CulturaFoggiaScuola e Giovani
Nel 2011 la laurea honoris causa in Odontoiatria e Protesi dentaria

Scomparsa Veronesi: il ricordo della comunità universitaria

Il prestigioso riconoscimento fu conferito dal prof. Giuliano Volpe durante una cerimonia molto sentita

Di:

Foggia. Il Rettore dell’Università degli Studi di Foggia, prof. Maurizio Ricci, a nome personale e dell’intera comunità accademica, esprime profondo cordoglio per la scomparsa del prof. Umberto Veronesi al quale l’Ateneo conferì nell’anno 2011 la laurea honoris causa in Odontoiatria e Protesi dentaria.

Il prestigioso riconoscimento fu conferito dal prof. Giuliano Volpe durante una cerimonia molto sentita e partecipata da studenti, docenti, personale amministrativo, rappresentanti di istituzioni, enti e associazioni. Il prof. Veronesi fu accolto con grande affetto dalla cittadinanza e numerose furono le attestazioni di stima e ammirazione nei suoi riguardi, attestazioni, che ricambiò manifestando non solo apprezzamento verso i risultati raggiunti dal giovane Ateneo ma anche dichiarando il suo forte legame con la Puglia.

L’intreccio nella sua personalità di sensibilità, formazione, ricerca, impegno culturale e civile portarono l’Università di Foggia a conferirgli l’onorificenza accademica con la motivazione che di seguito si riporta:

Medico, oncologo di fama mondiale che ha dedicato tutta la sua attività clinica e di ricerca alla prevenzione e alla cura del cancro per le indiscutibili doti professionali che hanno caratterizzato la sua carriera, per il costante impegno professionale allo studio ed alla cura dei tumori e per la sua dedizione a diffondere le conoscenze mediche, come testimoniato dalla creazione della Scuola Europea di Oncologia e dalla decisione di istituire, come Ministro della Salute, la Formazione Medica Continua Obbligatoria. Il professor Umberto Veronesi, noto in tutto il mondo per il notevole contributo scientifico dedicato all’approfondimento di alcuni aspetti della terapia e della prevenzione dei tumori, ha con le sue scoperte permesso di raggiungere nuove frontiere nella terapia delle neoplasie maligne. Il professor Veronesi ha, inoltre, avviato una serie di processi divulgativi ed educativi che hanno promosso il miglioramento dello stato di salute del singolo e della collettività mediante l’adozione di appropriati stili di vita e di forme di prevenzione primaria e secondaria. Per tutto quanto su indicato, visto il suo pregevole ed elevato apporto all’approfondimento delle conoscenze applicabili nel trattamento di tutte le neoplasie di origine epiteliale e all’introduzione di innovative metodiche di terapia e prevenzione conferisce al professor Umberto Veronesi la Laurea Specialistica honoris causa in Odontoiatria e Protesi dentaria”.

La platea riservò grande attenzione alla sua lectio doctoralis permeata di ricordi della sua lunga e prestigiosa carriera e centrata su tre grandi rivoluzioni in campo medico: la decodificazione del DNA umano, la capacità di diagnosticare i tumori al loro esordio e il passaggio da una medicina paternalistica ad una medicina fondata sui diritti del paziente.

Il 15 giugno del 2011 è stata una giornata straordinaria per la nostra Università e per me, in particolare. Ha dichiarato il prof. Lorenzo Lo Muzio – Direttore del Dipartimento di Medicina clinica e sperimentale e della Clinica odontoiatrica, promotore dell’iniziativa – La laurea honoris causa in Odontoiatria e Protesi dentaria è stato un modo per esprimere la nostra sincera e profonda ammirazione nei confronti del professore Veronesi non solo per la sua attività di clinico, per il suo lavoro scientifico ma anche, e soprattutto, per l’esempio che rappresenta per tutti noi medici con la sua vita spesa al servizio degli altri, una vita piena di emozioni e sostenuta dalla passione che ha profuso nella sua attività. Oggi piangiamo un uomo dall’incredibile storia, che ha condotto una esistenza tutta dedicata alla cura dell’uomo nel suo essere insieme corpo e psiche e non del solo processo patologico di cui fosse affetto, che ha superato difficoltà, raggiunto traguardi straordinari e che, forte della sua esperienza, ci ha guidato e continuerà a farlo nella difficile lotta contro il male del secolo.”



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati