Manfredonia
"A maggio scorso, in Consiglio regionale, presentai una mozione a riguardo, approvata dall’assise, e per questo primo risultato raggiunto posso esprimere soddisfazione"

Gatta: “Pesca, bene indennità da Governo, ora tocca alla Regione”

“La prima tranche - prosegue - sarà erogata con valuta 14 ottobre ai dipendenti e marinai della grande pesca e il resto successivamente"

Di:

Bari. “Il Ministero del Lavoro ha finalmente incominciato a liquidare alle marinerie le somme a titolo di indennità per il fermo biologico. A maggio scorso, in Consiglio regionale, presentai una mozione a riguardo, approvata dall’assise, e per questo primo risultato raggiunto posso esprimere soddisfazione. Ma per la pesca, settore identitario per l’economia pugliese, è necessario fare molto di più”. Così il vicepresidente del Consiglio regionale, Giandiego Gatta.

“La prima tranche – prosegue – sarà erogata con valuta 14 ottobre ai dipendenti e marinai della grande pesca e il resto successivamente, per un ammontare complessivo di somme destinate pari a 18 milioni di euro. Adesso attendiamo segnali concreti da parte della Giunta regionale, da cui attendiamo il varo dimisure idonee a sostenere il settore in modo strutturale. Si rincorre spesso la contingenza – conclude Gatta – senza una strategia complessiva che tuteli il lavoro delle nostre marine. E’ ora di cambiare pagina”.

redazione stato quotidiano.it



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • matteo

    Come farà a guardare negli occhi i suoi elettori che dopo aver versato contributi per una vita forse prenderanno una pensione sociale mentre lui per 1 consigliatura regionale prenderà un VITALIZIO MENSILE DI 4.322,14 EURO!! –
    E lui pensa alle proposte di legge sull’ “Autorizzazione al prelievo in deroga dello sturnus vulgaris” ( sono gli storni comuni).
    il cittadino piange perchè si muore di fame mentre lui tutto felice canta Battisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati