FoggiaManfredonia

Sannicandro “Frase su metalmeccanici strumentalizzata dai 5 Stelle”

Di:

Roma. ”In occasione della discussione sul bilancio di previsione della Camera dei Deputati alcuni esponenti del movimento 5 stelle presentarono un ordine del giorno con cui chiedevano all’ufficio di presidenza di ridurre l’indennità di carica dei deputati ( da loro e da tanti altri definita stipendio) da 10.000 euro lordi a 5.000, al netto dei rimborsi per la diaria e per l’esercizio del mandato:in sostanza il passaggio da 5.000 euro netti a 3.200. Per i rimborsi chiedevano di sostituire il sistema in vigore della forfetizzazione con quello della rendicontazione.

Il collega Gianni Melilla (Sinistra Italiana) aveva già chiarito che con il sistema della rendicontazione i colleghi del M5s spendevano in buona sostanza gli stessi soldi erogati dalla Camera a tutti i deputati. Analizzando, inoltre, le loro rendicontazioni ( e cioè la somma di scontrini, fatture ecc.) l’on. Gianni Melilla denunziava le cospicue spese sostenute da costoro per taxi, telefono, ristoranti ecc. Al fine di denunziare una delle più grossolane millanterie diffuse dal loro Movimento, chiariva come il fondo per l’aiuto alle piccole e medie imprese del Bilancio dello Stato era stato istituito dal governo Prodi e che alla sua dotazione essi avevano contribuito per lo 0,0067. Concludeva comunicando che i deputati di Sinistra Italiana versano mensilmente al partito 3.500 euro trattenendo per sé sulla indennità, non 3.200 come i colleghi del M5S, ma 1.500 euro. Questo è il contesto in cui si è inserito il mio intervento. Tentavo di stabilire alcuni dati essenziali per affrontare il problema dell’indennità di carica dei deputati in modo oggettivo e non demagogico. Ho chiarito preliminarmente una ovvietà che è scomparsa dal lessico e dall’orizzonte culturale di tanti sia a destra che a sinistra, e cioè che i deputati e i senatori non sono lavoratori subordinati né autonomi . E cioè non sono operai,impiegati, artigiani, commercianti o liberi professionisti. Così come dice la Costituzione siamo rappresentanti attraverso cui il popolo esercita la sua sovranità.

Se ciò non fosse sufficientemente chiaro, aggiungo che i deputati non sono assicurati né all’Inps e né all’Inail e né ricevono le prestazioni da questi all’occorrenza erogate, nè sono inquadrati in un contratto collettivo nazionale. Premesso che i soldi che riceviamo non sono né retribuzione, né stipendio , né onorario ma correttamente una indennità erogata per 12 mesi( art.69 della Costituzione) per consentire anche a chi non avesse un reddito sufficiente di poter rappresentare i cittadini in Parlamento ho introdotto a questo punto il problema della determinazione della misura della indennità. A tal proposito ho chiarito che la legge aggancia le indennità dei parlamentari, quale vertice della politica, agli stipendi dei massimi vertici della magistratura.

Oggi, come non è noto, questo legame è stato sospeso e le indennità dei deputati più volte ridotte. E per rispondere alla demagogia di chi sosteneva e sostiene che tutti i deputati vivano di politica e non hanno mai lavorato, perché privi di un mestiere, ho affermato che queste accuse provengono proprio da chi con la politica ha fatto un triplo salto in alto in termini di redditi e status sociale, laddove tanti altri dalla politica non hanno ricevuto alcun beneficio in termini economici. Invito a tal proposito a consultare sul sito della camera le dichiarazioni dei redditi di qualsiasi deputato relative all’anno 2013 e agli anni seguenti.

In conclusione:
Dopo aver ricordato agli immemori deputati il fatto indiscusso che il parlamento è uno dei tre poteri dello Stato e che la misura delle indennità ne tiene conto ho contestato che l’attività parlamentare venisse classificata al livello di base della contrattazione collettiva, per esempio dei “metalmeccanici o di qualunque altra categoria”. Ricordo a chi lo ignorasse che ogni contratto collettivo, sia pubblico che privato, classifica i lavoratori in diversi livelli professionali e retributivi senza che questo sistema venga ritenuto lesivo della dignità e della libertà dei lavoratori. Né è ritenuto biasimevole chi si opponesse allo svilimento della propria professionalità. Constato amaramente che ai deputati non è concesso neanche questo mentre molto più condivisa è la diffusa opinione che i politici siano la feccia della società. Lontano da me, in definitiva, l’intento di offendere l’ultima categoria dei metalmeccanici. Ho speso una vita al loro fianco, da giovane come sindacalista della più umile delle categorie ed in seguito come amministratore e politico a vari livelli.

Della mia professione di avvocato voglio solo ricordare che è stata esercitata solo e sempre dalla parte dei lavoratori, anche metalmeccanici, insensibile alle lusinghe e non intimidito da pesanti minacce.

Comprendo la malafede e la disonestà intellettuale degli avversari politici,ma mi sorprende la superficialità con cui vengono recepite le strumentalizzazioni da parte di coloro che dovrebbero essere adusi ad avvertirle immediatamente”.

(A cura dell’On. Arcangelo Sannicandro – Roma 9 agosto 2016)



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • Raffaele Vairo

    E’ vero, i deputati e i senatori non sono lavoratori subordinati né autonomi ed è vero che sono i rappresentanti del popolo sovrano. Tuttavia, la storia degli ultimi anni ha dimostrato ripetutamente che “l’esercizio della sovranità” da parte dei deputati e senatori non è avvenuto sempre nell’interesse e per conto del popolo. Lo dimostra l’alto assenteismo dei cittadini alle elezioni politiche e amministrative e il disprezzo (quasi generale) verso i politici e tutto ciò che ruota attorno al mondo della politica. Per quanto riguarda i soldi che deputati e senatori ricevono è vero, anche, che non sono né retribuzione, né stipendio , né onorario ma una “indennità”. Si tratta, però, sempre di soldi che incidono come gli stipendi, i salari e gli onorari professionale sul bilancio dello Stato e, quindi, sui cittadini. E’ vero che il parlamento è uno dei tre poteri dello Stato, ma è altrettanto vero che il parlamento italiano è ridotto, per usare un eufemismo, in un condizione “penosa”. E sapete perché? Mi rimetto alla fantasia dell’On. Arcangelo Sannicandro e dei cittadini…


  • Emanuele

    Questa spiegazione amplifica il senso dell’affermazione che viene contestata e cioè che un parlamentare non deve essere considerato alla stregua dell’utlima categoria dei metalmeccanici. Il senatore insomma sostiene che il parlamentare ha diritto a difendere la propria professionalità eil proprio status, nonostante appartenga ad una categoria privilegiata. Io penso invece che il parlamentare non debba difendere se stesso e i propri agi ma gli interessi del popolo e tra questo dei lavoratori in primis. E’ poi altamente contraddittorio il fatto di dirsi eredi della tradizione comunista, come fa Sannicandro, che propaganda l’abbattimento delle barriere di classe e di casta, nel momento in cui si sostiene aprioristicamente che un parlamentare debba essere trattato diversamente da un “metalmeccanico”. Infine perchè tirare in ballo il parlamentare che ha visto alzare il proprio livello sociale dall’incarico come profittatore a differenza di chi già aveva un bel patrimonio prima della carica? Un povero non può forse aspirare ad una carica o godere dei diritti civili e politici? Insomma le giustificazioni fornite palesano il sistema di pensiero di Sannicandro, classista ed elitario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati