con la presenza di 100.000 abitanti, anche se presenti per tre mesi l’anno, altrimenti non si garantisce il principio fondamentale della salute di TUTTI i cittadini.
    Bisognerebbe eliminare tutti quegli sprechi, se cosi’ si possono definirli ( acquisti di disinfettanti, siringhe, macchinari,… definiti d’oro, per l’alto costo, per poi pagare tangen… a chi detiene un potere politico di turno).
    Se non si cambia tale mentalità, anche il piu’ grosso Policlinico va in fallimento,

  • Sappiamo bene che prendi le parti dell’indifendibile Dg per accreditarti. Piazzollla non è all’altezza del ruolo di DG ed sotto gli occhi di tutti. Via Piazzolla, vogliamo i foggiani alla guida della nostra Asl.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati