FoggiaManfredonia

Territorio e rinnovabili, Lipu: Ferrante insulta la Daunia, l’Irpinia e il Sud

Di:

Enzo Cripezzi (a destra - fonteimage: giornaledelcilento)

Foggia – “FERRANTE la smetta di offendere il territorio meridionale fin troppo umiliato”. Lo afferma Enzo Cripezzi, coordinatore LIPU di Puglia e Basilicata, che aggiunge: “Affermazioni gravissime quelle di Ferrante, nel solco di una sottocultura che legittima la disinvolta confisca di migliaia di ettari di territorio con il grimaldello di eolico e fotovoltaico.

Il giornalista Sergio Rizzo è intervenuto sulla questione energetica pugliese dalle pagine del Corriere della Sera (link all’articolo) citando, tra l’altro, la speculazione delle rinnovabili, e parlando semplicemente di ….sterminate distese di pannelli fotovoltaici che hanno sottratto centinaia di ettari all’agricoltura… casi siciliani di eolico in aree poco ventose… regioni che non impediscono scempi indicibili (con eolico e fotovoltaico)… e chiedendosi come mai in una regione (la Puglia) cui sta tanto a cuore l’ambiente abbiano devastato una campagna meravigliosa con migliaia di pale eoliche.

Al di là dei ragionamenti su incapacità e conflitto delle istituzioni in materia energetica, le citazioni di Rizzo su eolico e fotovoltaico sono oggettive e inconfutabili.

Ma ecco Francesco Ferrante, ex parlamentare Margherita – PD, in soccorso della speculazione delle rinnovabili e contro le affermazioni di Rizzo (link al suo intervento).

Ferrante tenta di legittimare migliaia di ettari agricoli ingoiati dal fotovoltaico confrontandolo con quello perduto con la cementificazione, come se assurdamente l’uno fosse giustificabile rispetto all’altro. Fino ad invitare nei luoghi tra Irpinia e Puglia dove le pale si, ci sono, ma sono “bellissime” e addirittura “completano quel paesaggio”. A suo dire !

“Proprio perché l’Italia ha immense aree già cementificate, – prosegue Cripezzi – quel fotovoltaico poteva e doveva essere allocato in queste aree compromesse. Anzi, a parità di risorse, insediandone – di più, magari evitando, cosi, anche di insediare inutilmente l’eolico,

– meglio, su aree urbanizzate coinvolgendo condomini, famiglie, artigiani con utili integrazioni in tempo di crisi invece di foraggiare i soliti furbi, anche esteri,

– gradualmente, evitando il “tutto e subito” a caro prezzo con vantaggi per altri Paesi, che ora invece approfittano della curva discendente dei costi cui ha contribuito la “cavia” Italia”.

Quei territori della Daunia pugliese, dell’Irpinia, come della Basilicata o della Sicilia, erano decisamente “più” belli e attraenti prima che fossero industrializzati vomitandoci innumerevoli, enormi torri eoliche che ne hanno violentato i caratteri identitari.

Contestare simili dati di fatto, elementari anche per un bambino, è intollerabile ma, ancor più, la maldestra semplificazione di Ferrante offende la dignità di interi comprensori ridotti a “non luoghi”, prima dominati da Tratturi regi, Cicogne nere e Nibbi reali, aree Storiche e Archeologiche, Paesaggi suggestivi (apprezzati anche per location cinematografiche, vai al link). Valori che dovevano essere capitale per l’unico riscatto possibile delle aree interne del Sud, compromessi invece da questa immane aggressione”.

E pur senza valutare i penosi risultati energetici: migliaia e migliaia di torri eoliche (senza nemmeno un’anagrafe delle macchine realizzate!) per poco più del 5% di apporto elettrico (di scarsa qualità perché non programmabile), pari a nemmeno il 2% dell’intero fabbisogno energetico del Paese.

Ma ciò che più indigna è l’elettroencefalogramma piatto della politica.

“Quando la smetteranno parlamentari e partiti di dormire sull’Italia aggredita da pale, pannelli e ragnatele di elettrodotti favorendo la legge del più forte ?“ – conclude Cripezzi.

La LIPU chiede nuovamente che si ponga fine al letargo politico: FERMARE immediatamente le prossime aste 2014 per l’assegnazione di lucrosi incentivi ventennali a nuove piantagioni eoliche e destinare quelle risorse verso politiche alternative di lotta ai gas serra ben più serie, performanti e utili, socialmente ed economicamente.

(A cura LIPU coord. Puglia e Basilicata 11.01.2014)



Vota questo articolo:
4

Commenti


  • no pale eoliche

    Non capisco perché questi individui non sono intervenuti sullo scempio del paesaggio in zona monteshell dove i capannoni nati dai contratti di zona hanno rovinato ambiente e paesaggio, cmq con questo non giustifico le pale eoliche nel golfo, ma solo le strumentalizzazioni che avvengono in questi casi da parte delle associazioni di carattere ambientalista e che non intervengono mai nelle occasioni in cui la sinistra deturpa con le sue scelte sbagliate questo territorio, anzi le giustifica.
    Il territorio e l’ambiente non sono ne di destra e ne di sinistra.


  • Marco

    Non credo proprio che la LIPU e il Signor Cripezzi giustifichino alcunchè devasti i territori, che lo facciano quelli di destra o quelli di sinistra.
    Per altro le pale eoliche spesso sono “di sinistra”, ma piacciono pure alla “destra”.
    In ogni caso in Puglia la responsabilità principali per le devastazioni eoliche le hanno Vendola e il PD. Ma non è detto che il PDL si sarebbe comportato meglio. Chissà.


  • Vigoli Dino

    La puglia ha avuto un calo della produzione del grano e del pomodoro a scapito degli agricoltori locali.
    Se continuiamo di questo passo calerà anche la pesca.


  • semprevigile

    Quei territori della Daunia pugliese, dell’Irpinia, come della Basilicata o della Sicilia, erano decisamente “più” belli e attraenti prima che fossero industrializzati vomitandoci innumerevoli, enormi torri eoliche che ne hanno violentato i caratteri identitari.
    Come il Golfo di Manfredonia…. che con un arnese (no grimaldello) ma piede di porco in mano ai…po……, stanno tentando di deturpare questo ennesimo gioiello che madre natura ci ha donato e che l’uomo per la sua identificazione l’ha denominato “GOLFO DI MANFREDONIA”.
    Implorazione divina: “Che Dio ci salvaguardi da tale scempio e da chi l’ha progettato ed autorizzato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi