Manfredonia

Manfredonia, fermata bus? No, parcheggio per bidoni della spazzatura (FOTO)

Di:

Cassonetti, via della Croce (statoquotidiano)

Manfredonia – ENNESIMA segnalazione arrivata alla pagina “Manfredonia+Civile” (Facebook: manfredoniacivile – manfredoniacivile@gmail.com) riguardante le strane collocazioni dei cassonetti della spazzatura. Solo qualche mese fa era stata la volta di un noto locale in Via delle Antiche Mura , il cui titolare ha lamentato “la sfavorevole collocazione dei cassonetti nei pressi dell’ingresso della struttura”. Infatti, i bidoni – sempre colmi di rifiuti – non hanno mancato di emanare odori sgradevoli al naso dei clienti.

Questa volta, invece, è la volta dei cassonetti in Via della Croce, precisamente di fianco al Teatro Comunale “Lucio Dalla”. Dalle foto è possibile notare che sono posti esattamente nell’area preposta alla fermata del bus. E’ inevitabile, dunque, che il mezzo di trasporto sia costretto ad effettuare una sosta letteralmente in mezzo alla strada –essendo impossibile accostarsi al marciapiede- intralciando il traffico.

Per non parlare poi dei cittadini ‘obbligati’ ad attendere l’arrivo del bus tra i cattivi odori emanati dai numerosi cassonetti. Inoltre, la lunga fila di cassonetti non permette agli automobilisti di scorgere i pedoni sulle strisce pedonali e, allo stesso tempo, gli stessi pedoni non sono in grado di scorgere le auto in arrivo da sinistra.

Detto ciò, è da ricordare che l’area in questione è adiacente alla scuola media “N. Perotto” e, dunque, frequentata da numerosi ragazzini che ogni giorno corrono un possibile rischio. E’ così che, ancora una volta, emergono i vantaggi di una Raccolta PaP (Porta a Porta) o di altri sistemi che permettano una migliore raccolta dei rifiuti e un minore ingombro delle strade riducendo i pericoli e i disagi conseguenti.

(A cura di Raffaele Salvemini – raffaele.salvemini@live.it)



Vota questo articolo:
5

Commenti


  • Emy

    Quando a Manfredonia comciano a fare la raccolta differenziata? che entro 2020 l’Italia deve attuare in tutte le città.


  • semprevigile

    Questa dei cassonetti è una storia tutta strana che succede solo a Manfredonia, infatti non sono poche le zone dove i cassonetti invece di stare negli appositi spazi (reseghe dei marciapiedi) vengono spostati in mezzo alal strada in quanto a detta degli operatori non è possibile, col mezzo idoneo, effettuare le operaziooooooooooooooooooocome anche appare strano che anche dove non sono collocati nelle reseghe gli stessi sono posti non lungo il marciapiede ma addirittura in mezzo alla via. In altre realtà si nota che i cassonetti sono posti negli appositi spazi e non destano nessun timore per la viabilità…. sarà perchè Manfredonia è particolare o sono particolari gli addetti alla raccolta ?????? Qualcuno direbbe è solo questione di stile !!!


  • Marco il Foggiano

    …non e’ colpa della collocazione dei cassonnetti ma di ki ha pianificato le fermate, di ki ha l’attivita’, ma sopratutto di ki ha voluto costruire una scuola ed un teatro … proprio la’.


  • La Città dei Porti (INUTILI)

    Per Marco il Foggiano. Le strutture cittadine (scuole, alberghi, teatri, chiese, negozi, ecc ecc) non vengono costruite in base alla collocazione dei cassonetti! Sono i cassonetti che vengono dopo. PERO’ il bravo urbanista prevede che vengano collocati cassonetti per la raccolta e progetta prima le riseghe dei marciapiedi. Purtroppo in questa città non ci sono bravi urbanisti, non ci sono bravi assessori all’urbanistica, non ci sono bravi nel nostro caro palazzo San. Domenico, ma ci sono solo fantasmi (diritto di critica, metafora,ndr) che chiedono a gran voce di chiudere le porte per stare su feisbuc senza essere disturbati.Ordunque che pajs d mèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèrd


  • agguerrito

    Parliamo della fermata degli autobus nel bel mezzo di una rotatoria….penso unica in europa (capitaneria di porto) priva di un qualsiasi riparo da parte dei viaggiatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi