ManfredoniaSport

Webbin Manfredonia a Cerignola, la principessa diventa regina

Di:

Giocatori della Webbin (Ph: Lucia Melcarne)

Manfredonia – LA principessa è diventata regina, con tanto di corona dorata. La Webbin Manfredonia sbanca il PalaDiLeo di Cerignola battendo la corazzata guidata da felice Carano e lancia un potente messaggio al campionato agganciando la testa della classifica. I ragazzi di Ciociola fanno propria la gara grazie ad una incredibile prova di squadra, con i cinque elementi del quintetto di partenza quasi tutti in doppia cifra ed una strepitosa difesa sui temutissimi giocolieri avversari. La fotografia della partita è tutta qui, rappresentata da Aliberti (11 punti – 14 rimbalzi) che sigla il 56-61 su una rimessa dal fondo spiazzando l’intera difesa avversaria, e Gramazio (10 punti) a marchiare a fuoco il punteggio ai tiri liberi.

Il Cerignola, incredulo, è costretto a fare un passo indietro e ad abdicare, lasciando la corona di regina del campionato ai bianco-azzurri sipontini. Eppure la ex sovrana parte benissimo (8-2) con due triple di Jolicoeur (17) a far presagire una serata piuttosto svagata. Ma il Manfredonia difende con estrema convinzione e grazie ai canestri a ripetizione anche con soluzioni non semplici di Raffaele Ciccone (18), cava subito le castagne dal fuoco mettendo il naso avanti. Il primo periodo si chiude infatti sul 18-23 per gli ospiti, seguiti in terra ofantina da un significativo numero di appassionati.

Nel secondo periodo il Cerignola si lancia all’inseguimento puntando sulla enorme fisicità dei propri elementi presentando un quintetto “lungo” con Sfregola (10) nel ruolo di centro sotto canestro e Volf (13) ala piccola, ma non riesce ad agganciare il Manfredonia perché Alvisi (9), oltre ad impegnarsi nel ruolo di difensore implacabile, riesce a rispondere colpo su colpo anche in attacco.

Alla pausa lunga il vantaggio è ancora della webbin sul 30-35. Nel terzo periodo i padroni di casa mostrano i muscoli, e con la zona 3-2 a spron battuto cercano il vantaggio e lo trovano sul 40-39 grazie ad una incredibile schiacciata del solito implacabile Jolicoeur. Ma gli ospiti, nonostante il parziale negativo (12-8) tengono botta, non perdono contatto e riescono comunque a chiudere ancora in vantaggio 42-43 all’ultimo mini-riposo. Nell’ultima e decisiva frazione i padroni di casa si affidano troppo alle individualità ed ai tiri dalla distanza. Una scelta che non paga i dividendi sperati, in quanto le imprecisioni rendono la squadra pallida e balbettante, mentre dall’altra parte del campo un monumentale S. Ciccone (11) rende i compagni di squadra focosi e spietati, con Gramazio che sale in cattedra: un arcobaleno, un’incursione, un assist, il tiro libero decisivo. I giochi si
chiudono sul 56-62 con i ragazzi bianco-azzurri che festeggiano a metà campo tra gli applausi del pubblico.

L’orgoglio e lo spirito di gruppo dei ragazzi di Ciociola ha fatto realizzare il miracolo sportivo contro una autentica corazzata, anche se il tecnico Ciociola tiene i toni bassi ma esalta i suoi splendidi ragazzi: “è stata una gara intensa, non giocata bene da entrambe le squadre. La posta in palio era altissima, per questo ne è uscita una gara maschia e con tanti errori. Siamo riusciti a tenere la Solenergy al di sotto dei 60 punti con una gara molto attenta in difesa, non facendo partire il contropiede dei nostri avversari. In attacco se pur con tanti tiri forzati siamo riusciti ad avere una discreta circolazione di palla. Questa vittoria è il frutto del lavoro lodevole effettuato in settimana dai miei ragazzi, capaci di dare tutto e lavorare anche in condizioni poco favorevoli. Dopo l’infortunio di Stefano Russo, fuori causa da due settimane ormai, è aumentato il nostro spirito di gruppo. Mi auguro sia definitivamente cementato, visto che siamo al termine del girone di andata e ci lanceremo da settimana prossima verso la volata finale rappresentata da quella strana seconda fase del campionato che il regolamento ci ha riservato.”

Non è uno scherzo, ma il girone di ritorno che si aprirà per il Manfredonia con l’impegno di domenica contro il fanalino di coda Rutigliano non sancirà la squadra vincente, ma solo la griglia di partenza per la seconda fase, da affrontare contro le migliori del girone B del campionato regionale di serie “D”. Ma poco importa. Passo dopo passo si raggiungerà sicuramente in casa webbin un traguardo importante.


TABELLINI

Olimpica Solenergy Cerignola 56
Webbin Manfredonia 62
parziali: 18-23,12-12,12-8,14-19

arbitri: Paradiso – Zuccarino

Solenergy Cerignola
Jolicoeur 17,Triglione 8, Sfregola 10, Curci n.e. Carella 3,Sciusco n.e., Volf 13, Arbizzani, Clemente n.e. Romano 5; all. Carano
A.all. Saracino

Webbin Manfredonia
B.Carmone, D. Totaro 2, B. Vaira 1, U. Gramazio* 10, G. Aliberti* 11, Ciccone R.* 18, Ciccone A.* 10, W. Alvisi* 9, P. De Lucia, G. Tomaiuolo n.e. all.: G.P. Ciociola; a.all.: F. Carbone


Redazione Stato@riproduzioneriservata



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi