CapitanataManfredonia
È bastato cambiare un numero su un certificato per far passare undicimila tonnellate di grano duro convenzionale come biologico

Falso biologico, inchiesta Report su truffa partita dalla Puglia

Gran parte del grano biologico che consumiamo arriva dai paesi dell’Est

Di:

Roma. È bastato cambiare un numero su un certificato per far passare undicimila tonnellate di grano duro convenzionale come biologico. La truffa è partita da San Paolo Di Civitate, provincia di Foggia. Gli enti che dovevano e potevano controllare sulla vendita se ne sono accorti sei mesi dopo, quando il grano è diventato semola e poi pasta spedita in tutto il mondo. Che cosa succede se poi si scopre che il grano non era biologico? Bisogna ritiralo dal mercato, ma dopo mesi è già cotto e mangiato. L’inchiesta entra nel mondo dei certificatori e si sviluppa in Romania dove alcuni enti di certificazione italiani sono stati sospesi perché certificavano come biologici prodotti trattati con fitosanitari e pesticidi.

Gran parte del grano biologico che consumiamo arriva dai paesi dell’Est. Bernardo Iovene si è trasformato in imprenditore agricolo per ricostruire come è stato possibile che in cinque anni siano transitate 350 mila tonnellate di falso biologico in Italia. A vigilare su tutto c’è il ministero delle Politiche agricole, ma proprio nel ministero e nel posto cruciale potrebbero annidarsi relazioni pericolose.

“Report”, questa sera ore 21.30 su RAI 3.

redazione stato quotidiano.it – riproduzione riservata



Vota questo articolo:
4

Commenti


  • svolta

    L’Italia una volta era il paese di poeti, santi e navigatori…. oggi, per colpa della politica che tutto mastica, è diventato un paese di corruttori, falsificatori, ipocriti dove la illegalità regna sovrana ed incontrastata in tutto e per tutto, ad iniziare dalle sedi principali del paese, dove si annida il malaffare più subdolo.


  • Manfredonia la giuda del Gargano!

    Condivido al 100% sig. svolta!!


  • Votiamo NO ai referendum sui mostri : San Spiriticcho e quello di Firenze

    Non una giornalaia o pennivendola, ma una Giornalista preparatissima e sincera, quindi fuori dalle scatole! Questa è l’italia, italia di politici papponi e delinquenti!


  • terrestre poco speranzoso

    Purtroppo gente senza scrupoli ci sono in ogni settore e attività lucrativa e non.Anche loro non saranno immuni dalle malattie causate da alimenti contaminati o contraffatti,tranne coloro che avessero trovato un altro pianeta incontaminato e vivibile,cosa al quanto molto remota e possibile con le nuove scoperte spaziali. Andare, oggi, alla ricerca dei prodotti biologici equivale a dire una bestemmia.E’ la moda del secolo,è come cercare l’elisir di lunga vita. Aria, terra, mare sono inquinati e tutte le bonifiche che tentano di fare specialmente nei siti SIN è solo una presa per i fondelli, viviamo e vivremo contaminati fino alla fine del mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati