Cronaca

Marmo interroga Vendola sul caso Pelillo-San Raffaele

Di:

Nichi Vendola (fonte ilsussidiario.net)

Nichi Vendola (fonte ilsussidiario.net)

Bari – IL consigliere regionale PDL Nino Marmo ha rivolto una interrogazione a risposta scritta al presidente della Regione Nichi Vendola sulla nota questione Pelillo-San Raffaele.

Nella premessa, così scrive il vicepresidente del Consiglio regionale: “Risulta definitivamente acclarato che un socio di studio dell’assessore al Bilancio avv. Pelillo era stato designato dalla Regione nel Cda della Fondazione ‘San Raffaele del Mediterraneo’ ed ivi successivamente eletto presidente della stessa. A favore di tale Fondazione con delibera n.1880 del 6 agosto, su proposta dello stesso assessore, la Giunta regionale ha assegnato 60 milioni di euro attraverso un ‘avvio anticipato’ del PAR FAS 2007-2013 Asse 3, con i quali peraltro si parteciperà alla mera realizzazione delle opere murarie del nosocomio da realizzarsi a Taranto, cui dovranno seguire ulteriori, ancor più consistenti esborsi per il completamento e l’entrata a regime della struttura. Il suddetto assessore al Bilancio nelle sedute consiliari antecedenti di pochissimi giorni l’approvazione della delibera di cui sopra, ha ferocemente impedito ogni pur parziale utilizzo diverso di quelle somme anche per finalità di evidente ed assoluta necessità, peraltro evitando accuratamente di riferire al Consiglio quale utilizzo intendesse fare di lì a poco di tali risorse”.

L’interrogante pertanto chiede al presidente della Regione di sapere: “A) se era a conoscenza, nominandolo nel CDA della suddetta Fondazione, che il professionista in questione è socio di studio dell’assessore al Bilancio; B) se gli risulta che, a Taranto e nell’intera Puglia, vi siano anche altri ‘stimati professionisti’ che non abbiano la ventura di essere soci dell’assessore; C) se comprenda che tale nomina pre-elettorale ha comportato un formidabile valore aggiunto per la campagna elettorale del suddetto assessore, che nel suo Collegio è stato di fatto rappresentato come l’onnipotente padrino di una operazione dalle straordinarie opportunità economiche e politico-clientelari; se non creda che questa ormai acclarata immagine dell’assessore al Bilancio non possa danneggiare la stessa operazione San Raffaele, rendendo ancor più insopportabili i pesanti tagli alla sanità pubblica e privata pugliese che il governo regionale deve effettuare anche e soprattutto per effetto delle sue rovinose politiche di bilancio; D) se sia ancora convinto, come proclamato a seguito di analoghi, precedenti incidenti, che la politica non debba più mettere piede nella sanità; E) quali iniziative intenda assumere per liberare il suo governo anche da questi ‘schizzi di fango’, documentatamente motivati e certamente non eliminati dalle dimissioni del suddetto professionista, essendo la materia del contendere non già la sua persona ma il ruolo assunto nella vicenda e nell’intera problematica dei rapporti tra Regione, territorio e ‘San Raffaele’ dall’assessore Pelillo”.

LA VICENDA, LE DIMISSIONI DELL’AVVOCATO CIACCIA – Fondazione San Raffaele: l’avvocato Ciaccia si dimette

Marmo interroga Vendola sul caso Pelillo-San Raffaele ultima modifica: 2010-09-10T17:23:11+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi