CapitanataFoggia

Trasportavano 86mila lt gasolio rubato, 7 arresti tra Cerignola e Andria

Di:

San Severo – I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Foggia e della Compagnia di San Severo hanno fermato poiché indiziati di aver ricettato 86.000 litri di gasolio rubato:

– MAZZA Pasquale, 49 anni di Cerignola;
– IPPOLITO Francesco, 50 anni di Cerignola;
– CAPOCEFALO Gioacchino, 41 anni di Cerignola;
– CICCONE Rocco, 45 anni di San Severo;
– FUCCI Riccardo, 51 anni di Andria;
– PICCININNO Leonardo, 60 anni di Andria;
– VURCHIO Umberto, 60 anni di Andria.

Su segnalazione dei Carabinieri della Compagnia di Chiavenna (SO) si apprendeva che durante la notte, in Mantello (SO), ignoti malfattori, introdottisi all’interno dei depositi della società OIL SERVICE SRL, avevano asportato un ingente quantitativo di gasolio per complessivi 86.000 litri e che la destinazione finale della merce sarebbe stata la Provincia di Foggia.

Veniva predisposto, pertanto, un mirato servizio di osservazione e controllo lungo le principali arterie stradali di questa Provincia che permetteva di intercettare sulla SS 16 all’altezza di Poggio Imperiale una colonna composta da due autovetture fiat Multipla seguite, a breve distanza, da due autocisterne identiche nelle fattezze e nei particolari a quelle utilizzate nella notte per asportare e successivamente trasportare l’ingente quantitativo di gasolio. Si constatava, inoltre, che entrambi i mezzi pesanti erano condotti da un solo autista successivamente identificati in Ippolito Francesco e Mazza Pasquale.

Aveva inizio, pertanto, il pedinamento. La colonna percorreva la statale e giunta all’altezza dello svincolo per san Severo Sud svoltava in una strada interpoderale in direzione del centro abitato di San Severo dove ad attenderla c’era una Fiat Doblò condotta da Ciccone Rocco. All’arrivo della colonna si salutavano tutti con colpi di clacson in segno di vittoria per il raggiungimento dell’obiettivo, dirigendosi in un deposito ubicato in Contrada Schiavetta.

A quel punto i carabinieri decidevano di fare irruzione nel parcheggio bloccando tutti e sette i malfattori che tentavano invano la fuga. Gli immediati accertamenti permettevano di confermare sia che le due cisterne fossero identiche per forma e calcomanie adesive laterali a quelle ritratte nelle due istantanee fotografiche estrapolate da un impianto di video sorveglianza ubicato nei pressi del deposito di Mantello (SO), sia che il quantitativo di gasolio denunciato quale provento di furto fosse identico a quello presente nelle cisterne. I fermati, inoltre, non avevano al seguito la prevista documentazione amministrativa attestante la movimentazione del carburante. I predetti venivano, pertanto, dichiarati in stato di fermo ed associati alla casa circondariale di Foggia.

Redazione Stato@riproduzioneriservata

FOTOGALLERY VINCENZO MAIZZI



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi