EventiManfredonia

Festival Cinema Indipendente, vincitori della XII edizione

Di:

Al centro Anna Rita Caracciolo, presidente e responsabile associazione Angeli, organizzatrice della manifestazione Corto e Cultura (ST, archivio)

Foggia – “IL successo che ha riscosso questa edizione del Festival del Cinema Indipendente, organizzato dalla Provincia di Foggia, ci conferma che, in questi ultimi anni, intorno alla kermesse è cresciuto un nutrito movimento di appassionati della settima arte e di giovani filmaker sempre più qualificati, pronti a misurarsi e a stringere sinergie con registi e professionisti del cinema a livello nazionale ed internazionale”. Commenta così il vicepresidente e assessore alla Cultura della Provincia di Foggia, Billa Consiglio, la XII edizione del Festival del Cinema Indipendente, che venerdì sera, al Teatro del Fuoco, si è conclusa con la cerimonia delle premiazioni.


La giuria tecnica presieduta dal regista Gianmaria Tavarelli e composta dalla regista Giorgia Cecere, dalla responsabile casting Marita D’Elia, dallo scenografo Renato Lori e dal giovane regista foggiano Carlo Fenizi, ha decretato i vincitori. Il Premio al miglior film è andato alla pellicola irlandese “Parked” di Darragh Byrne, che ha vinto anche il premio alla migliore sceneggiatura, scritta da Ciaran Creagh. Molto soddisfatti i produttori del film, Dominic Wright e Jacqueline Kerrin, che in collegamento skype hanno salutato il pubblico del Festival, complimentandosi per la manifestazione.


È andato invece all’intero cast di Maternity Blues, opera seconda di Fabrizio Cattani, il premio al miglior interprete, ritirato dall’attrice Marina Pennafina. La giuria ha voluto riconoscere anche una menzione speciale al film “Ulidi Piccola mia” di Mateo Zoni, che ha ritirato personalmente il premio. A rappresentare il film “Doll, the Fatso & me” di Felix Stienz, road movie tedesco, vincitore del premio della critica, l’attrice Nadia Kibout.


“Siamo molto contenti anche di quest’apertura del festival, sin dallo scorso anno, alle produzioni europee, che hanno incontrato il favore del pubblico e soprattutto hanno permesso al Festival di consolidare la dimensione internazionale” ha sottolineato l’assessore Consiglio, che ha aggiunto: “Ci incoraggiano molto anche l’ottima partecipazione di spettatori in sala, a tutte le proiezioni dei film in concorso e agli eventi speciali, dalla proiezione inaugurale della versione integrale e restaurata di ‘C’era una volta in America’, all’incontro con Elio Germano. Inoltre, siamo davvero soddisfatti della risposta delle scuole e della collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di Foggia”.


Fiducioso sul futuro del Festival anche Geppe Inserra, Dirigente della Provincia di Foggia e Responsabile Unico del Procedimento, ideatore e fondatore del Festival, che ha seguito con particolare attenzione le giornate dedicate alla sezione non competitiva “Cinema di Capitanata”, riservata alle opere realizzate da autori originari della provincia di Foggia, sottolineando la vivacità e la crescente qualità delle produzioni locali.


Assegnato anche il premio al miglior “Cortissimo”, la categoria in concorso dei mini-film della durata massima di cinque minuti. Il primo premio, a “Il ritorno di Haircut” di Nicolò Lombardi, è stato decretato dal pubblico presente alla proiezione dei dodici lavori in gara, che si è svolta il 3 dicembre al Moody Jazz Cafè. Ai voti del pubblico sono stati aggiunti i voti espressi dalla giuria tecnica, composta dai Direttori Artistici della rete dei gemellaggi “Gargaunia”, che il Festival del Cinema ha avviato con i Festival dei Cortometraggi di Bovino Independent Short Film Festival (Francesco Colangelo e Alessandro Valori), Corto e Cultura di Manfredonia (Anna Rita Caracciolo), Officinema di Rocchetta Sant’Antonio (Andrea Gisoldi e Mirko Mastrogiacomo) e Gargano Film Fest di San Giovanni Rotondo (Maurizio Placentino). A completare la giuria tecnica anche il giornalista Michele Campanaro.


Lunghi applausi hanno raccolto, nel corso della serata finale, gli interventi comici di Paolo Migone, cabarettista e caratterista italiano, noto al grande pubblico per la sua partecipazione al programma televisivo “Zelig”. Molto apprezzati anche gli intermezzi musicali eseguiti dalla “Risollevante Band” e da Arnaldo Santoro, vocalist romano, con origini foggiane, recentemente in tournèe americana con Gegè Telesforo.


Redazione Stato



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • diffidente

    Pensavo avesse vinto, tra i 10000 cortometraggi presentati, tale Alessandro Murgo con il corto ” Come vincere un concorso immaginario a Miano”………..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi