GarganoManfredonia
"Ci troviamo davanti all'ennesimo omicidio di stampo mafioso avvenuto nel Gargano"

Donno “Criminalità nel Gargano, no passerelle istituzionali”

"Questi episodi devono essere debellati al più presto - prosegue la senatrice - ed è necessario puntare i riflettori delle istituzioni sulla nostra terra in maniera seria e decisiva"


Di:

Lecce, 10 agosto “Ci troviamo davanti all’ennesimo omicidio di stampo mafioso avvenuto nel Gargano, dove ancora una volta i cittadini sono vittime inconsapevoli di azioni criminali e mafiose” lo afferma in una nota la senatrice del M5s Daniela Donno, vicepresidente della commissione Diritti umani.

“Questi episodi devono essere debellati al più presto – prosegue la senatrice – ed è necessario puntare i riflettori delle istituzioni sulla nostra terra in maniera seria e decisiva. Siamo stanchi delle solite passerelle di ministri ed esponenti del governo che vengono sul territorio a proclamare tante belle intenzioni, ma di fatto non concludono nulla, e poi quando ritornano a Roma nulla cambia”. “Il ministro Minniti, che oggi è a Foggia, ascolti non soltanto le forze dell’ordine e non soltanto i sindaci ma anche le forze di opposizione come il MoVimento 5 Stelle che tutti i giorni si impegnano sul territorio – prosegue Donno -. Lo sa bene la nostra consigliera regionale Rosa Barone, Presidente della Commissione regionale di Studio e d’Inchiesta sul fenomeno della criminalità organizzata in Puglia, che lotta ogni giorno per la tutela della legalità, specie in quelle zone pugliesi dove più si è radicato il fenomeno mafioso. I cittadini pugliesi meritano più rispetto e tutela”.

redazione stato quotidiano.it

Donno “Criminalità nel Gargano, no passerelle istituzionali” ultima modifica: 2017-08-10T16:03:35+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
5

Commenti


  • Dom

    Qualcuno le spieghi che in Italia le indagini le fanno i magistrati, non il ministro degli Interni.

  • CARO DOMENIC TI SPIEGO CHE CHI FA LE LEGGI NON E IL MAGISTRATO MA IL POLITICO O I POLITICI CHE LE LEGGI LE VOTANO A ROMA CIOE’ IL GOVERNO. POSSONO VENIRE QUANTI POLIZIOTTI VUOI PERO’ SE NON CAMBIANO LE LEGGI IN ITALIA SIAMO SEMPRE PUNTO A CAPO.


  • Giuseppe

    Io i super eroi li ho visti solo nei cartoni animati…

  • Anonimo, se si vogliono arrestare i mafiosi si può anche con le leggi che ci sono.


  • Lettore

    La mafia e le istituzioni o si fanno la guerra o si spartiscono il territorio (Paolo Borsellino). Le istituzioni locali hanno fatto la guerra?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi